Principale » altri animali » Stitichezza in un gatto: cosa usare e come trattare il megacolon

Stitichezza in un gatto: cosa usare e come trattare il megacolon

Costipazione in un gatto

Costipazione in un gatto questo è un problema molto spesso sottovalutato.

Per un corretto funzionamento e una vita normale, ogni organismo vivente ha bisogno di alimenti che forniscano nutrienti, vitamine e macronutrienti essenziali.

Questi ingredienti devono essere introdotti nel sistema in modo sistematico, perché solo così garantiscono il mantenimento dell'omeostasi del sistema manifestata dallo stato di salute.

Non sempre siamo consapevoli quotidianamente dell'importanza di una corretta alimentazione e delle gravi conseguenze che possono derivare da errori in questo settore.

Pertanto, è estremamente importante fornire all'organismo gli ingredienti migliori e più digeribili, senza i quali non è in grado di funzionare a lungo.

Tuttavia, anche l'alimentazione più equilibrata e appropriata porta alla formazione di sottoprodotti, cioè frammenti di cibo che devono essere escreti dal tratto gastrointestinale. Questo avviene naturalmente per defecazione, e le parti escrete del cibo formano le feci caratteristiche di ogni specie animale.

A volte, tuttavia, l'escrezione non avviene in modo regolare, portando a un'eccessiva ritenzione di feci nel tratto gastrointestinale e alla formazione di costipazione in un gatto.

La società moderna, purtroppo, ha spesso questo problema, che è una diretta conseguenza di un'alimentazione scorretta (cibi altamente lavorati e con basso contenuto di fibre) e della mancanza di attività fisica.

E qual è la situazione con i gatti? Ecco di cosa parlerà questo articolo. In esso spiegherò cosa sono costipazione in un gatto, da dove vengono e come puoi prevenire la stitichezza nel tuo gattino.

  • Cos'è la stitichezza in un gatto?
  • Cause di stitichezza nei gatti
    • Costipazione alimentare in un gatto
    • Costipazione comportamentale e ambientale
  • Com'è la stitichezza in un gatto??
  • Stitichezza in un gatto: sintomi
  • Megacolon, o sindrome del colon gigante
  • Diagnosi della malattia
  • Stitichezza in un gatto: trattamento
  • Riepilogo e un po' di prevenzione

Cos'è la stitichezza in un gatto?

Cos'è la stitichezza in un gatto?

defecazione, cioè, il processo fisiologico della defecazione nei gatti è molto individuale, perché ogni individuo può comportarsi in modo leggermente diverso.

Pertanto, è difficile determinare la corretta frequenza di defecazione e quindi adottare uno standard all'unanimità.

All'inizio bisogna quindi rendersi conto che ogni gatto va avvicinato individualmente e non parlare subito di patologia, anche se per un altro gatto è completamente diverso.

Perché se un gatto sano defeca due volte a settimana e allo stesso tempo conduce una vita normale - mangia, beve, gioca, questo è uno stato normale, proprio come se un altro gatto defeca due volte al giorno.

Ogni gatto è un po' diverso e non possiamo "metterli tutti in un sacchetto".

Tuttavia, se dovessimo generalizzare, un gatto adulto, sano e in buone condizioni espelle le feci di solito una volta al giorno.

Questa frequenza dipende in gran parte da:

  • il tipo di cibo consumato,
  • contenuto di acqua nel mangime,
  • la quantità di liquidi che bevi.

La consistenza delle feci dipende anche in gran parte dal tipo di cibo consumato.

Ebbene, se si mangia un alimento secco a basso contenuto di acqua, si avrà l'escrezione di feci ben formate e più compatte.

Mangiare cibo umido produce feci con una consistenza grassa e più acquosa.

I gatti sono animali con una natura molto sensibile e, quindi, reagiscono a piccoli dettagli nel loro ambiente, a cui i proprietari spesso non prestano affatto attenzione.

Cambiamenti ambientali improvvisi, come. cambiare la lettiera del gatto, sabbia o rifiuti che sta usando il gatto, luoghi dove di solito ci si prende cura, può causare l'interruzione del movimento intestinale.

Un tale fenomeno che dura per diversi giorni (fino a una settimana) non provoca gravi danni all'organismo.

Naturalmente, ripeterò ancora una volta che ogni gatto è un individualista, va trattato con molta cura e non sottovalutare alcun sintomo.

In questa prospettiva, possiamo introdurre una scadenza stipsi (versare. stipsi), cioè una condizione in cui la pausa nelle feci è maggiore della normale frequenza dell'individuo.

Varie fonti danno diversa durata della stitichezza, che va da 1 a diversi giorni.

Da un punto di vista clinico, possiamo distinguere "semplice stitichezza ”Di solito duratura diversi giorni nessun sintomo generale e sentirsi bene e "costipazione cronica "Accompagnato da pessime condizioni generali dell'animale.

La conseguenza della stitichezza cronica può essere un'entità patologica chiamata colon gigante, che, sebbene colpisca solo una piccola percentuale di tutta la stitichezza, è associata a conseguenze per la salute molto gravi.

È una condizione in cui il colon, a causa della presenza di feci, è notevolmente ingrandito, portando al completo arresto motorio di questo segmento.

Ora che sappiamo cos'è la stitichezza, è il momento di pensare alle cause e ai processi fisiopatologici che le accompagnano.

Cause di stitichezza nei gatti

Perché i gatti sono stitici??

In generale, possiamo concludere che la stitichezza può essere una conseguenza di processi patologici nell'intestino o derivare da disturbi che colpiscono l'intero corpo (cause sistemiche).

Quindi, le potenziali cause di stitichezza saranno fattori raggruppati nelle seguenti categorie:

  • fattori di malattia,
  • fattori dietetici,
  • fattori ambientali,
  • fattori comportamentali.

Stitichezza a causa di malattia

Fattori di malattia Sono senza dubbio la principale e più importante causa di stitichezza nei gatti.

In ogni caso con disidratazione del corpo o ostruzione intestinale - sia esso meccanico o funzionale, provocherà stitichezza.

Le ostruzioni meccaniche sono causate da:

  • corpi estranei ingeriti dall'animale,
  • tumori del colon,
  • ascessi,
  • altri organi e ghiandole invasi, comprimendo il lume degli intestini e quindi restringendoli.
Una causa importante dell'ostruzione può essere ghiandola prostatica, che ingrandiva frequentemente rende difficile il passaggio delle feci.

A volte gravi fratture ossee che non sono guarite correttamente e si sono fuse insieme possono rendere difficile il passaggio delle feci, ma per fortuna non ci sono molti casi di tali fratture.

L'ostruzione funzionale è associata a un indebolimento della motilità del colon, che si verifica in caso di disturbi minerali e vitaminici, ad es. ipocalittico Se ipercalcemia, o segue da danno ai nervi lasciando l'estremità del midollo spinale.

Grave incidente stradale, cade dall'alto Se morsi e danno alla colonna vertebrale può mostrare sintomi di stitichezza.

Cause iatrogene causate dalla somministrazione di determinati farmaci (es. oppioidi, farmaci colinergici).

Costipazione alimentare in un gatto

Costipazione alimentare

I fattori dietetici derivano dal background genetico dei felini, che sono animali tipicamente carnivori.

Alimentazione con un mangime non completamente bilanciato, basato su una grande quantità proteine e Grasso, un po' fibre e carboidrati può causare un normale transito intestinale alterato e costipazione.

I gatti vengono nutriti cibo secco, il basso contenuto di acqua e l'assunzione di liquidi insufficiente corrono il rischio di stitichezza.

Gatti che escono e cacciano, mangiando frammenti non necessariamente digeribili delle loro vittime, ad es. Le piume hanno anche maggiori probabilità di soffrire di ostruzione intestinale e passaggio alterato del contenuto.

Costipazione comportamentale e ambientale

Il trasloco può causare stitichezza in un gatto E infine, un ampio gruppo di cause è fattori comportamentali e ambientale.

I gatti che sono allo stesso tempo "predatori e prede" si sentono più spesso di altre specie fatica e quindi qualsiasi cambiamento nell'ambiente del gatto può avere gravi conseguenze.

Si abituano a un determinato ambiente e non amano i cambiamenti, soprattutto quelli relativi alla lettiera, la sua posizione, riempiendosi sotto forma di sabbia.

Non si può neanche sottovalutare traslochi, cambiamenti nello stile di vita i membri della famiglia, nuovi residenti, riarrangiamenti Se ristrutturazioni.

Forte stress può sempre provocare stitichezza.

L'igiene del gatto è importante, soprattutto del gatto a pelo lungo, che lecca il pelo nel tubo digerente. Sono ciò che può creare sfere dense, chiamate bezoarami ostruire il lume intestinale.

Gatti che vivono in casa, in spazi ristretti, annoiandosi, evitando il traffico e spesso affetti da obesità, inoltre, hanno un problema di stitichezza molto più spesso.

I gatti possono anche astenersi dal passare le feci in sporco o lettiera difficile da raggiungere.

Vale la pena ricordarlo spesso altre malattie possono causare costipazione secondaria (polineuropatia diabetica o neuropatia associata a tiroide insufficiente).

Vediamo quindi quanti fattori possono causare stitichezza e quanto sia importante conoscerli ed evitarli il più possibile.

Com'è la stitichezza in un gatto??

Come sta andando la malattia?

Indipendentemente dalla causa della stitichezza, il decorso della malattia è simile in ogni caso.

Le masse fecali nel colon si disidratano, diventano dure, compatte e secche, intasano meccanicamente l'intestino e quindi impediscono il normale passaggio del cibo.

Ricorda che i gatti consumano cibo frequentemente, ma in piccole quantità, quindi il volume delle masse fecali aumenta e le condizioni generali dell'animale si deteriorano rapidamente.

La massa fecale secca, dura e compatta è molto difficile da espellere perché associata a dolore significativo.

A volte la massa fecale accumulata allunga l'intestino così tanto che diventa più largo della ghiandola pelvica e si verificano cambiamenti irreversibili sotto forma di sindrome del colon gigante, chiamato megacolon.

Succede a causa di danni ai muscoli del colon e alle fibre nervose.

Può anche svilupparsi shock settico, quando batteri e tossine accumulati nelle masse fecali, rompendo la barriera intestinale, entrano nel flusso sanguigno.

Le conseguenze in ogni caso possono essere molto gravi, da qui l'importanza di un intervento medico tempestivo e professionale.

Stitichezza in un gatto: sintomi

Sintomi di stitichezza in un gatto

Inizialmente, le feci nel colon potrebbero non mostrare sintomi clinici chiari.

L'animale mangia normalmente cibo, che si accumula nell'intestino e causa vari sintomi nel tempo.

Quindi c'è una pressione sulle feci, che scompare con il tempo mentre si forma sindrome del colon gigante.

Il gatto spesso guarda nella lettiera, si stringe, ma gli effetti di questo sotto forma di feci non sono visibili. Allo stesso tempo, può miagolare, emettere strani rumori forti, suggerendo che qualcosa non va.

Sintomi simili possono accompagnare anche te problemi con la produzione di urina e sindromi urologiche, quando si tratta di ostruzione della bobina e riempire la vescica.

I tentativi dolorosi e inefficaci di espellere le feci appariranno sotto forma di una postura di sollievo, indicando dolore nella cavità addominale (schiena arcuata del gatto).

Questa condizione è accompagnata da sintomi generali, spesso aspecifici, causati da tossine assorbite dall'intestino, quali:

  • sonnolenza,
  • tristezza,
  • meno mobilità,
  • perdita di peso,
  • vomito in un gatto.

I sintomi della stitichezza possono essere accompagnati da diarrea nel gatto.

Frammenti liquidi di feci - muco, liquido sieroso e la relativa essudazione di sangue - passano intorno alle masse fecali residue e ispessite diarrea macchiata di sangue.

Gatti che soffrono spesso smettono di prendersi cura della propria igiene, che si manifesta più spesso con capelli opachi trascurati, capelli arruffati.

Nel tempo, i "gatti intasati" perdono l'appetito, smettono di mangiare completamente, il che è attribuito ai batteri assorbiti dall'intestino e che colpiscono il sistema nervoso centrale.

Il gatto è una specie che deve nutrirsi costantemente per evitare gravi disturbi metabolici nella forma fegato grasso.

Quindi possiamo vedere chiaramente come conseguenze estremamente gravi possono derivare dalla presenza di feci nel colon e quanto sia estremamente importante una reazione rapida da parte del proprietario e aiutare un gatto sofferente.

Megacolon, o sindrome del colon gigante

Una conseguenza molto grave della stitichezza cronica mal trattata o di una serie di stitichezza ripetuta è sindrome del colon gigante.

Questo problema potrebbe anche essere idiomatico.

Perché vale la pena saperne un po' di più?

Beh, principalmente perché emergente i cambiamenti sono irreversibili!

Ma dall'inizio.

Questa sindrome si verifica principalmente nel gruppo gatti anziani o in di mezza età.

Il disturbo in innervazione d'organo, compromissione nello spostamento del contenuto del cibo come risultato atonia del colon, con conseguente contrazioni peristaltiche poco efficaci.

Alcuni autori confrontano la malattia con la sindrome di Hirschsprung nell'uomo, sebbene ciò non sia completamente dimostrato.

La conseguenza della presenza di grandi quantità di feci nel colon sono cambiamenti irreversibili, che richiedono intensi, trattamento permanente del gatto per il resto della sua vita.

Le feci si accumulano costantemente nell'area interessata e i sintomi della stitichezza si ripetono.

Le masse fecali disidratate che si accumulano nell'intestino creano un grande "sacco" pieno di una massa dura e compatta, che il gatto non può svuotare da solo.

Nel video qui sotto puoi vedere come si comporta gatto con sindrome del colon gigante


Guarda questo video su YouTube

Diagnosi della malattia

Estremamente importante, come nel caso di qualsiasi entità patologica, è un colloquio, cioè una conversazione dettagliata con il proprietario dell'animale focalizzata principalmente su questioni relative all'escrezione.

Il proprietario del gatto indoor diventa una fonte di informazioni molto affidabile su la frequenza di defecazione del gatto.

Osserva la lettiera del suo reparto e nota i sintomi caratteristici di cui sopra, cioè:

  • bisogno doloroso di evacuare,
  • curvatura della colonna vertebrale,
  • mancanza di appetito,
  • vomito,
  • perdita di peso,
  • diarrea.

Durante la palpazione della cavità addominale, premendo l'addome, si possono avvertire ammassi fecali e riscontrare varie reazioni difensive del gatto dovute al dolore in questa zona.

Il manipolo "gatto di peluche" è vuoto, come dimostra l'esame rettale.

D'altra parte, i test di imaging sotto forma di raggi X, Ultrasuoni riempito analisi del sangue.

Facile Immagine a raggi X eseguita in una proiezione laterale può mostrare:

  • cambiamenti nella struttura del bacino (es. ossa mal fuse dopo l'infortunio),
  • tumori della parete intestinale che impediscono l'escrezione,
  • masse fecali residue, cioè coprostasi.

Esame ecografico permetterà:

  • misurare i due punti,
  • valutare il suo muro,
  • trovare formazioni patologiche nella cavità addominale (processo neoplastico),
  • valutare la vescica e le vie urinarie.

Le malattie di questo sistema possono dare sintomi simili, soprattutto nella fase iniziale della loro durata.

I test di laboratorio del sangue del tuo gatto sono generalmente normali, anche se a volte possono indicare una condizione disidratazione.

Gli esami del sangue devono essere eseguiti di routine in tutti i casi un gatto con sintomi di stitichezza, soprattutto più duratura.

Una volta conosciute le cause, la fisiopatologia della malattia, i sintomi e la diagnostica, pensiamo a come aiutare un gatto sofferente.

Esempio di immagini a raggi X che mostrano le masse fecali residue nell'intestino - coprostasi in un gatto e sindrome del colon gigante.

Megacolon in un gatto - sindrome del colon gigante Megacolon in un gatto - sindrome del colon gigante

Stitichezza in un gatto: trattamento

"Intasato" gatto soffre molto.

Pertanto, richiede un'azione rapida per evacuare il contenuto nell'intestino, che è l'obiettivo principale che vogliamo raggiungere.

Tuttavia, perché ciò accada, dobbiamo compensare la possibile disidratazione, i disturbi elettrolitici e l'equilibrio acido-base.

Nei pazienti con stitichezza, la correttezza è fondamentale idratazione del corpo (il corpo di un gatto è composto da ca 65-75% di acqua).

La densa materia fecale nel colon si disidrata, motivo per cui è così difficile per un gatto rimuoverla da solo.

Quindi, per idratare l'animale, possiamo usare:

  • 0,9% NaCl,
  • fluido multielettrolitico,
  • Il fluido di Ringer.

Il prossimo passo è liberare il colon dalle feci residue attraverso fare un clistere.

A causa del dolore significativo causato dalle feci residue, questa procedura deve essere eseguita in sedazione o anestesia, che nel contempo consentirà una significativa riduzione della sua durata.

Facciamo il clistere versandolo nel manipolo acqua calda, NaCl caldo nella quantità di circa 5-10 ml/kg m. C.

Puoi anche candidarti Olio di paraffina (fuori uso 5 ml / animale).

Il clistere liquefarà le masse fecali compattate e quindi faciliterà la loro espulsione.

A volte bisogna usare una pinza per rompere le masse, ovviamente, purché siano sufficientemente accessibili dall'ano.

In qualsiasi manipolazione nella delicata area dell'ano, occorre prestare particolare attenzione a non danneggiare la mucosa attraverso la quale i batteri penetreranno e causeranno intossicazione.

Dopo aver pulito l'intestino, lo usiamo di regola lassativi leggeri come:

  • Olio di paraffina,
  • lattulosio (0,2 mg/kg m. C. 3 volte al giorno),
  • bisacodile (5 mg/gatto una volta),
  • farmaci procinetici che supportano la motilità intestinale (cizaprid 0,1-0,5 mg/kg m. C. 2 volte al giorno).

In ogni caso, dobbiamo applicare terapia antibiotica, in connessione con microtraumi della mucosa e per ridurre i batteri intestinali (es. amoxicillina).

Vale anche la pena usare i farmaci del gruppo per un breve periodo farmaci antinfiammatori non steroidei, che migliora notevolmente il benessere del gatto alleviando il dolore.

È estremamente importante trattare la stitichezza corretta alimentazione di un gatto malato.

Un gatto malato ha bisogno di aumentare la quantità di acqua che consuma rinunciando al cibo secco e sostituendolo con cibo umido (es. lattine).

Vale la pena utilizzare tutti i metodi che incoraggiano il gatto a bere più acqua possibile, ad es. aggiungendo carne o brodo alla ciotola, fornendo accesso a una fontana d'acqua dove l'acqua è in movimento.

Alcuni nutrienti (latte, fegato, carne cruda) hanno un effetto benefico ammorbidendo le feci che si formano.

La peristalsi dell'intestino crasso è stimolata dalla fibra alimentare, senza essere essa stessa digerita.

Può provenire da:

  • barbabietola,
  • carote,
  • frutta,
  • zucca,
  • cicoria,
  • crusca di frumento,
  • semi di psillio.

La fibra alimentare stimola l'intestino e le sue frazioni solubili hanno la capacità di legare l'acqua e formare gel e subire una fermentazione batterica.

Pertanto, il cibo consigliato per i gatti stitici conterrà più fibre.

A volte, però, soprattutto nel caso della sindrome del colon gigante, quando i cambiamenti nella parete intestinale sono molto avanzati, l'aggiunta di fibre può peggiorare la malattia!

Ecco perché ogni caso di stitichezza dovrebbe essere trattato individualmente e seguire rigorosamente le raccomandazioni del medico curante.

Alcuni casi di costipazione cronica richiedono e trattamento chirurgico.

La stitichezza cronica può richiedere un intervento chirurgico

In caso di stitichezza molto duratura accompagnata da alterazioni permanenti del colon, si consiglia la sua rimozione.

In altri casi, potrebbe essere necessario correggere le ossa pelviche fuse in modo anomalo dopo una lesione, rimuovere i tumori che premono sul colon o la castrazione che porta alla riduzione della prostata.

Resezione del colon fa sì che la sua attività venga assorbita dalla parte posteriore dell'intestino tenue ed è altamente efficace.

Riepilogo e un po' di prevenzione

Come prevenire la stitichezza in un gatto?

Infine, vale la pena menzionare la prevenzione della stitichezza, secondo il principio che prevenire è meglio che curare.

Può sembrare un luogo comune, ma nel caso dei gatti la priorità dovrebbe essere quella di prendersi cura dei bisogni mentali e di vita del reparto.

A volte una conversazione approfondita con il proprietario che spiega le esigenze del gatto, l'importanza della cura del pelo, il gioco, l'accesso a un luogo pulito in un luogo appartato dove il gatto si sentirà al sicuro e fornire una fonte costante di acqua pulita e volutamente bevuta può fare miracoli ed eliminare il rischio di stitichezza.

È anche estremamente importante diversificare l'ambiente di vita del gatto, soprattutto per quello che vive in appartamento, per fornire intrattenimento, luoghi in cui possa nascondersi e osservare in sicurezza l'area.

Molte delle nostre azioni, anche quelle ovvie, possono rivelarsi estremamente efficaci.

In natura, nei felini selvatici il problema della stitichezza è praticamente inesistente, quindi noi umani siamo in gran parte responsabili della sua comparsa tra i gatti domestici.

In parte, la stitichezza può essere trattata un po' come una malattia della civiltà, che, fortunatamente, nella maggior parte dei casi è facilmente controllabile, a condizione di un pronto intervento medico.

Quindi non sottovalutare nemmeno l'occorrenza occasionale di stitichezza, conoscendo le conseguenze sulla salute, spesso non troppo lontane, della loro durata.

Spero di essere riuscito a spiegarti qual è il problema della stitichezza nei gatti. Spero anche che tu sappia già riconoscere i sintomi di accompagnamento nel tuo gattino.

Se vuoi saperne di più su questa condizione, o su una dieta per un gatto che soffre spesso di stitichezza - aggiungi un commento sotto l'articolo - risponderò alle tue domande il prima possibile.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento