Principale » cane » Radiografie nel cane e nel gatto: quando fare e quanto costa una radiografia?

Radiografie nel cane e nel gatto: quando fare e quanto costa una radiografia?

Radiografia del cane

Esame a raggi X è uno dei test più frequentemente commissionati ed eseguiti in medicina veterinaria.

Consente la visualizzazione di tessuti, organi, ossa e corpi estranei come ad es. oggetti ingeriti, calcoli nella vescica, pellet, ecc.

Molto in generale si può dire che i raggi X penetrano nei tessuti e mostrano le strutture interne del paziente, grazie alle quali i medici possono diagnosticare molte malattie, cosa che sarebbe estremamente difficile (spesso addirittura impossibile) utilizzando altre tecniche diagnostiche.

La stessa radiografia evoca emozioni estremamente diverse nei proprietari.

Dalla completa indifferenza e trattarlo come qualsiasi altro esame, alle paure e all'ansia, è davvero necessario e non danneggerà l'animale.

In questo articolo vorrei fugare i dubbi riguardanti sia l'esame radiografico stesso che l'analisi radiografica.

Non si discute sul fatto che si tratti di uno studio importante, che spesso accorcia in modo significativo il percorso diagnostico, e quindi accelera l'introduzione di cure adeguate.

Ma è proprio necessario oggi - nell'era delle nuove e moderne tecniche e metodi di ricerca - sottoporre il paziente a radiazioni a raggi X (che dopotutto sono dannose)??

Cosa può essere rilevato con il suo aiuto?

Che non va bene per i raggi X?

Cercherò di rispondere a queste e ad altre domande nel seguente studio. Quindi vi invito a leggere!

  • Storia dei raggi X
  • Come vengono prodotti i raggi X?
    • Costruzione della macchina a raggi X
    • Formazione dell'immagine a raggi X
    • Artefatti
  • Proprietà della radiazione a raggi X
  • L'effetto dei raggi X sul corpo
  • Protezione dalle radiazioni
  • Preparazione del paziente per l'esame radiografico
    • Posizionamento appropriato del paziente per una radiografia
  • Se l'animale ha bisogno di sedazione o anestesia generale per una radiografia?
  • Interpretazione dei raggi X
  • Tipi di raggi X
  • Cosa si può vedere sull'immagine a raggi X?
    • Immagine panoramica del torace
    • Immagine panoramica addominale
    • Esame radiografico delle ossa
    • Esame radiografico della testa
    • Esame radiologico della colonna vertebrale
    • Esame radiologico dell'articolazione
    • Raggi X con mezzo di contrasto
    • Esame con contrasto del tratto gastrointestinale
    • Esame con contrasto del sistema urinario
    • Test di contrasto all'interno della colonna vertebrale
    • Mielografia
    • epidurografia
    • Discografia
  • Radiografia in cani e gatti - prezzo
  • Il che non va bene per una radiografia?

Storia dei raggi X

Storia dei raggi X

I raggi X furono scoperti da Wilhelm Conrad Röntgen nel 1895 quasi per caso.

Avendo già notevoli risultati scientifici a quel tempo, lo scienziato ha condotto ricerche sulla radiazione catodica.

È stato creato un campo elettromagnetico tra l'anodo e il catodo in un tubo a vuoto di vetro.

Non appena gli elettroni hanno raggiunto l'anodo, il vetro intorno ha cominciato a brillare di verde, mentre l'interno è diventato viola.

Lo scienziato condusse questa ricerca fino a quando, l'8 novembre 1895, pose una lastra ricoperta di cianuro di bario platino accanto alla lampada a scarica.

Non appena Roentgen ha rilasciato elettroni dal catodo all'anodo, la piastra ha iniziato a brillare di blu.

All'inizio pensò che la luce provenisse dall'interno della lampada, quindi la coprì con carta nera, ma il piatto continuava a brillare.

Non poteva essere giustificato da alcuna legge fisica conosciuta all'epoca.

Lo scienziato ha quindi concluso che si trattava di nuove radiazioni, e il fatto che la lastra brilli nonostante sia ricoperta di carta, dimostra che la radiazione è abbastanza penetrante.

Non conosceva ancora le proprietà della nuova scoperta, quindi inizialmente la chiamò raggi X.

E poiché proveniva dal punto in cui gli elettroni stavano frenando all'anodo, lo chiamò radiazione di frenatura.

Il sistema a raggi X iniziò quindi a studiare attentamente il nuovo tipo di raggi posizionando vari oggetti tra la lampada e lo schermo.

Questi erano libri, carte da gioco, oggetti in metallo e legno e persino la tua stessa mano.

Il tempo di esposizione era allora di decine di minuti, ora ci vogliono frazioni di secondo.

Il ricercatore si perse nella ricerca della nuova radiazione e ne determinò rapidamente le proprietà di base.

Dopo approfonditi esperimenti sulla sua scoperta, nel 1896 presentò la sua ricerca a una riunione della Physical Medical Society, facendo una radiografia della mano di uno dei professori.

Tuttavia, la stessa scoperta dei raggi X non sarebbe così importante se non fosse per il fatto che lo scienziato ha voluto registrare le immagini scattate con i raggi X.

A causa del fatto che un quarto di secolo prima, lastre di vetro ricoperte di emulsione fotosensibile sono state utilizzate per la prima volta in fotografia per scattare foto e registrarle, lo scienziato le ha utilizzate per i suoi scopi.

Ed è così che è stata creata la radiografia, ovvero prendere i raggi X.

Inizialmente, i raggi X venivano fatti su tali lastre di vetro.

Nel 1901, lo scienziato ricevette il Premio Nobel per la Fisica per la sua scoperta.

Ha donato l'intero premio in denaro alla sua Università.

È estremamente importante per tutta l'umanità che questo straordinario uomo non abbia brevettato la sua invenzione, in modo che i raggi X possano essere (ed è!) a disposizione di tutti.

Di conseguenza, sono stati compiuti enormi progressi sia in medicina che in veterinaria.

Sfortunatamente, a quel tempo le persone non erano a conoscenza degli effetti dannosi dei raggi X (in onore dello scopritore, la nuova radiazione fu chiamata raggi X).

Cominciarono ad apparire abbastanza rapidamente i rapporti secondo cui le persone che erano state esposte alle radiazioni avevano ustioni sulla pelle.

Anche gli scienziati che si occupano quotidianamente di questo fenomeno non erano a conoscenza del suo impatto.

E il tasso di mortalità nei ricercatori che si occupavano di radiazioni (per motivi medici o di ricerca) era davvero alto.

All'inizio del XX secolo, è stato persino creato un libro commemorativo per coloro che sono morti a causa della ricerca sui raggi X, inclusi medici e tecnici radiologici.

Gli esami a raggi X negli animali iniziarono ad essere utilizzati molto rapidamente.

I primi tentativi di utilizzare i raggi X in medicina veterinaria avvennero nel 1896 in Germania e Gran Bretagna.

Come vengono prodotti i raggi X?

Come vengono prodotti i raggi X?

Costruzione della macchina a raggi X

La radiazione a raggi X viene creata quando gli elettroni liberi, muovendosi ad alta velocità, vengono improvvisamente inibiti su un materiale con un numero atomico elevato.

Questo fenomeno si verifica nel tubo a raggi X che fa parte della macchina a raggi X.

La macchina a raggi X è composta da:

  • Lampade a raggi X.
  • Generatore ad alta tensione.
  • Tabella di distribuzione.

Il tubo a raggi X è un bulbo di vetro in cui è presente un vuoto e 2 elettrodi metallici (catodo caricato negativamente e anodo caricato positivamente) sono incorporati a forma di spirale di tungsteno.

Entrambi gli elettrodi sono collegati ad alta tensione. Il catodo è inoltre collegato al circuito a bassa tensione, il cosiddetto. circuito bagliore.

Non appena l'apparecchio è collegato alla rete, la corrente inizia a fluire attraverso il circuito di incandescenza.

Il filo di tungsteno nel catodo si illumina e quando raggiunge la giusta temperatura inizia a inviare elettroni (basato sul fenomeno della termoemissione).

Gli elettroni si raccolgono attorno al catodo, creando una nuvola di elettroni.

Quando viene applicata alta tensione a entrambi gli elettrodi, l'anodo inizia ad attirare gli elettroni che viaggiano verso l'anodo, dove si frenano improvvisamente.

Maggiore è la tensione, più velocemente gli elettroni si muovono verso l'anodo.

Ecco cosa succede quando un radiologo o un medico preme un pulsante mentre viene scattata una foto.

Questo è il momento dell'esposizione.

Il luogo in cui gli elettroni colpiscono l'anodo si chiama. vero fuoco da campo con lampada.

È impostato ad un angolo tale che la radiazione generata scorra in una direzione specifica, uscendo attraverso il cosiddetto. finestra della lampada. Più piccola è la messa a fuoco reale, minore è la potenza della lampada.
I raggi X corrono sempre sotto forma di raggio e quello che scorre esattamente al centro del raggio si chiama. raggio principale o raggio centrale.

Al momento dello scatto, il veterinario posiziona la lampada in modo tale che il raggio centrale sia diretto esattamente al centro della zona o parte del corpo dell'animale che lo interessa di più.

La proiezione del fuoco reale sul piano perpendicolare all'asse del fascio di raggi X proveniente dalla lampada si chiama. messa a fuoco ottica.

Più piccola è la messa a fuoco ottica, più nitida è l'immagine.

Quindi vogliamo che il fuoco ottico sia il più piccolo possibile.

Tuttavia, con una grande messa a fuoco reale (e quindi ottica), la potenza della lampada è ridotta.

In ogni lampada è possibile scegliere un caminetto e adattarlo alle dimensioni dell'animale e/o delle strutture che vogliamo radiografare.

Questi sono tutti dettagli molto importanti che vengono presi in considerazione se vogliamo ottenere un'immagine a raggi X di buona qualità.

Formazione dell'immagine a raggi X

Per capire come si forma un'immagine a raggi X, è bene osservare come si comportano i raggi X mentre attraversano un corpo.

La radiazione, incontrando un oggetto nel suo cammino, può essere soggetta ai seguenti fenomeni:

  1. Penetrazione: si verifica quando la radiazione passa attraverso i tessuti a bassa densità che contengono aria, come ad es. polmoni.
    In tale situazione, i raggi raggiungono la pellicola radiografica praticamente senza perdite, né la direzione né l'energia della radiazione cambiano.
  2. Assorbimento: questo processo avviene nei tessuti di maggiore spessore e densità.
    Ad esempio, quando passa attraverso il tessuto adiposo (con una certa densità specifica), la radiazione viene assorbita.
    Pertanto, meno raggi raggiungono la pellicola a raggi X rispetto a quanto avvenuto con l'aria.
    Sono queste differenze nell'assorbimento delle radiazioni tra i singoli tessuti che sono (tra gli altri) responsabili dell'immagine finale visibile sulla radiografia.
    Questo dà un effetto visivo specifico sull'immagine a raggi X.
  3. Scattering - questo fenomeno consiste nel cambiare la direzione della radiazione.
    Non è vantaggioso dal punto di vista dei radiologi.
    Tale radiazione raggiunge la pellicola a raggi X, provocandone l'annerimento in punti del tutto casuali, che viene definita opacità dell'immagine.
  4. Il fenomeno della formazione di vapore - un fenomeno molto raro, che si verifica con radiazioni dure.

Quando i raggi X passano attraverso un oggetto, viene attenuato a vari gradi.

Ciò è dovuto all'assorbimento e alla diffusione dei raggi X.

Tale raggio secondario di radiazione raggiunge la pellicola a raggi X, dando un'immagine specifica.

Dove la radiazione ha raggiunto la pellicola, è visibile l'annerimento (chiamato schiarimento) e dove la radiazione non ha raggiunto, la pellicola a raggi X rimane brillante (chiamata ombreggiatura).

Questa nomenclatura perversa è di importanza storica.

In passato, le pellicole a raggi X erano illuminate dai raggi che le raggiungevano (che era chiamato schiarimento) e dove la radiazione non raggiungeva, la pellicola rimaneva grigia (ombreggiatura).

Pertanto, una radiografia non è altro che la somma delle aree chiare e scure fissate sulla pellicola radiografica.

Ok, ma com'è possibile che le radiazioni reagiscano in modo diverso, passando attraverso tessuti e organi??

Ciò è principalmente influenzato dalla composizione chimica dei tessuti, dal rapporto tra gli elementi che compongono, nonché dallo spessore e dalla densità dei singoli tessuti.

In termini di radiologia, i tessuti corporei possono essere suddivisi in 4 gruppi principali:

  1. Tessuti o organi non assorbenti, che contengono gas e che penetrano senza ostacoli nella pellicola radiografica, provocandone l'annerimento:
    • polmoni,
    • seno,
    • gas nell'intestino.
  2. Grasso: questo gruppo include:
    • tessuto adiposo sottocutaneo,
    • tessuto adiposo intermuscolare,
    • tessuto adiposo retroperitoneale,
    • mesentere,
    • il legamento della falce in un gatto.
  3. Tessuti e organi che non contengono gas:
    • tessuto muscolare,
    • pelle,
    • vasi sanguigni e linfatici,
    • fegato,
    • milza,
    • reni,
    • qualsiasi altro organo parenchimale.
  4. Tessuti contenenti calcio e fosforo:
    • ossatura,
    • i denti,
    • articolazioni cartilagineo-ossee calcificate delle costole,
    • calcificazioni patologiche (es. nel corso della malattia di Cushing).

I tessuti molli, i fluidi corporei (come il sangue) e l'acqua hanno una densità simile e quindi assorbono i raggi X in misura simile.

A loro volta ossa, denti, calcificazioni contengono calcio, quindi assorbono maggiormente i raggi X.

E sono proprio queste differenze nell'assorbimento delle radiazioni dai singoli tessuti che consentono di ottenere il contrasto appropriato, grazie al quale è possibile valutare radiologicamente l'immagine radiografica.

Artefatti

Affinché l'immagine radiografica sia di buona qualità tecnica e sia interpretabile, dovrebbe essere, per quanto possibile, priva di artefatti.

Sono tutte ombre indesiderate presenti nella foto, che non rispecchiano le effettive modifiche, e nascono a seguito di un errore tecnico verificatosi sia al momento della sovraesposizione stessa che dopo di essa - durante l'elaborazione e lo sviluppo della foto.

Nonostante il fatto che la radiografia digitale sia diventata sempre più comune, tutti i tipi di ombre inadeguate possono ancora formarsi quando si prendono i raggi X e li si elabora.

Nella maggior parte dei casi, gli artefatti non impediscono l'interpretazione dell'immagine, ma comportano un serio rischio di errore.

Oltre agli artefatti puramente "tecnici", come: basso contrasto della foto, aree annerite o luminose nell'immagine, diminuzione della nitidezza dell'immagine, ecc., un gruppo importante di distorsioni dell'immagine sono quelle derivanti da una scarsa preparazione del paziente.

Elementi come guinzaglio, museruola, collare, dita del titolare, capelli bagnati possono oscurare strutture importanti e impedire una valutazione precisa della radiografia.

Proprietà della radiazione a raggi X

Proprietà della radiazione a raggi X

La radiazione a raggi X è un fascio di onde elettromagnetiche che si propagano nel vuoto ad una velocità di circa 300 mila. km/sec.

Questa radiazione ha una serie di proprietà molto interessanti che vengono sempre prese in considerazione nel processo di scatto delle foto.

A causa della natura forte e dannosa dei raggi X, l'obiettivo dovrebbe essere quello di scattare la foto nel modo più accurato possibile, senza la necessità di ripetere.

Pertanto, i medici ei tecnici radiologici pongono grande enfasi sull'adeguata preparazione del paziente per l'esame radiografico, sul suo posizionamento ottimale e sulla selezione dei parametri di esposizione.

In questo articolo citerò solo alcune proprietà importanti sia per il paziente che per il caregiver.

Tuttavia, non approfondirò i dettagli tecnici che dovrebbero essere presi in considerazione durante l'esecuzione e l'interpretazione delle radiografie.

Quindi vediamo quali proprietà ha questa potente radiazione.

Non puoi vedere, sentire o sentire i raggi X

Non crea un'impressione diretta di luce nell'occhio umano.

Dal punto di vista della sicurezza per la salute animale e umana, non è una caratteristica desiderabile, poiché ostacola in modo significativo la protezione dagli effetti dannosi dei raggi X.

E poiché non sappiamo di essere esposti alle radiazioni al momento dello sparo, non abbiamo sviluppato alcun riflesso difensivo.

Si diffonde in modo semplice

Il fascio di raggi X proveniente dalla lampada scorre in modo divergente.

Ecco perché l'immagine ottenuta è sempre più grande dell'oggetto esaminato.

Questa è una caratteristica molto importante, perché più l'oggetto è lontano dal piano ricevente (cioè la cassetta della pellicola a raggi X), più grande è l'immagine, cioè maggiore è la distorsione.

Ecco perché la cassetta o la superficie ricevente è posizionata in modo che aderisca direttamente alla parte sovraesposta del corpo - quindi l'ingrandimento è piccolo.

La radiazione a raggi X diminuisce la sua intensità con il quadrato della distanza

Sembra estremamente saggio, ma per noi - medici - una delle conclusioni importanti è che la migliore protezione contro le radiazioni è la distanza.

Più lontane sono le lampade, più siamo al sicuro.

Nel caso degli apparecchi dentali, questa distanza di sicurezza è considerata la distanza 2 m.

La radiazione a raggi X ha un'eccezionale capacità di penetrare i corpi

Questa caratteristica dipende principalmente dall'energia dei raggi X, ma anche dal grado di assorbimento da parte dell'oggetto sovraesposto.

Maggiore è l'energia, più penetrante è la radiazione.

La radiazione dura (oltre 100kV) ha una maggiore capacità di penetrazione

I raggi X sono indeboliti mentre attraversano un oggetto.

Il grado di questo indebolimento varia e dipende dallo spessore, dalla densità e dalla composizione atomica dei composti che compongono il corpo.

Ad esempio: i raggi X attraverso l'aria passano senza ostacoli, nel tessuto adiposo è leggermente indebolito, che si intensifica leggermente quando passa attraverso l'acqua.

Nelle ossa, a sua volta, l'indebolimento della radiazione è così grande che una piccola parte di essa raggiunge la membrana dei raggi X.

I metalli assorbono completamente i raggi X - non raggiungeranno la pellicola e non ne causeranno l'annerimento.

La seconda importante conclusione di questa caratteristica è il fatto che l'uso di scudi appropriati ci proteggerà dalle radiazioni.

Provoca la ionizzazione di atomi e composti chimici, che è un fenomeno negativo da un punto di vista biologico.

Ha un effetto biologico dannoso, che porta allo sviluppo di cambiamenti sfavorevoli

Come puoi vedere, i raggi X sono pieni di varie proprietà, di cui ho solo citato alcune importanti dal punto di vista del guardiano dell'animale.

Leggendo questa breve descrizione, si può concludere che le radiazioni sono pericolose per la salute.

Ed è davvero.

Le persone che entrano in contatto con i raggi X devono prestare particolare attenzione a non subire radiazioni.

Vediamo come le radiazioni influiscono sulla salute umana e animale.

L'effetto dei raggi X sul corpo

Indubbiamente, la radiazione a raggi X ci offre vantaggi tangibili sotto forma di possibilità di ottenere un'immagine.

Tuttavia, ha gravi conseguenze.

I raggi X sono dannosi per i tessuti e gli organi sia degli animali che dell'uomo.

Il danno maggiore è causato dalle radiazioni principalmente nei tessuti metabolicamente attivi.

Questi includono: midollo osseo, gonadi e tiroide.

Questi effetti biologici, indotti dai raggi X, possono apparire relativamente precoci, ma ce ne sono anche alcuni che non si manifestano fino a mesi o addirittura anni dopo.

I primi effetti somatici dei raggi X sono:

  • cambiamenti nel sangue - una diminuzione del numero di:
    • leucociti,
    • eritrociti,
    • piastrine,
  • cambiamenti nel tratto digestivo, danni alla parete dello stomaco, intestino; i sintomi più comuni sono:
    • diarrea,
    • vomito,
    • incidenza più frequente di infezioni gastrointestinali,
  • cambiamenti negli organi riproduttivi (diminuzione della fertilità),
  • cambiamenti della pelle:
    • eritema,
    • la perdita di capelli,
    • cambiamenti infiammatori,
    • ulcere,
    • possibili tumori della pelle,
  • cambiamenti derivanti da danni al feto.
Le donne incinte non dovrebbero in nessun caso partecipare a un esame a raggi X, poiché ciò può portare a cambiamenti irreversibili nel feto, come disturbi nella formazione degli organi, che portano alla deformazione o addirittura alla morte del feto. Il tuo bambino può sviluppare cancro, ritardo mentale e altri gravi effetti dovuti alle radiazioni nel periodo postnatale.

Gli effetti tardivi dei raggi X includono:

  • leucemia,
  • accorciare il tempo di vita,
  • cataratta,
  • tumore maligno,
  • sterilità,
  • inibizione della crescita e dello sviluppo.
Inoltre, nel DNA delle cellule riproduttive possono verificarsi varie mutazioni genetiche imprevedibili.

Esiste anche una seconda divisione generalmente accettata degli effetti delle radiazioni sull'organismo, secondo la quale esiste una certa correlazione tra la dose di radiazione e l'effetto biologico.

Effetti non castici (deterministici)

È un gruppo di effetti biologici in cui la loro intensità è strettamente dipendente dall'entità della dose di radiazione.

Questi effetti sono prevedibili e non si verificheranno se la dose di radiazioni è sufficientemente bassa.

Tra le altre cose, dovresti:

  • cataratta,
  • danno al sistema ematopoietico,
  • la pelle brucia,
  • malattia da radiazioni,
  • la perdita di capelli,
  • malattia della tiroide.

Questi effetti si verificheranno nel caso della diagnostica a raggi X, poiché qui vengono selezionate dosi di esposizione inferiori.

Tuttavia, poiché molte persone ricordano ancora gli effetti catastrofici dell'incidente di Chernobyl (e le enormi dosi di radiazioni), qualsiasi tipo di radiazione è associata a una nocività eccezionale.

Effetti stocastici

Il secondo gruppo di effetti - già imprevedibili - è il risultato di radiazioni ionizzanti, il cui livello di dose è sconosciuto.

Questo tipo di radiazioni provoca diversi tipi di mutazioni genetiche, e quindi - malattie ereditarie e la formazione di tumori.

Non è noto quanto siano elevate le dosi soglia, né è noto se e in che misura i meccanismi di difesa dell'organismo saranno in grado di riparare i danni al DNA.

È noto, tuttavia, che la probabilità del loro verificarsi aumenta proporzionalmente alla dose di radiazione (ma non al grado della loro intensità)!).

Tra gli effetti stocastici vi sono effetti somatici tardivi ed effetti genetici.

Pertanto, uno dei metodi di protezione dalle radiazioni è proteggere il corpo dalle radiazioni come se non avesse alcun meccanismo di difesa.

Gli specialisti seguono il principio qui:

qualsiasi dose può essere dannosa.

A causa di tali gravi conseguenze delle radiazioni a raggi X, è necessario introdurre regole e protocolli che riducano al minimo gli effetti dannosi delle radiazioni e allo stesso tempo garantiscano l'effetto finale sotto forma di un'immagine a raggi X utile per la diagnosi.

Protezione dalle radiazioni

Protezione dalle radiazioni

La radioprotezione si basa sul cosiddetto principio ALARA (As Low As Reasonably Achievable) - "il più basso possibile realisticamente".

Dice che le dosi di radiazioni dovrebbero essere ottimizzate al livello più basso possibile per ottenere un'immagine diagnosticamente utile, pur mantenendo le condizioni di sicurezza.

Pertanto, un esame radiologico dovrebbe essere eseguito:

  • solo in casi giustificati,
  • utilizzando materiali, tecnologie e metodi appropriati,
  • utilizzando persone preparate,
  • anche pacificare il paziente.

I 3 principi più importanti della radioprotezione sono:

  1. Più lontano è il più sicuro. Poiché l'intensità della radiazione diminuisce con il quadrato della distanza, la distanza è la migliore protezione.
  2. Più breve è il tempo di esposizione, minore è la dose di radiazioni.
  3. Uso delle coperture:
    • fisso (pareti, soffitti, porte); i materiali più comunemente utilizzati per la produzione di questo tipo di coperture sono:
      • calcestruzzo di barite,
      • vetro al piombo,
      • gomma di piombo.
    • mobile (schermi).
    • personale (camici, guanti, occhiali, scudi per tiroide e gonadi).

Ho deliberatamente descritto gli effetti biologici negativi dei raggi X e le possibilità di protezione contro di essi.

Uno dei modi principali per proteggere il paziente e il caregiver dagli effetti nocivi delle radiazioni è rendere il caregiver consapevole degli effetti biologici delle radiazioni.

Lo scopo della protezione è quindi ridurre l'esposizione alle radiazioni, ma allo stesso tempo ottenere un effetto misurabile sotto forma di immagine a raggi X.

Il proprietario che partecipa allo studio dovrebbe quindi essere consapevole della gravità dello studio.

Sono sempre esclusi dalla radiografia i minori, le donne in gravidanza e coloro che soffrono di malattie neoplastiche e della tiroide.

Ogni persona che prende parte allo studio dovrebbe indossare un grembiule, uno scudo per la ghiandola tiroidea e guanti protettivi ed essere stata accuratamente istruita sulla procedura in anticipo.

Nessun'altra persona può stare nella sala radiologica, a parte il proprietario e il personale.

D'altra parte, un veterinario - al fine di ridurre l'esposizione alle radiazioni dei raggi X - dovrebbe prima esaurire altri metodi diagnostici non radioattivi.

Se il proprietario ha già eseguito una radiografia in precedenza, dovrebbe essere utilizzata.

La persona che ordina e/o esegue l'esame deve sempre considerare il rischio di perdere la salute del paziente e i benefici dell'uso delle radiazioni.

Considerando l'influenza dei raggi X sul corpo, non bisogna dimenticare una delle sue applicazioni più importanti, sia in medicina umana che veterinaria.

Dopotutto, va ricordato che la radioterapia è ampiamente utilizzata nel trattamento di vari tipi di cancro.

Sono questi effetti "nocivi" dei raggi X insieme alle loro proprietà (come l'affinità per i tessuti a rapida metabolizzazione) che hanno permesso di utilizzare le radiazioni nel trattamento e salvare vite umane.

Bene, poiché sappiamo già come viene creata un'immagine a raggi X, e siamo anche consapevoli dei rischi associati alle radiazioni ionizzanti, ora vediamo come preparare un paziente per un esame a raggi X.

Preparazione del paziente per l'esame radiografico

Preparazione all'esame radiografico

Il veterinario si sforza sempre di garantire che l'immagine a raggi X sia della migliore qualità.

Ciò significa che dovrebbe avere il valore diagnostico più alto possibile con il minor numero di artefatti possibile.

Per raggiungere questo obiettivo, il paziente deve essere adeguatamente preparato.

Il proprietario deve assicurarsi che l'animale sia nel (programmato!) le radiografie erano a stomaco vuoto, perché il cibo nello stomaco o il contenuto intestinale rendono l'esame molto più difficile.

È bene somministrare sostanze che eliminano i gas dal tratto gastrointestinale prima delle radiografie.

A volte, soprattutto quando si valuta la cavità addominale, è necessario fare prima un clistere.

Per ridurre al minimo le distorsioni nella foto, rimuovere eventuali oggetti dall'area sovraesposta.

Quindi togliamo il collare, l'orecchino, la museruola (nel caso delle foto di testa), l'imbracatura, il guinzaglio, ecc.

Eventuali corpi estranei visibili nel pelo devono essere rimossi in anticipo.

Capita spesso che per errore "diagnosi" vari, strani oggetti nella cavità addominale o nel torace solo perché sono rimasti incastrati nei capelli arruffati nella zona esaminata.

Se non vuoi sottoporre a raggi X il tuo animale domestico più volte (del tutto inutilmente), dovresti controllare attentamente se ci sono oggetti accidentali nella pelliccia.

Dovresti anche evitare di eseguire radiografie se i capelli sono bagnati: ciò potrebbe causare artefatti che rendono difficile l'interpretazione dell'immagine.

A volte è necessario scattare una foto di un arto che è stato precedentemente fasciato o irrigidito - questo rende molto più difficile interpretare l'immagine, quindi non dovresti prendere i raggi X attraverso un cerotto o altri irrigidimenti.

Anche i preparati contenenti iodio (applicato sulla pelle) o la contaminazione con un mezzo di contrasto possono contribuire a un'immagine distorta e rendere la foto illeggibile.

Posizionamento appropriato del paziente per una radiografia

Il personale che prepara il paziente deve prestare particolare attenzione al modo in cui il paziente è posizionato.

Non è che ci piaccia tirare le zampe o piegare un povero ragazzo in vari modi.

I raggi X non possono essere presi accidentalmente.

La posizione del corpo del paziente, la sua posizione rispetto alla cassetta, la distanza dal tubo radiogeno, a volte anche la fase di respirazione - tutto questo è di grande importanza se vogliamo visualizzare i cambiamenti, spesso molto piccoli.

Più precisamente posizioniamo il paziente, maggiori sono le possibilità di ottenere una foto di buona qualità.

Per ottenere quante più informazioni possibili sulle condizioni del tuo cane o gatto, deve essere messo nella giusta posizione.

In cosa?

Dipende da quale zona o parte del corpo vogliamo esaminare, ma non è mai una scelta casuale.

Ad ogni tipo di immagine sono assegnati elementi specifici, la cui applicazione massimizza la possibilità di ottenere l'immagine appropriata.

Quindi, ad esempio:

se vuoi una foto del collo e del torace del tuo cane perché sospetti che sia crollato, dovresti metterlo su un lato.

Ci sono tre pose fondamentali:

  1. Laterale: il paziente è sdraiato sul lato sinistro o destro. In breve, si dice che sia una vista laterale sinistra / destra.
  2. Sagittale - il paziente è disteso sullo stomaco (questa è un'immagine dorso-addominale) o sulla schiena (questa è una proiezione dorso-dorsale).
  3. Obliquo.

Per ottenere un'immagine corretta, è importante soddisfare le seguenti condizioni:

  • distanza adeguata tra la lampada e la pellicola radiografica,
  • il raggio centrale deve essere diretto perpendicolarmente al piano testato (e preferibilmente al suo centro),
  • la parte del corpo da testare dovrebbe essere il più vicino possibile alla cassetta e preferibilmente parallela ad essa,
  • il paziente non deve muoversi quando viene scattata la foto (naturalmente, a volte è impossibile ottenere la foto completamente ferma, ad es. il cane ansima intensamente).

Come puoi vedere, ci sono molte linee guida per una corretta radiografia.

È principalmente il medico o il tecnico che ha la responsabilità di posizionare correttamente il paziente, selezionare i parametri di esposizione e impostare la lampada.

Il conduttore degli animali deve seguire rigorosamente le istruzioni fornite dal personale.

E i dipendenti, a loro volta, dovrebbero essere precisi in quello che dicono.

Ora lascia che ti racconti un aneddoto a cui ho assistito:

Ho fatto una radiografia del torace a un cane con il cancro.

Il tecnico che ha preparato la paziente per la radiografia ha incaricato il proprietario che se avesse detto "già" avrebbe dovuto nascondersi.

Ha usato quella parola esatta, ed è stato un suo errore.

Dovrebbe dire:

dopo aver sentito la parola "già" per favore esci dalla porta.

L'assistente preparava il paziente, impostava i parametri della lampada, la sua altezza, metteva un pennarello sulla cassetta e diceva "già".

Fortunatamente, si guardò intorno nella stanza prima di premere il pulsante

la testa del custode spaventato dell'animale sporgeva da sotto il tavolo su cui giaceva il paziente

Ha obbedito alle parole del tecnico - si è nascosta come meglio poteva.

Un po' divertente, un po' spaventoso.

Ma come puoi vedere, gli eufemismi possono essere fonte di molti problemi.

Dobbiamo ricordare anche questo.

Pertanto, non stupitevi che il personale vi informi rapidamente, brevemente e con parole militari cosa fare e come comportarsi.

Inoltre, non trattare alcune apparecchiature che si trovano nella stanza dei raggi X come strumenti di tortura.

I cosiddetti raccordi (cuscini, cunei, rulli e altri stabilizzatori) servono per aiutare nel corretto posizionamento del paziente, e per immobilizzarlo si utilizzano strisce di materiale, linee, bende, anche un nastro adesivo largo.

Nessuno farà del male all'animale con questi oggetti.

Sono utilizzati solo temporaneamente allo scopo di trattenere e posizionare correttamente il paziente.

Se l'animale ha bisogno di sedazione o anestesia generale per una radiografia?

Sì, molte volte è necessaria la premedicazione e talvolta anche l'anestesia generale.

Ricorda che il nostro cane o gatto che deve essere sottoposto a raggi X è molto spesso spaventato: l'animale non capisce perché viene messo sul tavolo, allungato e i suoi arti o la testa sono posizionati con angolazioni diverse.

Per lui è incomprensibile e terribile.

Non c'è da stupirsi che i pazienti spesso si difendano da questo tipo di manipolazione, diventando spesso anche aggressivi.

Questo può essere pericoloso per il paziente, il proprietario e il personale allo stesso modo.

Pertanto, per la sedazione farmacologica dell'animale, può essere necessaria la sedazione.

A volte, tuttavia, le cattive condizioni generali del paziente precludono l'uso di questo tipo di farmaci.

Alcuni tipi di esame a raggi X richiedono anche sedazione e rilassamento muscolare.

È il caso delle radiografie in cui la posizione del paziente è innaturale o richiede un adeguato rilassamento muscolare per ottenere l'immagine più diagnostica.

Questo è ciò che accade con alcune proiezioni della testa di cane, così come per le radiografie e la valutazione delle articolazioni dell'anca.

Spesso i detentori di animali domestici si oppongono alla sedazione.

Tuttavia, alcune foto lo richiedono semplicemente.

Nel caso di test più invasivi, come. mielografia, l'anestesia generale è necessaria.

Tuttavia, in molti casi è possibile scattare una foto senza dover dare "stupido Johnny".

Se l'animale è calmo, può essere posizionato sul tavolo e la posizione necessaria non richiede una posizione innaturale: l'animale spesso non sopporta problemi per diverse dozzine di secondi.

La sedazione farmacologica del paziente non è sempre necessaria e ciò dipende da due fattori fondamentali:

  • temperamento del paziente,
  • tipo di radiografia.

Bene, torniamo alla nostra foto.

Il paziente si trova sulla superficie ricevente (il più delle volte su una cassetta a raggi X o su un tavolo speciale), la lampada è accesa (momento di esposizione) e

così tanto.

È tutto.

L'immagine a raggi X è stata presa, ora è il momento di svilupparla ed elaborarla.

Fino a poco tempo, un dipendente era responsabile dello sviluppo di tale immagine, oggi la radiografia standard viene sempre più sostituita dalla radiografia digitale.

Questo è un grande aiuto perché tutto ciò che dobbiamo fare è inserire la cassetta nello scanner digitale e la macchina ci mostrerà l'immagine sul monitor.

Potrebbe essere necessario solo "lucidare" leggermente l'immagine marcando i lati, contrastando, riducendo o aumentando ecc.

Interpretazione dei raggi X

Interpretazione a raggi X

Le immagini a raggi X sono interpretate da un veterinario (preferibilmente un radiologo).

Consiste nella lettura di un'immagine radiografica e nella compilazione di un primo elenco di diagnosi differenziali.

Quindi descrive i cambiamenti apparenti e li mette in relazione con i risultati della sperimentazione clinica e di altri studi.

Una diagnosi viene fatta sulla base di tutte le informazioni disponibili e di un esame radiografico.

Capita anche che la radiografia non fornisca informazioni specifiche che possano spiegare l'attuale condizione clinica del paziente.

Questo per i seguenti motivi:

  1. L'immagine a raggi X è di scarsa qualità tecnica. Quindi, molto spesso, viene ordinata una foto ripetuta.
  2. È stata selezionata una proiezione e/o posizionamento del paziente non corretti, per cui non erano visibili importanti strutture - dal punto di vista diagnostico -. In tale situazione, viene selezionata la posizione ottimale e la radiografia viene ripetuta.
  3. Il paziente non era ben preparato per lo studio (es. contenuto presente nel tubo digerente). I raggi X sono generalmente posticipati: l'animale dovrebbe tornare il giorno successivo a stomaco vuoto.
  4. L'animale ha lottato durante la foto, si è mosso e quindi l'immagine ai raggi X è falsificata. Se le condizioni generali del paziente lo consentono, si somministrano sedativi e si ripete la radiografia.
  5. È impossibile fare una diagnosi della specifica condizione medica di cui soffre il paziente con i raggi X. Se la foto è stata scattata correttamente e il radiologo non vede alcun cambiamento che giustifichi le condizioni del paziente, guarda oltre. Molto spesso vengono ordinati altri test aggiuntivi.

Tipi di raggi X

Esistono diversi tipi di radiografie a seconda delle informazioni specifiche che stiamo cercando.

Come ho detto, nulla può essere accidentale in radiologia e se è stata presa la decisione di fare una radiografia, dovrebbe essere fatta in modo tale che con il minor numero di esposizione alle radiazioni, si ottengano quanti più dati preziosi possibili .

Pertanto, ci sono regole, proiezioni e tipi di foto predeterminate che si applicano in diversi casi.

E così possiamo distinguere, tra gli altri:

Foto tipiche

Si tratta di radiografie, la cui esecuzione è definita con precisione dalle normative in modo tale da non deviare dagli standard stabiliti.

Pertanto, i seguenti sono predeterminati in anticipo:

  • posizionamento del paziente,
  • posizione dell'area di prova rispetto alla cassetta,
  • inclinazione della trave centrale rispetto alla cassetta (si realizzano anche immagini oblique),
  • la distanza della lampada dal paziente,
  • metodo di immobilizzazione,
  • condizioni di esposizione
  • e altro.

Panoramica delle foto

Eseguito per ottenere una panoramica di un organo o di una parte del corpo.

Pertanto, i più comuni sono gli esami del torace o della cavità addominale.

Foto mirate

Qui il raggio di raggi è diretto verso un'area specifica, ad es. sullo stagno.

Foto di contatto

Si eseguono avvicinando direttamente la lampada alla superficie della pelle.

Questo potrebbe essere il caso, ad esempio. rotula o sterno esaminati.

Foto contrastanti

Si eseguono con l'utilizzo di un mezzo di contrasto.

Cosa si può vedere sull'immagine a raggi X?

Cosa si può vedere sulla radiografia?

I raggi X sono ampiamente utilizzati in medicina veterinaria.

Grazie ad esso è possibile, tra l'altro, dimostrare:

  • corpi estranei nello stomaco o nell'intestino,
  • calcoli nella vescica,
  • fratture ossee.

La valutazione della forma, dei contorni e della posizione degli organi consente di trovare molte volte la causa dei problemi di salute.

I raggi X possono visualizzare i tumori nella cavità toracica o nella cavità addominale.

Possono anche rilevare la gravidanza e aiutare il medico a stimare il numero di cuccioli.

Tuttavia, questi sono solo alcuni esempi del potenziale enormemente ricco dei raggi X.

A seconda del tipo, della posizione e della proiezione della radiografia, i diversi organi vengono valutati da un medico.

È lui che, sulla base dell'esame clinico precedentemente condotto, nonché di ulteriori esami, decide se è necessaria una radiografia e determina l'area di interesse e la proiezione richiesta.

Ci sono alcune regole predeterminate che dovrebbero essere seguite quando si prendono i raggi X.

Senza entrare ancora nei dettagli su una radiografia correttamente eseguita, il veterinario cerca vari tipi di cambiamenti che possono essere visibili nei tessuti e che gli consentiranno di confermare la diagnosi iniziale, e talvolta anche di fare una diagnosi.

Questi cambiamenti possono riguardare le dimensioni, la forma e la struttura di un dato organo, il numero di organi, la loro posizione, l'ombreggiatura e persino la funzione (quest'ultima caratteristica è valutata indirettamente in un test di contrasto).

Ognuna di queste caratteristiche viene poi sottoposta ad una valutazione dettagliata.

Vediamo allora cosa può vedere esattamente il medico su questa misteriosa radiografia, quali sono le indicazioni per la sua presa, in quali posizioni deve essere posizionato l'animale per particolari proiezioni e quali disturbi si rilevano più spesso durante l'interpretazione dei raggi X. .

Immagine panoramica del torace

Indicazioni per lo studio

Una radiografia del torace è giustificata nelle seguenti situazioni:

  • Se il medico sospetta che il processo della malattia (acuto o cronico) stia avvenendo nel tratto respiratorio superiore o inferiore.
  • Se hai già una malattia respiratoria o circolatoria. Questo studio è progettato per monitorare lo sviluppo della malattia e per valutare l'efficacia del trattamento.
  • Se hai un tumore canceroso (in qualsiasi parte del corpo) e devi escludere (o confermare) metastasi nei polmoni.
  • Se ha un ingrossamento generalizzato dei linfonodi superficiali (questo è il modo in cui il medico valuta se anche i linfonodi nella cavità toracica sono stati ingranditi).
  • Se il medico sospetta una malattia della trachea o dell'esofago, ad es. un collasso della trachea, un esofago gigante, ombreggiatura di un corpo estraneo nella trachea o nell'esofago.
  • Negli animali con trauma toracico. Sempre dopo un incidente (incidente stradale, caduta dall'alto, morso da un altro animale, ecc.) deve essere eseguita una radiografia del torace. Gli organi al suo interno (es. pneumotorace, emorragia polmonare, edema polmonare, ernia diaframmatica e molti altri).

Posizionamento del paziente

Esame radiografico del torace il più delle volte viene eseguito in 2 proiezioni:

sul lato destro o sinistro dell'animale e sul ventre (o sul dorso).

In oncologia, per escludere metastasi neoplastiche, è meglio eseguire radiografie del torace in tutte e tre le proiezioni.

Questo è importante e non dovresti accontentarti di una sola radiografia poiché accade molto spesso che i cambiamenti visibili in una vista non siano visibili nell'altra.

Solo la vista ottenuta da diversi lati può dare una panoramica di ciò che sta accadendo in tutto il torace.

Sfortunatamente, accade ancora che il medico, valutando ad es. la foto a destra non vede cambiamenti, e - apparentemente rassicurato - si ritira dal prendere gli altri.

Spesso è la decisione del proprietario, che per vari motivi si rifiuta di eseguire ulteriori radiografie.

Proiezione sul lato destro

Foto standard scattata.

Il paziente è disteso sul fianco destro, in una posizione tale che il torace sia sulla superficie ricevente e gli arti anteriori siano tesi molto verso il naso del cane.

In questo modo si rivelano importanti strutture del torace, che - se non allungate a sufficienza - potrebbero essere oscurate dalle zampe anteriori.

Proiezione dorso-ventrale

Il paziente è sdraiato a pancia in giù, il torace è sulla cassetta.

Proiezione sul lato sinistro

Spesso utilizzato per la valutazione polmonare e per la diagnosi di metastasi tumorali

Proiezione addominale-dorsale

Quando il paziente è disteso sulla schiena.

Viene utilizzato per valutare il tessuto polmonare, ma non viene utilizzato spesso (in caso di problemi respiratori, questa posizione può aumentare la dispnea).

Proiezione con l'uso di un fascio di raggi orizzontale in un paziente in piedi

È una proiezione consigliata principalmente per animali con dispnea, dove sdraiarsi su un fianco può aggravare significativamente l'insufficienza respiratoria.

Spesso utilizzato per valutare la presenza di liquido nella cavità pleurica.

Valutazione della radiografia

Quando si valuta una foto, un veterinario prima ne valuta la qualità tecnica.

Deve prestare attenzione se i singoli dettagli nella radiografia sono sufficientemente chiari da poter essere valutati.

La qualità tecnica dell'immagine a raggi X è influenzata dal grado di oscurità, contrasto e nitidezza.

Attualmente - grazie all'introduzione delle immagini radiografiche digitali, la possibilità di elaborare l'immagine in modo che abbia un alto valore diagnostico è notevolmente migliorata.

Se la radiografia è tecnicamente ben realizzata e tutti i dettagli necessari sono ben acquisiti, puoi iniziare ad analizzare le singole strutture del torace, come ad esempio:

  • parete toracica,
  • diaframma,
  • pleura e cavità pleurica,
  • mediastino,
  • trachea,
  • polmoni,
  • cuore,
  • grandi vasi sanguigni.

Possibili cambiamenti che possono essere visti sulla radiografia del torace

Una radiografia del torace può mostrare i seguenti cambiamenti:

  • Aumento o diminuzione della trasparenza del tessuto polmonare.
    Qualsiasi anomalia nell'ombreggiamento dei polmoni deve essere attentamente analizzata.
    In questo modo è possibile riconoscere condizioni cliniche come:

    • polmonite,
    • cisti,
    • calcificazioni all'interno del tessuto polmonare,
    • vesciche di enfisema,
    • edema polmonare,
    • io non mi arrenderò,
    • emorragia polmonare,
    • tumori (primari o metastatici) nei polmoni.
  • La presenza di aria nella cavità pleurica (questa si chiama. pneumotorace).
    Questa condizione si verifica più spesso a seguito di un infortunio.
  • Ispessimento della pleura che può accompagnare l'invecchiamento dei cani, ma anche apparire come risultato di infiammazione, cancro o disturbi circolatori.
  • Aria nel mediastino (pneumotorace).
    Nasce, tra l'altro, in conseguenza di:

    • danno esofageo,
    • danno tracheale,
    • ferite morsicate,
    • ferita da taglio,
    • rottura del polmone o del bronco.
  • Presenza di liquido nella cavità pleurica.
    Sfortunatamente, non possiamo distinguere il tipo di fluido con cui abbiamo a che fare sulla base dell'immagine a raggi X.
    Potrebbe essere:

    • fluido essudativo (es. nell'insufficienza circolatoria, diminuzione del livello di proteine ​​totali, in corso di uremia),
    • sangue o linfa (il più delle volte dopo lesioni, ma anche in corso di malattie neoplastiche, malattie linfatiche, granulomi infiammatori, elmintiasi cardiopolmonare e molti altri),
    • essudato (che accompagna varie infiammazioni, spesso nei gatti con peritonite infettiva),
    • pus (a seguito di pleurite purulenta, rottura di un ascesso pleurico).
  • Anomalie della forma del cuore i./ o grandi vasi sanguigni.
    La radiografia mostra se la forma del cuore è cambiata e quale parte del cuore è interessata.
    Vengono valutate le dimensioni, la forma e la posizione del cuore e dei vasi sanguigni (arco aortico, aorta, vena caudale).
    Uno dei calcoli più importanti utilizzati nella valutazione radiologica del cuore è il cosiddetto. Fattore VHS.
    È il rapporto tra la somma della lunghezza e della larghezza del cuore e della colonna vertebrale toracica.
    Per i cani dovrebbe essere 9,7 cerchi (+/- 0,5) e per i gatti VHS = 7,5 (+/- 0,3).
    Se questo fattore è aumentato, indica che il cuore è ingrandito.
    Naturalmente, ci sono alcune differenze nella dimensione del cuore tra le razze che si discostano leggermente dal modello standard.
    Il veterinario, nel valutare la forma del cuore, tiene conto anche di tali eccezioni
  • Anomalie vascolari polmonari.
    Sono generalmente poco visibili, ma se si allargano, possono indicare difetti cardiaci congeniti (ad es. apertura ventricolare pervia o dotto arterioso pervio).
    D'altra parte, una riduzione del diametro dei vasi sanguigni all'interno dei polmoni può essere un sintomo di grave disidratazione, shock ipovolemico o malattie associate a una riduzione del volume del sangue.
  • Alterazioni tracheali (contaminazione di corpi estranei, rottura tracheale, restringimento, collasso della trachea).
  • Cambiamenti nell'esofago (ombreggiamento di corpi estranei, tumori, esofago gigante).
  • Ernie congenite o traumatiche.
    Nel caso dell'ernia diaframmatica, viene spesso eseguito un test di contrasto del tratto gastrointestinale, grazie al quale è possibile visualizzare gli organi spostati dalla cavità addominale alla cavità toracica.
  • Aria nell'esofago.
    Normalmente, l'esofago non dovrebbe essere visibile sulla radiografia.
    Occasionalmente, una piccola quantità di gas entra nell'esofago, ad es. a seguito di grave dispnea, agitazione emotiva o rilassamento farmacologico.
  • Linfonodi ingrossati (mediastinici, sternali, tracheobronchiali).
    In condizioni adeguate, non dovrebbero essere visibili sulla radiografia.
    Quando sono visibili, possono indicare infiammazione o cancro (ad es. linfoma).
  • Anomalie della ghiandola del timo, visibili alla radiografia solo nei cani giovani.
    Se è visto in un cane di età superiore ai 2 anni, indica un disturbo in questo organo.
  • Anomalie della parete toracica come.:
    • cambiamenti nella colonna vertebrale toracica,
    • cambiamenti all'interno dello sterno:
      • rottura,
      • distorsione,
      • alterazioni degenerative,
      • disturbi dello sviluppo.

Immagine panoramica addominale

Radiografia della cavità addominale

Indicazioni per lo studio

Le radiografie addominali vengono eseguite relativamente spesso per tutti i tipi di sintomi legati al tratto gastrointestinale.

Possono essere:

  • perdita di peso inspiegabile che non scompare con il trattamento standard,
  • mancanza di appetito,
  • vomito,
  • diarrea,
  • dolore della parete addominale,
  • lesioni,
  • allargamento della parete addominale,
  • difficoltà (o mancanza) nel passaggio dell'urina e delle feci,
  • feci sanguinolente,
  • sangue nelle urine,
  • peggioramento delle condizioni generali per motivi sconosciuti,
  • sospetta ostruzione o perforazione intestinale.

Controindicazioni

  • cattive condizioni generali dell'animale (nel caso si voglia utilizzare il test di contrasto),
  • sovraccaricare il tratto digestivo con il cibo.

Posizionamento del paziente

La proiezione del lato destro è la proiezione primaria

L'addome del paziente è posto sulla superficie ricevente, l'animale è allungato: gli arti anteriori sono fortemente tesi in avanti e gli arti posteriori all'indietro.

Questo è molto importante, perché in caso di posizionamento improprio degli arti e il paziente "accovacciato", gli organi interni sono affollati nella cavità addominale e sarà difficile valutare gli organi.

Inoltre, le strutture della cavità addominale possono essere oscurate dalle ossa e dai muscoli degli arti, il che complica ulteriormente l'interpretazione (in effetti, squalifica persino una foto del genere ed è necessario ripetere la radiografia).

Foto nella proiezione addominale-dorsale

In questa proiezione, il paziente è disteso sulla schiena, gli arti posteriori sono posti nella posizione "a rana" e gli arti anteriori sono distesi verso la testa.

Il dorso è adiacente alla cassetta.

Valutazione della radiografia

L'immagine panoramica addominale consente di valutare strutture come:

  • reni, visibile sotto la colonna vertebrale,
  • linea del diaframma, situata nella testa dai reni,
  • fegato sotto l'arco costale,
  • stomaco sopra il fegato,
  • la milza linguale si trova solitamente nella parte inferiore della cavità addominale, tuttavia - a seconda del riempimento del tratto gastrointestinale - potrebbe non essere chiaramente visibile,
  • intestino tenue che riempiono quasi tutta la cavità addominale,
  • il cieco, di regola, pieno di gas,
  • l'intestino crasso, il suo segmento posteriore è spesso pieno di masse fecali,
  • vescica (la sua forma dipende dal grado di riempimento delle urine),
  • spazio retroperitoneale - ecco i linfonodi, i vasi, i nervi che in condizioni normali non dovrebbero essere visibili ai raggi X,
  • l'utero in una cagna - tra la vescica e l'intestino crasso; è raramente visibile ai raggi X, a volte può essere visto nelle femmine in calore o nelle femmine più grandi (> 20 kg),
  • prostata maschile appena dietro la vescica,
  • parete addominale,
  • cavità peritoneale.

Possibili cambiamenti, che sono visibili sull'immagine panoramica della cavità addominale

Le anomalie più comuni nell'analisi delle radiografie addominali sono:

  • Vari tipi di ernie, come.:
    • ernie addominali,
    • ernia inguinale,
    • ernia iatale,
    • ernia scrotale, ecc.
  • Fluido nella cavità peritoneale.
    La radiografia mostra un'immagine sfocata nella cavità addominale; il gas nell'intestino è spesso visibile.
    Analogamente alla presenza di liquido nel torace, non siamo in grado di valutare radiologicamente con quale tipo di liquido abbiamo a che fare.
    Per scoprirlo, è necessario prelevare un campione del fluido di prova.
    Potrebbe essere:

    • Essudato: l'accumulo di essudato sieroso nella cavità peritoneale è noto come ascite.
      Le sue cause più comuni includono malattie infettive (ad es. in corso di peritonite felina da coronavirus), peritonite, tumori neoplastici.
    • L'infiltrazione è presente in stati come:
      • malattia del fegato,
      • insufficienza cardiaca congestizia,
      • ipoproteinemia.
    • Sangue: il sanguinamento nella cavità addominale può verificarsi per vari motivi, il più delle volte si tratta di un trauma, di una rottura del tumore (ad es. in corso di angiosarcoma di milza).
    • Linfa - le cause del passaggio della linfa nella cavità addominale sono simili a quelle della cavità linfocitaria.
    • Urina - quando la vescica si rompe
  • Infiammazione del peritoneo, che può includere, ma non si limita a:
    • agenti infettivi (es. peritonite felina da coronavirus),
    • infiammazione e/o cancro del pancreas,
    • lesioni o ferite penetranti alla parete addominale,
    • complicanze postoperatorie,
    • perforazione di qualsiasi parte del tratto gastrointestinale,
    • una rottura di un organo addominale.
  • Un nodulo o tumori nell'addome.
    I tumori più comuni nell'addome sono tumori della milza.
  • La presenza di gas libero nella cavità addominale.
    Questa è sempre un'anomalia, tranne per un breve periodo (di solito circa una settimana) dopo la laparotomia.
    Le ragioni della presenza di aria nell'addome sono ferite penetranti della parete addominale o rottura di un organo.
  • Dilatazione e torsione dello stomaco.
    Una forte dilatazione dello stomaco è vista come uno stomaco ingrossato, pieno di gas o di chimo.
    Se lo stomaco si torce, il piloro cambia posizione.
  • Stati di malattia intestinale come ostruzione, infiammazione, intussuscezione e spostamento.
  • Linfonodi retroperitoneali ingrossati.
  • Ombreggiatura di corpi estranei nello stomaco o nell'intestino.
  • Costipazione (cioè accumulo a lungo termine di materia fecale nel tratto gastrointestinale posteriore).
  • megacolon (significativo allargamento del colon con residuo di materia fecale, il cosiddetto. colon gigante).
    Può essere congenita, causata dalla mancanza di cellule gangliari nella sezione retrostante la parte dilatata del colon) o acquisita a seguito di alterazioni meccaniche della parete del colon (es. a causa della ritenzione a lungo termine di masse fecali, cicatrici ossee in luoghi di fratture pelviche, ecc.).
  • Depositi di ombreggiatura nella vescica.
  • Anomalie del fegato:
    • Ingrossamento del fegato, che può essere uno dei sintomi di ad es.in. insufficienza cardiaca, sindrome di Cushing, diabete, cancro, infiammazione e molto altro.
    • Mineralizzazione nel parenchima epatico.
    • Ingrossamento della cistifellea, depositi o gas nella cistifellea.
    • Riduzione del fegato, tipica della cirrosi o dei disturbi del sistema portale del fegato.
  • Anomalie della milza:
    • Ingrossamento della milza, che si verifica a causa di: cancro, ipertensione nella circolazione portale, negli animali con anemia o infezione, con tossiemia, ematoma e torsione della milza.
    • Torsione della milza.
  • L'immagine sfocata nell'area del pancreas è spesso visibile nella pancreatite, meno spesso nel cancro del pancreas.
  • Ingrossamento della prostata, una condizione abbastanza comune nei cani maschi anziani non castrati.
  • Utero allargato.
  • Ingrandimento o riduzione dei reni.
  • I raggi X vengono utilizzati anche per controllare la gravidanza e calcolare il numero di feti. Ha senso eseguirli dopo il 45 ° giorno di gravidanza, perché solo a questo punto l'osso scheletrico si calcifica e le ossa fetali diventano visibili.
    La radiografia consente di determinare:

    • numero di feti,
    • la loro taglia,
    • posizione - cioè il rapporto tra l'asse lungo del feto e l'asse lungo della madre,
    • postura - cioè il rapporto tra la colonna vertebrale del feto e quella della madre,
    • disposizione - il rapporto tra le parti mobili del corpo fetale e le parti fisse.

Esame radiografico delle ossa

Esame radiografico delle ossa

Indicazioni per lo studio

La radiografia ossea è una delle radiografie più comuni.

Sulla sua base, è possibile diagnosticare la maggior parte delle malattie o anomalie legate all'apparato locomotore.

Non c'è da stupirsi che le indicazioni più comuni per la sua attuazione includano vari sintomi legati ai sistemi osteoarticolare, muscolare e legamentoso.

Questi includono, tra gli altri:

  • postura scorretta dell'animale,
  • zoppia,
  • salvataggio degli arti,
  • andatura anormale, strascico degli arti,
  • aumentando il contorno delle articolazioni,
  • articolazioni o ossa doloranti,
  • ispessimenti, gonfiori o protuberanze agli arti, colonna vertebrale, testa,
  • difficoltà ad alzarsi,
  • riluttanza a muoversi, apatia,
  • lesioni (fratture, lussazioni),
  • malattie dei denti e dei seni paranasali,
  • paresi, paralisi degli arti,
  • valutazione radiologica delle articolazioni dell'anca e del gomito negli animali da allevamento.

Posizionamento del paziente per l'esame

La disposizione per l'esame è strettamente dipendente dal tipo di radiografia e dall'area specifica che si desidera valutare.

Ogni area, struttura (come un'articolazione) o osso ha proiezioni rigorosamente definite che devono essere assolutamente applicate per ottenere un'immagine radiografica completamente diagnostica.

Ad esempio, in caso di lesione e sospetta frattura, eseguire 2 proiezioni perpendicolari tra loro.

A sua volta, quando si esegue una radiografia delle articolazioni del gomito verso la displasia del gomito, sono necessarie 3 radiografie:

  • 2 mediale-laterale (in una vista la zampa è posizionata abbastanza liberamente e nell'altra - è piegata al massimo nell'articolazione),
  • obliquo sagittale.

Valutazione della radiografia

Il veterinario, quando valuta i cambiamenti visibili sulla radiografia, valuta meticolosamente e sistematicamente le seguenti caratteristiche:

Un luogo di cambiamento visibile

Il valutatore individua quindi esattamente quale parte dell'osso è interessata dall'anomalia (ad es. articolare, epifisi ossee), nonché i suoi singoli strati (periosteo, cavità midollare).

Il tipo di modifiche notate

Se ci sono cambiamenti ossei atrofici o produttivi?

Ci sono caratteristiche di una lesione aggressiva o benigna??

Forma della reazione periostale

Sulla base di ciò, è possibile sospettare un background infettivo, traumatico o neoplastico di una determinata lesione.

Modifica della forma della corteccia ossea

Quando si valuta una frattura ossea, il medico determina:

  • di che tipo di danno abbiamo a che fare:
    • frattura aperta - quando i frammenti ossei comunicano con l'ambiente esterno;
    • frattura chiusa - nessun contatto tra l'osso e l'ambiente circostante;
    • frattura totale - cioè, la linea di frattura percorre l'intera larghezza dell'osso (attraverso la sua corteccia su entrambi i lati dell'osso);
    • frattura incompleta - ad es. frattura, frattura dell'osso;
    • frattura intra-articolare (la linea di frattura attraversa lo spazio articolare) o frattura extra-articolare (la linea di frattura non attraversa la superficie articolare);
    • esfoliazione della base - cioè, scivolando via la base dell'osso dal suo albero;
  • qual è la natura della frattura:
    • frattura post-traumatica - cioè quella che si è verificata a seguito di un infortunio;
    • frattura patologica - si verifica quando l'osso modificato (a causa di varie condizioni cliniche, ad es. atrofia ossea generalizzata, nei processi ossei infiammatori o cancerosi) è più debole dell'osso sano. Di conseguenza, si verifica una frattura patologica anche con un carico leggero (che normalmente sarebbe fisiologico);
  • linee di frattura frattura:
    • possiamo occuparci ad es. con frattura trasversale, obliqua, a spirale, frattura ossea, frammentazione di frammenti, ecc.;
  • il grado di spostamento osseo e la sua direzione, ad es.:
    • frattura senza spostamento,
    • spostamento di lato,
    • spostamento con estensione,
    • impostare i frammenti in un angolo;
    • numero di frammenti ossei;
  • un metodo appropriato di stabilizzazione della frattura;
  • il corso della guarigione della frattura;
  • possibili complicazioni, come.:
    • unione ritardata,
    • pseudo-stagno,
    • unione anormale,
    • osteite.

Quali anomalie possono essere trovate dalla radiografia ossea?

  • Frattura o interruzione della continuità delle ossa;
  • Guarigione delle fratture - che sia eseguita correttamente o meno.
    A volte ci sono complicazioni che ritardano o impediscono completamente la fusione dell'osso rotto.
    Queste complicanze includono unione ritardata, mancanza di unione (quindi si verifica la formazione della cosiddetta pseudo-articolazione) o deformazione ossea a causa di un "atteggiamento" errato o di una stabilizzazione della frattura insufficiente.
    Una radiografia di controllo viene eseguita 2 mesi dopo la frattura.
    Dalla radiografia il radiologo può anche stimare quando si è verificato il collasso.
  • Differenziare i cambiamenti aggressivi da quelli benigni.
    Eventuali anomalie ossee riscontrate ai raggi X devono essere valutate per malignità.
    Ci sono alcune caratteristiche che sono specifiche per i tumori ossei maligni.
    L'uso della radiografia in oncologia è uno dei test diagnostici più importanti.
  • Malattie metaboliche delle ossa, le più comuni delle quali sono:
    • osteopenia,
    • osteoporosi,
    • osteomalacia.
  • Disturbi dello sviluppo del sistema scheletrico, come.:
    • displasia poliuna,
    • acondroplasia,
    • speroni ossei multipli,
    • osteopetrosi,
    • fragilità delle ossa e altro.
  • Malattie ossee in adolescenza:
    • ossificazione prematura delle cartilagini di crescita.
      Se (il più delle volte a causa di una lesione della cartilagine di accrescimento) la crescita ossea si arresta in lunghezza, si formano proporzioni errate all'interno degli arti interessati.
      Il cane può avere ad es. arti sproporzionatamente corti rispetto al corpo.
  • Osteodistrofia ipertrofica - si verifica a circa 2-7 mesi di età nei cani a crescita rapida (razze grandi e giganti).
    Le razze in cui la malattia viene frequentemente diagnosticata includono:

    • alano,
    • puntatori,
    • pastori tedeschi,
    • ottweiler,
    • mastini,
    • Grandi Cani di Bordeaux,
    • labrador,
    • pugili.
  • Osteopatia nutrizionale - un'overdose di fosfato di calcio e vitamine (soprattutto vitamina D) e la somministrazione di alimenti ad alto contenuto energetico con una composizione inadeguata possono accorciare la lunghezza degli arti.
  • Rachitismo - fortunatamente, una malattia da carenza raramente diagnosticata.
    La causa principale è la carenza di vitamina D, che riduce l'assorbimento intestinale di calcio dall'intestino.
  • Necrosi asettica della testa del femore (malattia di Legg-Calve-Perthes).
    Questa malattia colpisce i cani di piccola taglia e compare nel periodo compreso tra i 3 mesi di età. un 13. mese di vita.
    Le razze predisposte sono:

    • pechinese,
    • barboncini in miniatura,
    • terrier,
    • bassotti,
    • fox terrier.
  • Panosteite (osteite giovanile) - zoppia abbastanza comune nei cuccioli di taglia grande e gigante, tra 5. un 18. mese di vita.
    Le razze predisposte alla sua comparsa sono:

    • pastori tedeschi,
    • dobermann,
    • golden retriever,
    • labrador,
    • San Bernardo, ma i cani di altre razze possono ammalarsi.
  • Osteocondrosi dissecante (DOC) - un disturbo dell'ossificazione nella cartilagine articolare in crescita.
    Si verifica nei cani giovani di razza media e grande.
  • Displasia del gomito.
  • Displasia dell'anca.
  • Deformità congenite degli arti (es. mancanza di dita, dita aggiuntive, sottosviluppo della parte distale dell'arto, ecc.).
  • Infiammazione ossea (es. osteite purulenta).
  • Alterazioni degenerative di ossa e articolazioni.

Esame radiografico della testa

Esame radiografico della testa del cane

L'esame radiografico delle ossa del cranio mostra solo l'80% dei cambiamenti, mentre la radiografia di altre ossa rileva fino al 100% delle fratture.

La tomografia computerizzata è meglio utilizzata nella diagnosi delle fratture ossee della calotta cranica.

Allo stesso modo, nel caso di lesioni di imaging nella cavità nasale, l'esame radiografico può essere troppo impreciso per visualizzare le strutture fini.

Nell'era della disponibilità sempre più comune di test di imaging più precisi (come la tomografia computerizzata o la risonanza magnetica) al fine di diagnosticare con precisione disturbi nell'area della testa, determinarne l'entità e la natura, un'immagine a raggi X potrebbe non essere più utile dal punto di vista diagnostico.

Indicazioni per lo studio

  • sintomi neurologici come:
    • inclinare la testa,
    • camminando in cerchio,
  • nistagmo, strabismo, pupille dilatate in modo non uniforme, nessuna o nessuna reazione della pupilla alla luce,
  • sanguinamento dalla cavità nasale, condotto uditivo,
  • otite esterna / orecchio medio
  • naso che cola, naso che cola (varia nel colore e nella consistenza), starnuti,
  • secrezione dagli occhi (sospette malattie della cavità nasale, della bocca o dei seni paranasali)
  • malattie dentali,
  • lesioni alla testa (fratture delle ossa del cranio, della mascella, ecc.).

Le condizioni cliniche più comuni mostrate sull'immagine radiografica

  • fratture.
    Di norma, si verificano a seguito di un infortunio (caduta dall'alto, incidente stradale, impatto).
  • Otite.
    Molto spesso, a causa dell'infiammazione cronica del canale uditivo esterno, la condizione peggiora e si infiamma con l'orecchio medio e interno.
  • idrocefalo.
    Di solito è un difetto congenito in cui il liquido si accumula nell'area craniofacciale.
    Il più delle volte si tratta di cani di piccola taglia.
  • Lussazione dell'articolazione temporomandibolare.
    Si manifesta con instabilità della mandibola e chiusura difficile (o impossibile) della bocca.
  • Displasia occipitale - deformazione dell'osso occipitale.
    Condizione pericolosa a causa del rischio di ernia di parte del tronco cerebrale.
  • Tumori benigni o maligni delle ossa del cervello (es. osteosarcoma).
  • Anomalie del seno:
    • Fratture, il più delle volte causate da traumi.
      Di regola, queste sono fratture aperte.
    • Infiammazione dei seni, che può essere causata da un corpo estraneo o da un'infiammazione dei denti o del tratto respiratorio superiore.
    • Tumori dei seni, generalmente di origine epiteliale (adenocarcinomi).
  • Narice:
    • infiammazione, tumori; nel caso dell'esame della cavità nasale si valuta la simmetria delle cavità nasali, la loro ariosità, il setto nasale, lo stato dei turbinati e delle ossa circostanti la cavità nasale.
  • Denti - L'imaging a raggi X in odontoiatria è estremamente importante e spesso una parte fondamentale della diagnostica.
    I disturbi più frequentemente diagnosticati includono:

    • Parodontite - abbassamento della linea gengivale ed esposizione delle radici dei denti fino alla loro caduta.
    • Fratture derivanti da lesioni o dal morso di oggetti duri (sassi, barre metalliche, ecc.)
    • Infiammazione apicale purulenta della radice del dente (ascesso periapicale).
      L'infezione può diffondersi al seno mascellare e formare fistole purulente che si rompono verso l'esterno.
    • Malattie metaboliche (es. per carenza di vitamina D e calcio).
    • Tumori dei denti o dei tessuti circostanti.
    • Ombreggiatura di corpi estranei in bocca.

Esame radiologico della colonna vertebrale

Radiografia della colonna vertebrale è uno dei primi studi sugli animali dopo gli incidenti.

Tuttavia, può rilevare molti altri disturbi vertebrali, sia acquisiti che congeniti.

Indicazioni per l'esame radiografico della colonna vertebrale

  • trauma (caduta dall'alto, incidente stradale, ecc.),
  • zoppia,
  • debolezza e riluttanza a muoversi con la febbre,
  • paresi, paralisi, incoerenza,
  • dolore in qualsiasi parte della colonna vertebrale,
  • postura del corpo scorretta,
  • problemi con alzarsi e camminare,
  • ipersensibilità cutanea,
  • eccessiva rigidità degli arti,
  • distorsione della linea della colonna vertebrale,
  • minzione e/o disturbi delle feci,
  • disturbi della coscienza.

Quali malattie possono essere rilevate sulla base di una radiografia della colonna vertebrale?

  • Malattie acquisite della colonna vertebrale, le più comuni delle quali sono alterazioni post-traumatiche, infiammatorie o degenerative:
    • Alterazioni degenerative che possono interessare vari elementi della colonna vertebrale (non solo le vertebre stesse, ma anche i dischi intervertebrali, le articolazioni e altre connessioni).
      Possono essere:

      • Degenerazioni delle articolazioni cartilaginee della colonna vertebrale, come. degenerazione dei dischi intervertebrali (discopatie), spondilosi deformante (la cosiddetta. becchi di pappagallo),
      • Degenerazione delle articolazioni sinoviali (artrosi) - più spesso nella colonna lombare.
        Queste condizioni causano un grande dolore.
      • Degenerazione delle connessioni fibrose della colonna vertebrale, ad es. ossificazione disseminata del sistema scheletrico (iperostosi disseminata).
        La malattia consiste in un'eccessiva crescita ossea nel sito di attacco dei legamenti all'osso.
        Si verifica nei cani di taglia grande (soprattutto boxer).
  • Cambiamenti post-traumatici, come fratture, lussazioni.
    L'esame radiografico in pazienti con sospetta lesione spinale deve essere eseguito con molta attenzione.
    La prima foto è scattata in posizione rilassata, senza allungare troppo l'animale
  • Infiammazione della colonna vertebrale.
    La nomenclatura differisce anche a seconda della struttura interessata dall'infiammazione.
    Possiamo occuparci di:

    • Spondilite - se il corpo vertebrale è infiammato.
    • Discospondilite - se l'infiammazione colpisce 2 placche terminali vertebrali adiacenti e il disco intervertebrale.
    • Discite - se l'infiammazione colpisce il disco intervertebrale stesso.
      Tuttavia, questa condizione viene rilevata raramente sui raggi X, quindi è necessario utilizzare la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata.
  • tumori.
    Queste possono essere neoplasie primitive benigne o maligne, così come lesioni metastatiche.
    Possono apparire in qualsiasi parte della colonna vertebrale.
  • Sindromi:
    • Instabilità rotazionale di picco.
      È favorito da difetti di sviluppo della colonna vertebrale, come. sottosviluppo, mancanza o distorsione di un dente delle vertebre rotanti.
      Questi cambiamenti mettono sotto pressione il midollo spinale in quest'area.
      La malattia si verifica nei cani di piccola taglia (barboncini in miniatura, Yorkshire terrier, Shih-tzu)
    • Sindrome di Wobbler - instabilità cervicale.
      È una combinazione di tutte le malattie che possono causare il restringimento del canale spinale e la pressione sul midollo spinale nella regione cervicale.
      La malattia colpisce più spesso i cani di taglia grande (ad es. Doberman (Alano), ma può apparire anche in razze più piccole.
      Le ragioni che possono portare a questa sindrome sono:

      • sviluppo anomalo delle vertebre cervicali,
      • osteocondrosi,
      • danni alle articolazioni vertebrali o microtraumi che causano instabilità.
    • Sindrome della coda di cavallo (sindrome della cauda equina) - questo include tutte le malattie che causano un restringimento del lume del canale spinale nella regione lombosacrale (da 7. vertebre lombari al 1°. vertebra sacrale).
  • Malattie congenite che possono influenzare la forma della colonna vertebrale e causarne la curvatura, ad es.:
    • lordosi,
    • cifosi,
    • scoliosi.
  • Instabilità di picco-rotazionale di natura evolutiva.
  • Disturbi dello sviluppo della colonna vertebrale:
    • sacralizzazione, lombarizzazione - questi sono disturbi all'interno della colonna vertebrale causati dalla presenza del cosiddetto. vertebra di transizione.
      La lombarizzazione si verifica quando la prima vertebra sacrale ha le caratteristiche di una vertebra lombare e la sacralizzazione si verifica quando l'ultima vertebra lombare ha le caratteristiche di una vertebra sacrale.
      Ciò può comportare una posizione obliqua del bacino rispetto alla colonna vertebrale, che a sua volta può favorire lo sviluppo della displasia dell'anca.
    • Blocco dell'ultimo paio di costole con la vertebra toracica.
      Un difetto di sviluppo consistente nel fatto che le ultime costole "si fondono" direttamente con le vertebre.
      Piuttosto non clinicamente rilevante.
    • Spina bifida - nello sviluppo embrionale, la parte superiore dell'arco vertebrale non è fusa.
      Questa condizione può portare a un'ernia meningea o spinale.
    • Semicerchio - Sviluppo anomalo del corpo vertebrale.
      Una caratteristica molto comune, riscontrata sui raggi X dei bulldog inglesi e dei bulldog francesi.
      Una vertebra errata a forma di cuneo può portare a cifosi o lordosi.
    • Blocco congenito delle vertebre - quando i corpi di 2 o più vertebre si fondono insieme completamente o parzialmente.
      È comune nei bassotti ma anche nei gatti.

Esame radiologico dell'articolazione

Indicazioni per l'esame radiografico dell'articolazione

  • zoppia, riluttanza a muoversi,
  • problemi con alzarsi e camminare,
  • andatura anormale, risparmio degli arti,
  • articolazioni (o articolazione) dolorose, calde e/o gonfie,
  • lesioni all'interno delle articolazioni,
  • riluttanza a muoversi insieme alla febbre, all'apatia e alla mancanza di appetito che accompagnano,
  • valutazione radiologica per displasia dei gomiti o delle articolazioni dell'anca.

Posizionamento del paziente per l'esame

Come standard, vengono fatte due proiezioni per valutare il giunto:

  • lato,
  • sagittale.

Inoltre, possono applicare:

  • posizioni oblique:
    • lato,
    • mediale,
  • posizione durante il caricamento dell'articolazione, in flessione o estensione (es. immagini forzate).

Dipende tutto dal tipo di laghetto.

Le più comuni sono le radiografie mediale-laterali e sagittali.

Spesso è necessaria un'anestesia a breve termine per il corretto posizionamento del paziente.

Valutazione radiologica dell'articolazione

Secondo i radiologi, quando si valutano le articolazioni, si dovrebbe prestare attenzione ai seguenti elementi:

  • L'allineamento delle ossa in relazione tra loro.
    Le ossa dovrebbero essere allineate in serie.
    Se c'è un disturbo visibile in questa posizione, è possibile la rottura o lo sforzo dei legamenti.
  • Tessuti molli adiacenti all'articolazione esaminata.
    Se ne valutano i contorni, la continuità e l'eventuale rigonfiamento o scomparsa.
    Prestare particolare attenzione alla presenza di corpi estranei, calcificazioni o aria.
  • La forma e la struttura ossea delle epifisi ossee (le alterazioni degenerative croniche possono manifestarsi come ispessimenti sotto la cartilagine articolare o piccole cisti ossee).
  • spazio stagno.
    L'immagine può mostrare un restringimento dello spazio articolare (che può indicare la distruzione della cartilagine articolare) o un allargamento dello spazio articolare (questo accade con lesioni ai legamenti o ad es. deflusso nella cavità articolare).
  • Strutture periarticolari.
    I bordi articolari sono valutati con particolare enfasi su possibili osteofiti, affilatura del bordo articolare, fratture avulsive (cioè distacco di un frammento osseo nel sito di attacco del legamento).
  • Distribuzione delle lesioni nello stagno. Se le lesioni sono simmetriche in più articolazioni, può essere dovuto alla presenza di una malattia sistemica (es. artrite reumatoide).

Le malattie delle articolazioni più comunemente diagnosticate

  • Infiammazione dell'articolazione (artrite).
    L'infiammazione articolare si verifica più spesso a causa di un'infezione.
    Ciò può verificarsi a causa della lesione articolare stessa (ad es. ferite penetranti), interventi chirurgici o diffusione di infezioni dai tessuti vicini o attraverso il sangue.
    Un gruppo separato di artrite sono i cosiddetti. infiammazioni asettiche, che a loro volta spesso accompagnano malattie immunitarie (ad es. artrite reumatoide, lupus eritematoso). L'infiammazione può verificarsi anche nel corso della malattia di Lyme.
  • Osteoartrite.
    È il tipo più comune di malattia articolare negli animali.
    L'insorgenza di degenerazioni all'interno dell'articolazione è una conseguenza di molte anomalie e malattie, ma in termini più generali si può dire che si sviluppano sulla base di disturbi della meccanica.
    Questo può accadere con:

    • Tutti i tipi di deformità congenite delle articolazioni e delle ossa, quando si verificano alterazioni degenerative a causa di un carico errato e irregolare delle superfici articolari.
      Questo accade con la displasia dell'anca o la distorsione congenita dell'asse dell'arto.
    • Deformità acquisite di articolazioni e arti, ad es. fusione anormale di una frattura ossea o come risultato di necrosi asettica della testa del femore.
    • Dopo una frattura intra-articolare.
    • Dopo l'infiammazione dell'articolazione.
  • Fortunatamente, i tumori articolari sono rari.
  • Lesioni articolari.
    Una delle cause più comuni di zoppia e una delle principali indicazioni per i raggi X.
    Le lesioni più comuni delle articolazioni sono:

    • intrecciare,
    • distorsione,
    • sublussazione,
    • frattura intra-articolare.
  • Osteocondrosi separatrice (osteocondrosi dissecante - DOC).
    È una malattia che si verifica nei cani giovani di razze a rapida crescita durante il periodo di crescita ossea.
    Senza entrare troppo nei dettagli, si può dire che la sua causa è un disturbo dell'ossificazione all'interno della cartilagine articolare, che porta al suo eccessivo ispessimento.
    Di conseguenza, la nutrizione della cartilagine in questo sito è significativamente ridotta.
    Questo frammento può quindi rompersi e muoversi intorno all'articolazione come un cosiddetto. topo comune.
    Il DOC può influenzare l'articolazione:

    • brachiale,
    • gomito,
    • ginocchio,
    • saltando.
  • Displasia del gomito.
    Comprende tutte le malattie dell'adolescenza legate all'articolazione del gomito che portano alla sua degenerazione.
    I più comuni sono:

    • osteocondrosi dissecante (DOC) - si verifica nei cani di taglia media e grande, di solito di età compresa tra i 4 mesi. un 10. mese di vita;
    • frammentazione del processo coronarico mediale dell'ulna (FCP);
    • appendice accessoria non fusa (UAP).
  • Displasia dell'anca (HD).
    È un disturbo multifattoriale dello sviluppo dell'articolazione dell'anca.
    Si verifica più spesso nei cani di taglia grande e gigante (oltre 20 kg), meno spesso viene diagnosticata nelle razze piccole.
    Un fatto interessante è che la displasia dell'anca colpisce anche i gatti.
    Le razze più predisposte sono:

    • San Bernardino,
    • Terranova,
    • mastini,
    • labrador,
    • Bovaro del Bernese,
    • rottweiler,
    • alano,
    • pastori tedeschi,
    • setter.
  • Lesioni al ginocchio:
    • distacco della tuberosità della tibia;
    • lussazione della rotula;
    • rottura del legamento semplice della rotula;
    • rottura dei legamenti dell'articolazione tibiale.
  • Fratture all'interno delle articolazioni.

Raggi X con mezzo di contrasto

Raggi X con mezzo di contrasto

A volte una sola immagine a raggi X non è sufficiente per identificare con precisione i cambiamenti nel corpo.

Contrasto, o agente di contrasto - è una sostanza che indebolisce i raggi X più o meno in relazione ai tessuti del corpo.

Come suggerisce il nome, è usato per contrastare un dato organo o area.

Nonostante il fatto che l'esame con l'uso del contrasto sia sempre meno utilizzato (grazie all'accesso diffuso a esami come ultrasuoni, tomografia computerizzata o risonanza magnetica), è ancora utilizzato in radiografia.

Gli agenti di contrasto possono essere:

  • Negativo - aria, anidride carbonica, gas nobili.
    Indeboliscono i raggi X al minimo.
    Sono più spesso usati per testare la vescica o il tratto gastrointestinale (in un test a due contrasti).
  • Positivo - Assorbe i raggi X più dei tessuti.
    I due elementi principali che li compongono sono:

    • iodio,
    • sbarra.

Il test di contrasto con il solfato di bario (comunemente noto come barite) viene utilizzato principalmente per valutare il tratto gastrointestinale.

Gli agenti allo iodio vengono utilizzati per esaminare le cavità corporee (ad es. canale spinale), spesso anche per l'esame del sistema urinario.

Esame con contrasto del tratto gastrointestinale

Un numero significativo di malattie che colpiscono l'esofago, lo stomaco e l'intestino non viene diagnosticato sulla base degli esami radiografici.

Pertanto, per visualizzare il lume del tratto gastrointestinale, viene eseguito un esame radiografico con contrasto.

L'agente di contrasto (il più delle volte Baryta) viene somministrato per via orale (per valutare l'esofago, lo stomaco e l'intestino tenue) o per via rettale (per valutare l'intestino crasso).

Indicazioni per l'analisi con contrasto del tratto gastrointestinale

  • vomito,
  • diarrea,
  • mancanza di appetito e perdita di peso,
  • acquazzone,
  • sangue nelle feci,
  • sospetto di un corpo estraneo non ombreggiante nel tratto digestivo,
  • disturbi della defecazione.

Preparazione del paziente

Un minimo di 24 ore di digiuno prima del test di contrasto,

Se necessario, un clistere 3 e 1 ore prima dell'esame.

La premedicazione non deve essere somministrata.

Il paziente deve ingoiare consapevolmente il mezzo di contrasto e l'anestesia provoca disturbi motori in singole sezioni del tratto gastrointestinale.

Ciò può essere associato al rischio di soffocamento con il preparato e, nel migliore dei casi, al prolungamento del passaggio del contrasto attraverso il singolo apparato digerente.

Prima di somministrare un mezzo di contrasto, effettuare sempre un controllo visivo della cavità addominale ed effettuare una valutazione preliminare.

Un tubo digerente vuoto è una condizione necessaria per la somministrazione del contrasto.

Se la radiografia di revisione mostra cambiamenti che minacciano la vita del paziente e sono la causa della malattia primaria, l'esame viene abbandonato.

Passaggio di contrasto attraverso il tratto gastrointestinale

Le foto vengono scattate appena prima della somministrazione del preparato e subito dopo la somministrazione.

Quindi 15, 30 e 60 minuti dopo la somministrazione.

Poi ogni ora fino alla visualizzazione dei due punti.

Lo stomaco deve essere svuotato del mezzo di contrasto dopo 4 ore.

La barite (agente di contrasto) inizia a lasciare lo stomaco dopo 10-15 minuti e dopo 30 minuti dovrebbe essere nel duodeno.

L'intestino tenue viene riempito di barite entro 2-4 ore dalla somministrazione.

L'intestino si svuota dopo 8 ore.

In generale - per valutare lo svuotamento gastrico e il passaggio intestinale - le foto dovrebbero essere scattate ogni ora, ma in pratica è spesso impossibile per motivi tecnici, di tempo, finanziari e di altro tipo, quindi questo tempo è solitamente esteso a 2-3 ore.

La barite non deve essere somministrata quando

  • il paziente ha lo stomaco pieno,
  • l'animale è in pessime condizioni generali,
  • l'animale è farmacologicamente sedato,
  • nelle malattie acute e infettive,
  • se corpi ombreggianti estranei (es. ossa non digerite), il contrasto non è richiesto.

Cosa si può diagnosticare con un test di contrasto?

  • Anomalie esofagee:
    • Infiammazione dell'esofago.
      I cambiamenti infiammatori in quest'area sono più spesso causati dall'ingestione di una sostanza corrosiva o dal reflusso gastrico cronico.
    • Corpo estraneo o restringimento dell'esofago.
    • Diverticolo esofageo.
    • Esofago gigante.
    • Dotto arterioso pervio e altre anomalie dell'anello vascolare della base del cuore.
  • Anomalie legate allo stomaco:
    • Stenosi del piloro, che può essere causata dalla contrazione o dall'ipertrofia del piloro.
      Lo spasmo pilorico si verifica quando i muscoli pilorici sono sovraccaricati.
      Può accompagnare infiammazioni intestinali, coliche renali ed epatiche, uremia o tossiemia.
      A volte un'infiammazione troppo acuta porta a una forte contrazione del piloro.
      Il sintomo principale è il vomito di cibo parzialmente digerito, fino a 2-3 ore dopo aver mangiato.
      L'ipertrofia pilorica, a sua volta, può essere congenita o acquisita.
      I tumori neoplastici possono anche portare all'ostruzione del canale pilorico.
      Il cane più spesso vomita subito dopo averlo bevuto o mangiato, a volte dopo un lungo periodo di tempo.
    • Ulcerazione allo stomaco.
      Attualmente esistono altri metodi diagnostici più dettagliati per diagnosticare le ulcere gastriche, ma a volte possono essere diagnosticati su una radiografia dopo la somministrazione di un mezzo di contrasto.
      Lo stesso vale per la colite ulcerosa.
    • Corpi estranei non ombreggianti.
      Questi sono elementi che non possono essere visti nella panoramica dei raggi X.
      I corpi estranei comuni e frequentemente ingeriti come pietre o ossa sono generalmente ben visibili sulle radiografie.
      Anche gli oggetti metallici (pallini, chiodi, aghi) hanno molte sfumature, quindi è facile vederli nell'immagine a raggi X.
      Tuttavia, alcuni articoli, come fogli, tessuti vari, fili, ecc. possono passare inosservati durante la valutazione di una radiografia regolare - si limitano a sfumare in modo simile ai tessuti molli circostanti.
      Pertanto, per rilevarli, potrebbe essere necessario eseguire un test di contrasto.
    • Tumori allo stomaco.
      Abbastanza spesso diagnosticato in cani e gatti.
      L'adenocarcinoma è un tipico tumore dello stomaco, ma è anche possibile:

      • linfosarcoma,
      • fibrosarcoma,
      • leiomioma.
  • Anomalie riguardanti l'intestino tenue:
    • Infiammazione dell'intestino.
    • Ostruzione dell'intestino tenue.
      Ci sono molte ragioni per l'ostruzione intestinale.
      Tra questi, i più comuni sono:

      • ostruzione dell'intestino con un corpo estraneo,
      • oppressione del tumore,
      • aderenze intestinali,
      • intussuscezione,
      • intestini in loop,
      • spostamento dell'intestino nel sacco erniario.
  • Anomalie riguardanti l'intestino crasso:
    • Colite ulcerosa (visibile durante la colonografia - cioè somministrazione di contrasto attraverso il manipolo).
      È abbastanza comune nei boxer e nei pastori tedeschi.
    • Colon gigante.
      Alla sua creazione predispone:

      • lunga persistenza delle feci,
      • cambiamenti neoplastici,
      • deformità pelviche (dopo lesioni, fratture),
      • disturbi neurologici (possono accompagnare la sindrome della cauda equina).
  • tumori.
    I cani più anziani sono più spesso colpiti.
    I due principali tipi di lesioni neoplastiche sono gli adenocarcinomi e i leiomiomi.

Esame con contrasto del sistema urinario

Nell'esame radiografico con mezzo di contrasto vengono utilizzati diversi mezzi di contrasto e la via di somministrazione del contrasto, a seconda di quali elementi dell'apparato urinario si vogliono valutare.

Pneumocistografia

Pneumocistografia (cistografia negativa) - introduzione di un mezzo di contrasto in una vescica vuota, ad es. aria.

Si può anche introdurre anidride carbonica o qualche gas nobile.

Il contrasto - dopo aver svuotato la vescica - viene somministrato attraverso un catetere.

Le indicazioni per la pneumocistografia sono:

  • sospetta infiammazione cronica della parete vescicale,
  • tumori della parete della vescica,
  • sospetto di calcoli non ombreggianti nella vescica,
  • sospetto di lussazione della vescica (ad es. con un'ernia perineale o un significativo ingrossamento della ghiandola prostatica),
  • sospetta rottura della parete vescicale (ad es. dopo un incidente stradale).

Cistografia

Cistografia - l'introduzione di un mezzo di contrasto positivo nella vescica.

Le indicazioni per la cistografia sono:

  • cancro della vescica (forma anormale della parete della vescica quando esaminata),
  • spostamento della vescica,
  • valutazione della mucosa della vescica e dell'uretra (l'ecografia è un test più sensibile che fornisce maggiori informazioni).

Doppio contrasto della vescica

L'utilizzo di entrambi i tipi di contrasto (positivo e negativo) consente una valutazione più accurata della mucosa vescicale.

Uretrografia retrograda

Uretrografia retrograda - l'introduzione di un mezzo di contrasto (aria o contrasto positivo) nell'uretra.

L'uretrografia viene utilizzata principalmente per valutare l'uretra, ma ha trovato applicazione anche nell'esame della prostata.

Le indicazioni per l'esame sono:

  • ispessimento della parete uretrale,
  • tumori,
  • pietre non ombreggianti,
  • discontinuità della parete della bobina,
  • sospetto di cancro alla prostata.

Urografia endovenosa

Urografia endovenosa - cioè la somministrazione endovenosa di un agente di contrasto positivo, che viene poi escreto dai reni.

L'urografia consente di vedere i reni, gli ureteri e la vescica.

Le indicazioni per l'esame sono la valutazione di:

  • funzione escretoria renale,
  • la dimensione e la forma dei reni (attualmente sostituiti dalla tomografia computerizzata e dalla risonanza magnetica),
  • la forma della pelvi renale e dei loro recessi,
  • forma e pervietà degli ureteri,
  • le pareti della vescica.

Preparazione del paziente per il test di contrasto:

Prima di somministrare un mezzo di contrasto (soprattutto se somministrato per via endovenosa), è necessario un esame del sangue per qualificare il paziente per l'urografia.

Il più piccolo scopo dei test è un esame morfologico e la determinazione dei livelli di urea e creatinina.

Digiuno minimo di 12 ore.

Svuotamento del tubo digerente da cibo, gas, masse fecali (clistere).

Il corso dell'esame radiografico con contrasto

  1. Somministrazione endovenosa di un mezzo di contrasto.
  2. E la foto viene scattata subito dopo l'iniezione.
  3. 2a foto - dopo 5 minuti. Ora il mezzo di contrasto dovrebbe essere nella pelvi renale.
  4. III foto - 15 minuti dopo l'iniezione, il contrasto raggiunge gli ureteri (se non ci sono ostacoli).
  5. IV foto dopo 30 minuti.
  6. 5° foto dopo 1 ora.
  7. VI foto dopo 2 ore.

Se vogliamo valutare gli ureteri e la vescica, o se l'escrezione del contrasto da parte dei reni è ritardata, le foto vengono inoltre scattate ogni 20 minuti.

In tutte le radiografie, viene valutato il decorso dell'uretere, se scorre ugualmente attraverso entrambi i reni, il bacino, l'urina e infine scorre nella vescica.

Test di contrasto all'interno della colonna vertebrale

Mielografia

Mielografia, cioè un test di contrasto del midollo spinale.

Il più usato è mielografia subaracnoidea cioè, somministrazione di un mezzo di contrasto nello spazio subaracnoideo del midollo spinale, e quindi esecuzione di una serie di radiografie.

L'ago viene inserito nel serbatoio cerebellospinale tra l'osso occipitale e la prima vertebra cervicale (appena dietro il cranio dell'animale).

Se le lesioni si trovano nella parte posteriore del corpo, la puntura viene eseguita tra le vertebre lombari finali:

  • in un cane tra i 6 mesi di età. un 7. vertebre lombari,
  • in un gatto tra i 5 mesi di età. un 6. vertebre lombari.

Dopo la puntura, viene somministrato il mezzo di contrasto allo iodio.

Prima viene eseguita una radiografia laterale, quindi può essere eseguita una radiografia dorso-addominale o addominale-dorsale.

Indicazioni per la mielografia:

  • restringimento dello spazio intervertebrale, visibile nell'immagine puntata su una determinata sezione della colonna vertebrale,
  • compressione (pressione sul midollo spinale),
  • nessun cambiamento in una tipica radiografia, ma sono presenti deficit neurologici,
  • sospetto di compressione in più punti della colonna vertebrale.

Preparazione del paziente per il test di contrasto

Che mielografia il paziente dovrebbe essere particolarmente preparato per 2 motivi.

Garantire la migliore qualità possibile dell'immagine a raggi X e ridurre al minimo il rischio di modifiche che potrebbero oscurare l'immagine (ad es. presenza di masse fecali nel colon o nel retto).

In secondo luogo, l'animale riceverà farmaci sedativi, quindi dovrebbe essere a stomaco vuoto.

Per preparare il paziente all'esame è necessario:

  1. 24 ore prima del test, somministrare cibo semiliquido, facilmente digeribile
  2. Digiunare per almeno 12 ore prima del test.
  3. Il lattulosio può essere somministrato per facilitare i movimenti intestinali.
  4. In casi giustificati, viene utilizzato un clistere.

Scopo dello studio

L'inserimento del contrasto consente la valutazione del passaggio del contrasto nello spazio subdurale.

In condizioni adeguate, l'agente di contrasto dovrebbe riempire il sacco meningeo su entrambi i lati del midollo spinale.

Qualsiasi restringimento o allargamento del lume (visualizzato per contrasto) del sacco meningeo fornisce indizi sul tipo e la posizione delle lesioni che comprimono il midollo spinale.

Complicazioni della mielografia

Il test è invasivo e il guardiano dell'animale deve saperlo.

Si esegue obbligatoriamente in sedazione.

Sfortunatamente, ci sono complicazioni della mielografia, tra cui:

  • danno ai tessuti nervosi,
  • convulsioni,
  • crisi pseudoepilettiche,
  • problemi di cuore,
  • disturbi respiratori,
  • shock,
  • la morte dell'animale.

epidurografia

È un test di contrasto della luce del canale spinale.

È più spesso usato per diagnosticare la sindrome della cauda equina.

L'epidurografia è più facile e sicura della mielografia.

Infatti, diventa ripetutamente un effetto indesiderato della mielografia quando il mezzo di contrasto non si deposita nello spazio subdurale.

Il mezzo di contrasto viene somministrato tra 3. vertebra sacrale, e 1. caudale.

Discografia

Viene utilizzato per valutare il nucleo polposo nello spazio intervertebrale tra i 7 mesi di età. vertebre lombari e 1. attraverso.

Il contrasto viene somministrato direttamente al disco intervertebrale e lo scopo è visualizzare qualsiasi ernia del disco.

Radiografia in cani e gatti - prezzo

Radiografia di un cane e un gatto - prezzo

L'esame a raggi X è un esame relativamente economico perché costa una foto I prezzi dei raggi X oscillano tra PLN 30 e PLN 60.

Tuttavia, il costo totale può aumentare notevolmente in quanto dipende da fattori quali:

  • La necessità di anestesia o sedazione.
    In una situazione del genere, il prezzo per foto aumenta di quanto 100-200 PLN - a seconda della taglia dell'animale (cioè la quantità del farmaco).
  • Il numero di radiografie necessarie.
    Nel caso di una singola radiografia non ci sono problemi, ma quando si effettuano una serie di radiografie (come nel caso, ad esempio, con un test di contrasto), il costo totale delle radiografie aumenta vertiginosamente.
  • Tipo di immagine a raggi X.
    A causa della migliore qualità dei raggi X realizzati con fotocamere digitali, il prezzo di tali radiografie è più elevato.

A questo vanno aggiunti anche il costo della visita, di una eventuale sperimentazione clinica e dei farmaci utilizzati.

Il che non va bene per una radiografia?

L'esame a raggi X ha alcune limitazioni.

Non sempre mostra cambiamenti, specialmente se sono minori.

Con l'uso dei raggi X, non valuteremo le strutture interne di organi o tessuti, non vedremo cosa sta succedendo nel cuore e non saremo in grado di esaminare con precisione alcune aree del corpo, come. gola.

Nella radiografia delle articolazioni - nonostante un uso così ampio dei raggi X - non mostreremo, ad esempio,.:

  • danno al menisco,
  • rottura della capsula articolare,
  • rotture del legamento.

D'altra parte, la radiografia del torace non mostrerà anomalie minori nella cavità pleurica.

Per esempio:

la più piccola quantità di liquido presente nella cavità pleurica che può essere rilevata dai raggi X è da 50 ml (cani di piccola taglia) a 100 ml (cani di grossa taglia).

Per valutare queste e molte altre strutture vengono utilizzati altri metodi diagnostici, come i test con l'uso di:

    • tomografia computerizzata,
    • risonanza magnetica,
    • usg.

Pertanto, il veterinario ha una grande responsabilità nel selezionare abilmente il tipo di esame, tenendo conto della sospetta malattia o condizione clinica, utilizzando la sua conoscenza ed esperienza.

Riepilogo

I raggi X sono estremamente utili per identificare un'ampia gamma di problemi di salute, da corpi estranei e fratture ossee a cancro e condizioni potenzialmente letali.

L'importanza dell'esame a raggi X non può essere sopravvalutata e anche oggi, più di un secolo dopo la scoperta delle radiazioni da parte di Wilhelm Xentgen, la radiografia è ancora in cima alla lista degli esami aggiuntivi più comunemente usati.

Anche se in medicina veterinaria sono già disponibili metodi diagnostici nuovi e sempre più sofisticati, l'esame con l'uso di raggi X viene utilizzato per diagnosticare la maggior parte delle malattie.

Tuttavia, d'altra parte, grande enfasi deve essere posta sul fatto che l'imaging a raggi X non curerà l'animale.

Sì, la radioterapia ha trovato ampia applicazione nella cura del cancro e questa è una delle sue funzioni terapeutiche.

Tuttavia, di fronte all'ordine molto diffuso di radiografie da parte dei medici, è difficile resistere all'impressione che spesso se ne abusa.

La radiografia serve a confermare le conclusioni del medico sulla base dell'esame clinico e di altri metodi diagnostici meno invasivi.

Non deve essere trattato come:

facciamo una foto e vediamo cosa succede lì.

Non è il modo.

Le radiazioni a raggi X sono dannose e l'uso della ricerca che le utilizza dovrebbe essere fondato.

Tutte le informazioni in questo articolo provengono da materiali compilati da radiologi esperti.

Sono quelli che conoscono meglio la natura della radiazione a raggi X, i suoi effetti e la sua applicazione.

Tutte le avvertenze sulla sua nocività e le raccomandazioni su come proteggersi dalle radiazioni dovrebbero essere profondamente rispettate e, allo stesso tempo, seguite rigorosamente negli ambulatori veterinari, anche i più piccoli.

Non c'era un accenno di esagerazione in nessuna delle dichiarazioni di sicurezza di cui sopra.

Le radiazioni a raggi X hanno un effetto negativo su tessuti e organi, quindi dovresti fare di tutto per esporre te stesso e il tuo cliente il meno possibile.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento