Principale » notizia » Il nostro gatto e i suoi animali domestici, ovvero quando e come sverminare un gatto

Il nostro gatto e i suoi animali domestici, ovvero quando e come sverminare un gatto

Il nostro gatto e i suoi animali domestici, o quando e come sverminare un gatto


Raramente ci rendiamo conto che il nostro animale domestico può ospitare altri animali e microrganismi. Di solito, difficilmente riusciamo a vedere queste creature con i nostri occhi, ma purtroppo l'evidenza della loro presenza è. La presenza di parassiti può mostrare un deterioramento del benessere del nostro gatto e anche di altri membri della famiglia. Come proteggere il nostro gatto dai parassiti e quanto spesso usare la sverminazione?

Animali piccoli e grandi

Il nostro gatto può essere abitato da creature di varie dimensioni e appartenenti a diversi gruppi, quali: insetti (es. pulci), vermi (es. nematodi), aracnidi (es. zecche), acari (es. scabbia) o protozoi (es. toxoplasma). Non in tutti i casi un clandestino sarà visibile ad occhio nudo, quindi dovremmo occuparci regolarmente di esami preventivi del nostro gatto. Va fatto sia per la salute del gatto che dei nostri cari, perché alcuni dei parassiti possono essere una minaccia anche per l'uomo.

Il modo più semplice per verificare se il nostro gatto ha parassiti è ispezionarlo attentamente "fuori", ad es. pelle, occhi, orecchie e "esame dall'interno" - test di laboratorio delle feci (e talvolta del sangue). Anche nei gatti che vivono principalmente in casa, tali test dovrebbero essere eseguiti in media 1-2 volte l'anno, perché ci sono molti modi diversi per contrarre l'infezione. Nel caso di gatti in uscita, nutriti con prodotti animali crudi o a caccia attiva, i test dovrebbero essere eseguiti molto più spesso - la frequenza raccomandata è almeno una volta al trimestre. Vale anche la pena ricordare che la presenza di vari parassiti dà sintomi diversi, quindi le analisi del sangue o le analisi delle feci da sole non sempre sono sufficienti.

Da dove vengono i clandestini nel gatto??

È facile immaginare che i gatti all'aperto vengano infettati da parassiti. Sono esposti al contatto con altri animali, cacciano ad es. contro roditori, uccelli, lumache, che possono essere portatori di varie malattie e possono mangiare cibi a caso. Nonostante i gatti indoor non abbiano tali opportunità, anche nel loro ambiente ci sono minacce o possibilità di essere infettati da parassiti. Alcuni parassiti vivono nell'ambiente domestico. Inoltre, un rischio significativo di infezione si nasconde dal cibo crudo: gli studi mostrano [MP1 che più della metà dei gatti che ricevono carne cruda sono infetti dalla malattia da protozoi che causa la tocspolasmosi [1. Questa malattia mostra sintomi in animali immunocompromessi o molto giovani, quindi potremmo non essere consapevoli che il nostro gatto ne è portatore. Può anche essere pericoloso per le persone in situazioni specifiche, scopri di più sul sito web di ESCCAP.

D'altra parte, un cane che vive con un gatto che esce può portare a casa le pulci che salteranno sul gatto domestico. In questo modo i parassiti "entrano" nella nostra casa. Parassiti invisibili alla vista, possiamo portare a casa anche su scarpe, bicicletta o scooter. Pertanto, la profilassi e gli esami regolari proteggono non solo la nostra ma anche la salute del nostro gatto.

Come sbarazzarsi di compagni indesiderati?

A seconda di quali parassiti affliggono il nostro gatto, il veterinario selezionerà la forma e il tipo di medicinale più efficace che ci aiuterà a liberarcene. Questi possono essere compresse, paste, preparazioni spot-on, collari e persino shampoo e spray. Alcuni dei preparati verranno applicati all'animale o nell'animale, ma altrettanto importante può essere l'efficace sterminio delle creature nell'ambiente, oltre a ridurre il rischio di reinfezione. Potrebbe risultare che la somministrazione dell'agente antiparassitario dovrà essere ripetuta ad un intervallo appropriato per sbarazzarsi efficacemente delle creature e proteggere il nostro gatto. Pertanto, dovresti seguire le regole della profilassi e le raccomandazioni individuali di un veterinario adattate all'età, alle condizioni e alle esigenze del nostro gatto.

[1 Lopes A.P., Cardoso L., Rodrigues M.: Indagine sierologica sull'infezione da Toxoplasma gondii nei gatti domestici del Portogallo nordorientale. Veterinario. Parassitolo.,
volume. 155, n.3-4, pp. 184-189, agosto. 2008.

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento