Principale » altri animali » Parvovirosi canina: come riconoscere e curare il tifo canino?

Parvovirosi canina: come riconoscere e curare il tifo canino?

Parvovirosi in un cane

Immagina la situazione: sogni un cane da anni. Già da piccolo chiedi a tua madre un cucciolo, ma i tuoi genitori sono irremovibili.

Dopotutto, quando invecchi, prendi una decisione: è quel giorno ed è quel cane.

Porti a casa un bambino piccolo, ma c'è qualcosa che non va in lui:

è triste, non gioca come gli altri cani

Ha la diarrea, ma forse era stress, o forse era karma.

Dopo pochi giorni decidi di visitare un veterinario, ma è troppo tardi, poche ore il tuo cane dei sogni, di cui ti sei già innamorato, muore

Ecco come appare lo scenario del chilometraggio nella maggior parte dei casi parvovirosi nei cani.

Causato da un virus in famiglia Parvoviridae (CPV-2), la stessa cosa che causa la panleucopenia nei gatti (gatti FPV).

La malattia è caratterizzata da circa 40% di mortalità.

Nei cani con una forma complicata di parvovirosi, aumenta anche a 100%.

Quindi è una malattia molto pericoloso, altamente contagioso, soprattutto per i cuccioli.

In questo articolo imparerai cos'è la parvovirosi, quali sono i sintomi della parvovirosi e come trattarla. Infine, spiegherò se la malattia è pericolosa per l'uomo.

  • Parvovirosi in un cane
    • Cara infezione da tifo canino
    • Quando si verifica più spesso?
  • Cause di parvovirosi del cane
  • I sintomi della parvovirosi nei cani
    • Forma enterica di parvovirosi
    • Forma cardiaca di parvovirosi
  • Diagnosi e diagnosi di parvovirosi
  • Quali altre malattie assomigliano alla parvovirosi?
  • Trattamento della parvovirosi nei cani
    • La prima fase del trattamento
    • La seconda fase del trattamento
    • Quanto dura il trattamento della parvovirosi??
    • Quanto costa il trattamento della parvovirosi?
  • Profilassi e prevenzione: vaccinazione contro la parvovirosi
  • Un cane può contrarre la parvovirosi dopo la vaccinazione??
  • Parvovirosi e gravidanza
  • La parvovirosi è pericolosa per l'uomo??

Parvovirosi in un cane

  • La parvovirosi nei cani è una malattia causata dal DNA di un virus della famiglia Parvoviridae.
  • Negli ultimi anni questo virus ha subito molte mutazioni, si sono create nuove forme di CPV - 2a, CPV - 2b, alle quali purtroppo anche i gatti sono sensibili.
  • Questo virus ama le cellule in rapida divisione, quindi gli obiettivi principali del suo attacco sono:
    • cellule della cripta intestinale,
    • giovani eritrociti,
    • granulociti,
    • cellule del sistema linfatico,
    • cellule del muscolo cardiaco di animali molto giovani.

Questo virus è molto resistente alle condizioni ambientali, pertanto, un nuovo cucciolo o un animale domestico non vaccinato non deve essere portato in casa dove era presente il cane affetto da parvovirosi per un periodo minimo di tempo 6 mesi.

Globuli rossi infetti da parvovirus | fonte: wikipedia

Cara infezione da tifo canino

Affinché si verifichi un'infezione, un virus deve entrare nell'apparato digerente del cane.

Tuttavia, non è così difficile come pensi:

basta il cibo contaminato da feci, leccare i capelli di un fratello o collega malato, leccare le scarpe del proprietario che ha percorso lo stesso sentiero, su cui qualche settimana fa un cane malato ha fatto le feci.

Ci sono molti casi del genere, perché virus del parvovirus viene escreto dall'organismo malato tramite:

  • feci,
  • urina,
  • vomito,
  • saliva.

Il tempo che intercorre tra l'infezione e l'insorgenza dei sintomi è di ca 7-14 giorni.

Quando si verifica più spesso?

La parvovirosi attacca più spesso cani giovani, fino a 6 mesi di età, prima del ciclo completo di vaccinazione.

I cuccioli sono i più sensibili fino a 4 giorni di età, poi la mortalità scende.

Oltre ai cani giovani, sono anche sensibili al tifo vecchi cani (8-12 anni), mai vaccinato, vive in grandi grappoli.

Spesso, il parvovirus attacca anche individui immunocompromessi.

La parvovirosi è asintomatica in molti cani adulti (22-48%).

Per ca 7-10 giorni tuttavia, passano il germe nelle feci.

Le razze canine più suscettibili alla parvovirosi sono:

  • pastori tedeschi,
  • dobermann,
  • rottweiler.

Cause di parvovirosi del cane

Secondo me, la popolarità di questo germe nell'ambiente.

Solo disinfettanti per la casa ipoclorito di sodio (incluso ad esempio in Domestos) distrugge i virus della famiglia Parvoviridae, ma solo dopo un'ora di funzionamento.

Quali disinfettanti uccidono il virus?

Di conseguenza, l'ambiente, soprattutto quello urbano, è comunemente contaminato dal virus della parvovirosi.

I germi della parvovirosi possono essere portati a casa su scarpe, vestiti o altri oggetti.

Inoltre, la cagna può portare il virus sui capelli, sui capezzoli o i cuscinetti delle zampe.

parvovirus possono inoltre portare:

  • gatti,
  • roditori,
  • artropodi.

Quindi il cucciolo può infettarsi anche attraverso ingoiare una mosca Se divertirsi con la farfalla.

I sintomi della parvovirosi nei cani

Sono note due forme della malattia e i sintomi della parvovirosi sono specifici di queste due forme:

  • parvovirus intestinale,
  • parvovirus cardiaco.

Forma enterica di parvovirosi

Ora è la forma più comune tifo canino.

Sintomi di parvovirosi enterica del cane:

  • vomito violento e persistente,
  • perdita di appetito e sete,
  • tristezza,
  • aumento della temperatura corporea,
  • dopo 6-48 ore si aggiunge diarrea acquosa, spesso con una mescolanza di sangue,
  • traboccare nella pancia,
  • pancia in su,
  • disidratazione,
  • perdita di peso,
  • disturbi elettrolitici,
  • respirazione rapida,
  • dopo un po' la temperatura scende al di sotto del normale,
  • l'ipoglicemia e l'ipopotassemia riducono la contrattilità muscolare,

Attenzione! Shock e morte possono verificarsi a causa della disidratazione e della debolezza del cane.

I sintomi della parvovirosi nei cani

Gli esami del sangue mostrano anche leucopenia e linfopenia dal 2° al 5° giorno di malattia.

I cani sono quindi più suscettibili alle infezioni batteriche secondarie (spesso e.coli) a sepsi cioè, intossicazione del corpo (o sepsi) compreso.

Possono anche sperimentare:

  • polmonite,
  • pleurite,
  • la formazione di ascessi,
  • infezioni con altri virus.

Poi la prognosi è purtroppo sfavorevole

Come potrebbero essere segni di parvovirosi in un cane puoi vedere nel video qui sotto

Cucciolo affetto da parvovirus canino
Guarda questo video su YouTube

Forma cardiaca di parvovirosi

Riguarda principalmente cuccioli molto giovani - fino a 2 settimane di età.

Questo perché il virus attacca le cellule in divisione intensa. Le cellule del cuore si stanno solo dividendo fino a quando il cucciolo ha 2 settimane.

Questa infezione precoce può essere causata infezione intrauterina essere perinatale, quindi la fonte è qui madre non vaccinata.

Il decorso della malattia è molto violento.

Gli animali muoiono improvvisamente senza alcun sintomo.

Con la parvovirosi cardiaca, un cane può manifestare sintomi come:

  • lividi delle mucose visibili,
  • soffocamento dell'animale domestico,
  • scarico schiumoso dalle vie respiratorie.

Di solito più di un animale in una cucciolata è malato.

Diagnosi e diagnosi di parvovirosi

Diagnosi e diagnosi di parvovirosi

Se un cucciolo con diarrea persistente viene dal medico, la prima cosa da escludere è la parvovirosi.

Spesso, già nell'esame iniziale, in base all'anamnesi e ai sintomi, il veterinario inizierà il trattamento.

Probabilmente verrà eseguito un esame del sangue per confermare le tue ipotesi.

Quando si esegue il test del cane per la parvovirosi, è necessario prestare particolare attenzione a:

  • riduzione del numero di globuli bianchi,
  • ematocrito alto,
  • squilibrio acido-base,
  • ipoglicemia,
  • ipoproteinemia,
  • ipoalbuminemia,
  • abbassare il potassio.

Ci sono anche una serie di test confermando la parvovirosi:

quelli veloci sono tra i più usati prove su piastra.

La loro struttura ricorda in qualche modo i test di gravidanza umani, ma il materiale utilizzato qui sono le feci di un animale malato.

Il vantaggio dei test rapidi è il fatto che in brevissimo tempo, mentre siamo ancora in ufficio, possiamo avere una risposta se l'animale è malato.

Tuttavia, questo test non può essere sicuro al 100% che l'animale sia sano.

Dobbiamo anche ricordare che da 5 a 12 giorni dopo la vaccinazione i test possono mostrare risultati positivi.

Nei casi dubbi, il medico può suggerire esami di laboratorio specializzati - PCR o test ELISA.

E qui, allo stesso modo, il materiale di ricerca sono le feci raccolte da un animale malato.

Bisogna tener conto che il costo di un tale test è maggiore che nel caso dei test su piastra.

Quali altre malattie assomigliano alla parvovirosi?

Ci sono un certo numero di malattie che assomigliano alla parvovirosi con i loro sintomi.

La parvovirosi nei cani è anche simile ad altre malattie, come:

  • nasale,
  • enterite da coronavirus,
  • enterite batterica (Salmonella, Campylobacter),
  • enterite e gastrite emorragica,
  • forte vermifugo,
  • infiammazione del pancreas.

Nonostante le somiglianze, un medico esperto, in base all'età dell'animale, alla natura dei sintomi, al tipo di diarrea, alla presenza o meno di leucopenia, è in grado di determinare con cosa ha a che fare l'avversario.

Quindi se il tuo cucciolo è stato sverminato, e il suo le feci sono acquose, grigio-giallo, puzzolente (alcune persone paragonano questo odore a quello del sapone), consultare immediatamente il veterinario.

Potrebbe significare che soffre di parvovirosi.

Trattamento della parvovirosi nei cani

Devi ricordare che la parvovirosi è una malattia molto intensa, quindi è spesso richiesta cure ospedaliere.

Trattamento della parvovirosi

Diventa necessario isolare un animale malato da animali sani, soprattutto non vaccinati, giovani o il cui sistema immunitario non funziona come dovrebbe, ovvero cani anziani e cani malati cronici.

La prima fase del trattamento

Vale anche per i primi giorni di trattamento divieto assoluto di alimentazione.

In primo luogo, a causa della diarrea e del vomito del cane, il corpo del cagnolino si disidrata.

Per questo motivo, la somministrazione endovenosa, sottocutanea o intraperitoneale è essenziale come richiesto dalla situazione.

I fluidi utilizzati a tale scopo devono compensare l'acidosi del disturbo del pH sanguigno.

Tipicamente si usa:

  • fluido multielettrolitico,
  • Soluzione di Ringer con ioni lattato,
  • Soluzione di NaHCO3 all'8,4%.

Ricordati anche di aggiungere glucosio anche sotto forma di infusioni endovenose aminoacidi preparati come:

  • Duphalyte,
  • vitamine del gruppo B e altri (Inravit, Combivit).

È necessaria anche una copertura antibiotico.

Farmaci somministrati in caso di parvovirosi, a seconda delle condizioni dell'animale:

  • enrofloxacina,
  • ampicillina,
  • amoxicillina,
  • sulfonamidi con trimetoprim.

Nel trattamento di questa grave malattia, è anche importante effetto antiemetico.

Per questo, il medico può usare:

  • maropitant (Cerenia),
  • metoclopramide,
  • clorpromazina,
  • ondansetrone.

È anche ragionevole usare farmaci che proteggono la mucosa gastrica, come:

  • ranitidina,
  • cimetidina.

Con diarrea intensa con sangue, può anche essere usato farmaci antiemorragici come ciclonamina.

Se si verifica uno shock, il medico dovrebbe applicare farmaci anti-shock, Per esempio idrocortisone.

Per eliminare la causa dell'infezione, puoi applicare siero immuni (ad esempio Canglob).

In generale, è il siero centrifugato di un cane che ha avuto in passato la parvovirosi.

Contiene soldatini pronti a combattere - anticorpi che combattono il virus.

La seconda fase del trattamento

Dopo i primi giorni di trattamento quando era necessario dieta da fame, inizia a dare al tuo animale domestico piccole quantità di cibo.

Se l'assunzione di cibo non è possibile, daglielo glutammina per proteggere le cellule che rivestono l'intestino.

Nel trattamento della parvovirosi, è anche importante stimolare il sistema immunitario - somministrando agenti immunostimolanti.

Quanto dura il trattamento della parvovirosi??

Ogni caso di parvovirosi è diverso, quindi la durata del trattamento e il tipo di preparati somministrati possono essere diversi.

I più importanti sono i primi 3 - 4 giorni di trattamento, di solito i cani tornano insieme dopo circa una settimana.

Tuttavia, in casi complicati, il ricovero del cucciolo può fino a diverse settimane.

Quanto costa il trattamento della parvovirosi?

Quando si tratta di costi di trattamento, dovrebbero essere limitati a diverse centinaia di zloty, ma è condizionato l'avanzare della malattia.

Quindi, se sospetti il ​​parvovirus nel tuo cane, consulta il veterinario il prima possibile.

Ricorda che il trattamento domiciliare della parvovirosi non funziona.

Profilassi e prevenzione: vaccinazione contro la parvovirosi

Vaccinazione contro la parvovirosi

L'unica forma di prevenzione parvovirosi nei cani è la loro vaccinazione contro questa malattia.

Se sei il proprietario di una cagna da riproduzione, devi ricordare le sue vaccinazioni annuali.

Danno immunità non solo alla madre, ma anche ai cuccioli nelle prime settimane di vita.

Quando si tratta di cuccioli, ci sono due scuole:

Il primo racconta la vaccinazione in 8 settimane di vita e ripetere la vaccinazione dopo 3-4 settimane.

La seconda dice che la vaccinazione dovrebbe essere iniziata prima, perché è già alla settimana 6, e ripetere la vaccinazione due volte ad intervalli 3-4 settimane.

Questa strategia viene solitamente utilizzata in luoghi con alta densità di animali - rifugi per l'allevamento o in animali esposti a infezioni.

In entrambi i casi la vaccinazione va ripetuta ogni anno.

Nella mia pratica, il principio è che i cani dai 5 anni in su si può già vaccinare ogni 2 anni.

È importante anche che gli animali malati non entrino in contatto con il virus.

A questo proposito, prima della fine del ciclo di vaccinazione, non è consigliabile uscire dal proprio cortile, giocare con cani che non si conoscono o stare con un gruppo numeroso di cani (hotel).

Assolutamente un cucciolo non può stare in un posto dove un tempo stava un cane affetto da parvovirosi.

Un posto del genere dovrebbe essere evitato con una cuccetta larga da mezzo anno a un anno.

Un cane può contrarre la parvovirosi dopo la vaccinazione??

In teoria potrebbe succedere.

Ci sono diverse possibilità per un tale scenario.

In primo luogo:

  • Fatto male, fatto al momento sbagliato vaccinazione del cane, oppure vaccinazione con vaccino non adeguatamente conservato.

Questi casi si verificano spesso quando la vaccinazione viene somministrata da una persona non autorizzata.

L'unica persona che dovrebbe vaccinare i cuccioli è un veterinario.

Il secondo scenario è questo:

  • L'animale che è stato vaccinato non era salutare, quindi non potrebbe costruire l'immunità.

Quindi, un colloquio e un esame clinico prima della vaccinazione sono così importanti.

Quindi se il tuo cane ieri era a disagio, ha mangiato qualcosa che non avrebbe dovuto e sta vomitando oggi, o era molto infestato - segnalalo al medico prima della vaccinazione.

Un'altra possibilità di un cane vaccinato contro l'infezione da parvovirus è una cosiddetta mutazione del virus.

I vaccini disponibili sul mercato proteggono solo dai virus CPV, CPV2a, CPV2b.

Gli scienziati hanno recentemente scoperto nuove varianti del virus CPV2c.

Quindi se il vostro cucciolo ha avuto la sfortuna di contrarre questa variante del virus, anche tre vaccinazioni non lo salveranno dai sintomi.

Parvovirosi e gravidanza

Il virus della parvovirosi può essere trasmesso intrauterino, quindi femmine esposte ad esso non dovrebbero avere figli.

È anche importante prevenire questa malattia vaccinando le femmine.

Questo perché dona immunità alla madre e alla futura cucciolata.

La parvovirosi è pericolosa per l'uomo??

Una persona può essere infettata dal parvovirus??

Virus della parvovirosi non è pericoloso per l'uomo.

Tuttavia, poiché è uno dei virus mutanti più comuni, è necessario seguire l'igiene quando si prende cura di un cane con parvovirosi.

Riepilogo

La parvovirosi è una malattia grave e insidiosa.

Ricorda che solo la tua risposta rapida e il trattamento possono salvare la vita del tuo cane!

Dopo aver letto questo articolo, sai già quali sono i sintomi della parvovirosi canina e perché una risposta rapida è fondamentale.

Se vuoi saperne di più su trattamento della parvovirosi, o il tuo cane aveva questa malattia - ora pubblica un commento sotto l'articolo. Risponderò a tutte le domande e chiarirò i dubbi.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento