Principale » altri animali » Ipertiroidismo del gatto: riconoscere e trattare l'ipertiroidismo?

Ipertiroidismo del gatto: riconoscere e trattare l'ipertiroidismo?

Ipertiroidismo in un gatto

Ogni organismo vivente che viene al mondo è soggetto ad un inesorabile processo di invecchiamento e ad ogni giorno della sua vita, che lo voglia o no, si avvicina inesorabilmente alla sua fine biologica.

Certo, non pensiamo a noi stessi in questo modo decadente quotidianamente, tuttavia, i processi progressivi legati al funzionamento e all'usura di organi e organi procedono costantemente.

È un corso naturale delle cose, anche se in realtà tutti vorrebbero essere belli, giovani e sani il più a lungo possibile, se non costantemente.

Mentre nell'uomo il processo di invecchiamento avviene per un periodo di tempo più lungo e alcuni sintomi si notano solo dopo diversi decenni, nei nostri animali, a causa del fatto che vivono più brevi, è molto più veloce.

Dobbiamo accettare che anche il cane e il gatto più attivi ed energici un giorno sperimenteranno la vecchiaia e le relative malattie geriatriche.

A volte è difficile accettare il fatto che un cane o un gatto di 7-8 anni sia già incluso nel gruppo degli animali più anziani e quindi richieda più cure da parte nostra, esami o controlli più frequenti presso l'ufficio veterinario.

Dovremmo ricordare che qualsiasi malattia precedentemente diagnosticata crea una maggiore possibilità di recupero completo o almeno per un comfort di vita più lungo e la sua estensione.

Quindi a cosa dovresti prestare attenzione quando possiedi un gatto anziano??

Ci sono molte malattie che possono manifestarsi in un anziano.

Tra questi, il primo posto in termini di frequenza delle malattie endocrine è l'ipertiroidismo, ad es ipertiroidismo.

Cercherò di farvi conoscere questa malattia nel seguente articolo.

Allo stesso tempo vorrei sensibilizzare il proprietario di un gatto anziano ad alcuni sintomi e una rapida visita allo studio veterinario e un eventuale intervento medico.

  • Cos'è la tiroide e perché è così importante
  • Causa di ipertiroidismo in un gatto
  • Quali gatti sono più a rischio?
  • Sintomi di una ghiandola tiroide iperattiva in un gatto
  • Diagnosi della malattia
  • Trattamento dell'ipertiroidismo nei gatti
    • Rimozione chirurgica della ghiandola tiroidea
    • Farmaci per l'ipertiroidismo in un gatto
    • Radioterapia
  • Dieta di una ghiandola tiroide iperattiva in un gatto

Cos'è la tiroide e perché è così importante

Tiroide (ghiandola tiroidea) è una ghiandola endocrina accoppiata situata vicino alla laringe.

Produce ormoni estremamente importanti per il corretto funzionamento del corpo:

  • tiroxina (T4),
  • triiodotironina (T3),
  • calcitonina.

Ci sono vescicole nel parenchima che producono anche questi due ormoni (T3 e T4) cellule chiare - cellule C produrre calcitonina e in misura minore serotonina e somatostatina.

Dal punto di vista dell'ipertiroidismo, saremo interessati agli ormoni T3 e T4.

Questi ormoni sono derivati ​​dall'aminoacido tirosina, che è il prodotto di partenza per la loro produzione.

L'intero processo avviene all'interno dei follicoli della ghiandola tiroidea, dai quali vengono rilasciati nel flusso sanguigno secondo necessità.

È importante sottolineare che è la tiroxina, cioè T4, che è presente in quantità predominante (fino al 99%) in una forma legata a una proteina di trasporto rispetto alla triiodotironina, cioè T3 debolmente legata e quindi rapidamente e facilmente disponibile, se necessario, per l'organismo.

Quindi, è T3 che è considerata una forma biologicamente attiva, sebbene in realtà ce ne sia molto meno (il rapporto tra T4 e T3 è 50: 1) nel flusso sanguigno.

triiodotironina è anche in gran parte formato nel sangue periferico come risultato del processo deionizzazione della tiroxina.

La piccola quantità di ormoni tiroidei che non sono legati alle proteine ​​e che circolano nel sangue è nota come tiroxina libera (fT4) o triiodotironina libera (fT3).

Una proprietà specifica della tiroide è la sua enorme capacità di immagazzinamento iodio e fungendo da serbatoio per l'organismo di questo elemento.

Questa caratteristica garantisce il funzionamento efficiente dell'organo per molti mesi, anche in assenza di questo micronutriente nell'alimento.

A proposito, è stato utilizzato dopo l'incidente alla centrale elettrica di Chernobyl, quando ai bambini è stata somministrata la soluzione di Lugol contenente iodio, per saturare la tiroide con questo elemento e non con il suo isotopo radioattivo.

La produzione nella ghiandola tiroidea è strettamente regolata da parte di ghiandola pituitaria a sua volta producendo l'ormone TSH - tireotropina, e lei, a sua volta, dipende da l'ormone ipotalamico TRH, questo è tireoliberina e si basa sul principio del feedback negativo.

Gli ormoni tiroidei sono estremamente importanti per il metabolismo del corpo perché colpiscono tutti i tessuti e gli organi del corpo, influenzando così quasi tutti i processi biochimici.

Sono estremamente importanti nello sviluppo del feto, in particolare nei suoi sistemi muscolare e nervoso.

Regolano il metabolismo di grassi e carboidrati, influenzano il lavoro del muscolo cardiaco (effetti isotropi e cronotropi positivi) e stimolano il processo di emopoiesi, cioè l'eritropoiesi.

Influiscono anche sul buon funzionamento degli osteoclasti e degli osteoblasti, cioè cellule responsabili dello sviluppo osseo e del metabolismo osseo.

Interagendo con l'ormone della crescita, sono insostituibili nello sviluppo del corpo, sia somatico che sessuale.

Poiché conosciamo già il ruolo degli ormoni nel sistema del gatto, possiamo passare alla descrizione della situazione patologica, quando sono presenti troppi di questi ormoni.

Causa di ipertiroidismo in un gatto

Le principali cause di ipertiroidismo nei gatti sono escrescenze neoplastiche benigne su questo organo.

Allo stesso tempo, non conosciamo le cause che le causano, ma in base agli alti livelli riscontrati anticorpi antinucleari (ANNA) possiamo sospettare base autoimmune di questa malattia.

Le escrescenze cancerose nei gatti sono sempre attive dal punto di vista ormonale e causano la condizione ipertiroidismo e le sue conseguenze.

In alcuni casi, non proprio 5%, la causa dell'ipertiroidismo potrebbe essere neoplasie maligne della tiroide, cioè, ormonale attivo adenocarcinomi.

Da segnalare anche l'influenza dell'alimentazione sullo sviluppo delle neoplasie tiroidee.

I gatti che vivono in aree povere di iodio hanno maggiori probabilità di sviluppare una ghiandola tiroidea ingrossata e sviluppare un processo canceroso.

Sviluppano più spesso adenocarcinomi per carenza cronica di iodio, che si manifesta in zone dove questo elemento viene lisciviato dal suolo a seguito, ad esempio, di alluvioni più frequenti.

Gli scienziati sospettano molti più fattori che possono influenzare lo sviluppo della malattia, sebbene non sia stato indiscutibilmente documentato molte volte.

E così spesso c'è il sospetto che il grande impatto del non uscire di casa dei gatti e la vita ad esso associata, cioè mangiare cibo in scatola già pronto o usare la lettiera, come fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'iperattività.

La tiroide nei gatti è composta da due lobi e l'iperfunzione colpisce uno o entrambi.

Come si vede nel caso dell'ipertiroidismo, non si sa ancora tutto e a volte è difficile rispondere alla domanda in modo semplice:

qual è la causa della malattia??

Quali gatti sono più a rischio?

Quali sono i gatti più a rischio di avere una tiroide iperattiva??

La malattia è molto più comune in gatti di mezza età o gli anziani, questo è di età superiore a 8 anni (altre fonti menzionano i gatti 12-13 anni).

Finora non è stata riscontrata alcuna predisposizione razziale o sessuale in corso di ipertiroidismo, sebbene sia più comune nei gatti siamesi o himalayani rispetto ad altri gatti.

C'è anche il sospetto che i gatti indoor che usano una lettiera al di fuori di una lettiera e sono nutriti con cibo commerciale siano a maggior rischio di sviluppare questa condizione.

Quindi possiamo vedere chiaramente che la malattia non si presta a una facile classificazione e, per ora, possiamo solo essere sicuri che si verifica principalmente negli animali primi o anziani.

Sintomi di una ghiandola tiroide iperattiva in un gatto

La tiroide è una ghiandola secretoria estremamente importante che produce ormoni, quindi i sintomi di un eccesso di ormoni devono essere gravi e in nessun caso devono essere sottovalutati dal proprietario del gatto.

A causa dell'iperattività il tasso metabolico aumenta, la conseguenza sarà bilancio proteico negativo (nel corpo, verranno scomposte più proteine ​​di quelle prodotte) e quindi - aumento della domanda di ossigeno.

I gatti con ipertiroidismo, di regola, mostrano temperatura corporea più alta, che deriva dal fatto che il metabolismo basale è sollevato e polidipsia e poliuria (cioè bevono e fanno pipì più della norma per questa specie).

Aumento della sete in un gatto con tiroide iperattiva

Quindi, i sintomi del libro dell'ipertiroidismo nei gatti saranno:

  • perdita di peso come espressione di un aumento del metabolismo,
  • polidipsia, cioè un aumento del consumo di acqua,
  • poliuria, cioè più produzione di urina,
  • polifagia, cioè aumentare la quantità di calorie consumate,
  • vomito, diarrea,
  • tachicardia o accelerazione della frequenza cardiaca,
  • aumento dell'attività fisica,
  • Cardiomiopatia ipertrofica.

L'ipertiroidismo e l'avvelenamento da ormoni tiroidei (tireotossicosi) portano a ipertrofia miocardica e alta pressione sanguigna, quindi dà sintomi cardiaci.

Un sintomo caratteristico è un aumento significativo dell'appetito, anche se non sempre deve essere presente (insufficienza cardiaca significativa o un processo avanzato del cancro daranno sintomi di anoressia), eppure il gatto perderà peso.

L'animale sta perdendo peso perde elasticità della pelle, il che rende strano come se ce ne fosse troppo.

I gatti malati possono mostrarsi chiari stimolazione e eccessiva attività fisica, e allo stesso disturbi del movimento.

Anche un leggero sforzo fisico può accompagnarlo respirando con la bocca aperta, come una parola affanno Se pupille dilatate.

Una ghiandola tiroide iperattiva in un gatto è stanchezza dopo una breve attività

Tremori muscolari, dispnea, fallimento fisico, e allo stesso trascurare il bagno, cattivo aspetto del mantello Se atrofia muscolare è una tipica immagine di un gatto che mostra tiroide iperattiva.

Un sintomo caratteristico associato all'ipertiroidismo nei gatti è neuromiopatia manifestato indebolimento o bonario piega del collo.

La gravità della fatica può essere così grande che in alcuni casi i gatti hanno bisogno di riposare anche dopo un piccolo sforzo di camminare da un posto all'altro. Fortunatamente per noi, la fatica estrema non è sempre così.

È necessario ricordare che i sintomi della malattia non saranno ugualmente gravi in ​​tutti i casi e che quando la causa dell'ipertiroidismo è una lieve iperplasia tiroidea, i sintomi si svilupperanno lentamente, gradualmente - a differenza cancro alla tiroide, che il più delle volte fa sì che i sintomi compaiano improvvisamente e rapidamente.

Dovremmo anche ricordare l'insufficienza cardiaca congestizia nei casi avanzati e l'ipertensione, e non associarla al processo di invecchiamento progressivo, ma cercare sempre di determinare la causa di questa condizione.

Lo sviluppo si verifica nell'ipertiroidismo epatopatia, questo è ingrossamento del fegato come conseguenza della sua ipossia e dell'aumento del consumo di ossigeno nel sistema digestivo.

Quindi possiamo vedere quanto diversi possano essere i sintomi clinici in questa malattia e come a volte sarà difficile fare una diagnosi e implementare un trattamento efficace basato su di essi.

Cos'altro possiamo dire in un gatto affetto da ipertiroidismo??

La stragrande maggioranza degli animali malati mostrerà ingrossamento della tiroide, che può essere trovato alla palpazione palpando il collo del gatto.

L'iperplasia benigna si manifesterà come ingrossamento bilaterale dei lobi tiroidei, mentre tumore maligno di regola, colpisce solo un lobo.

In conclusione, possiamo vedere come sintomi gravi e diversi accompagnino l'ipertiroidismo, che deriva dal ruolo che questa ghiandola svolge nella regolazione del metabolismo e quanto sia difficile a volte fare una diagnosi certa.

Diagnosi della malattia

L'esame a raggi X viene utilizzato per mostrare le metastasi del tumore

In uno studio clinico, è estremamente importante conoscere i sintomi della malattia, che non necessariamente appaiono nella loro intera tavolozza in ogni caso.

Come ho detto prima, l'ipertiroidismo è più comune negli animali più anziani, quindi dovrebbe essere sempre preso in considerazione quando si esaminano i gatti nei loro primi anni e più anziani, cioè di età superiore a 8-10 anni.

Quindi iniziamo la diagnostica da colloquio medico integrato da una palpazione della zona tiroidea, dove possiamo sentire l'ingrossamento della ghiandola.

Solo allora eseguiamo analisi del sangue, che può essere mostrato da:

  • aumento degli enzimi epatici:
    • ASPAT,
    • ALAT,
    • ALP,
    • GLDH,
    • AP,
  • iperglicemia, cioè elevati livelli di glucosio nel sangue,
  • insufficienza renale.

Morfologia di solito si vede aumentare il livello dei globuli bianchi.

Questi sono, ovviamente, risultati non specifici e non possono essere utilizzati per diagnosticare la malattia in modo inequivocabile.

Per questo, dobbiamo condurre un'analisi più approfondita e specifica determinazione del livello degli ormoni tiroidei, e segnalo in modo specifico concentrazione totale di tiroxina nel sangue, questo è T4.

L'aumento dei livelli sierici di T4 con altri sintomi clinici indica chiaramente il processo di iperfunzione dell'organo.

Un corretto livello di T4 in un gatto con sintomi clinici e tiroide ingrossata non esclude l'ipertiroidismo e richiede la ripetizione degli esami tra qualche mese.

La determinazione della T4 è un metodo economico, semplice e, soprattutto, estremamente affidabile e affidabile nella diagnosi dell'ipertiroidismo nei gatti.

Ricordiamo inoltre che la determinazione di T3, fT3 e fT4 ha scarso significato diagnostico e non è del tutto attendibile, quindi non è consigliata.

Ricorda che i test ormonali devono essere eseguiti in laboratori veterinari specializzati, non umani, perché solo tali risultati avranno valore diagnostico e saranno certi.

Puoi anche eseguire altri test, come Test di stimolazione del TSH, Prova di frenata T3 Se determinazione del livello di TSH nel siero.

Sicuramente è utile nella diagnostica esame ecografico della tiroide, che determina la dimensione, la struttura e la posizione della ghiandola e consente di determinare se in essa si sta verificando un processo patologico.

Esame a raggi X viene utilizzato per mostrare possibili metastasi tumorali.

L'ipertiroidismo dà sintomi cardiologici, quindi esaminando il cuore, possiamo mostrare anche alcuni processi patologici.

Quindi possiamo usare la ricerca ECG, Se un'eco del cuore per fare una diagnosi certa.

tireotossicosi cause ipertrofia miocardica, porta al suo fallimento e distruzione, che si rifletterà nello studio ecocardiografico.

Visto che abbiamo una diagnosi, passiamo alla gestione terapeutica, cioè il trattamento.

Trattamento dell'ipertiroidismo nei gatti

Nella gestione terapeutica, possiamo utilizzare:

  • trattamento farmacologico,
  • chirurgia,
  • meno disponibile con noi - radioterapia.

In generale, ci sforziamo di ridurre la concentrazione di ormoni tiroidei e il loro impatto sul corpo e questo obiettivo viene raggiunto utilizzando uno dei metodi sopra menzionati.

Rimozione chirurgica della ghiandola tiroidea

Rimozione chirurgica della ghiandola tiroidea

Tiroidectomia, questo è rimozione chirurgica della tiroide È considerata una procedura terapeutica efficace per eliminare l'ipertiroidismo.

Naturalmente, dovrebbe essere eseguito da un chirurgo con una vasta esperienza, in modo da non danneggiare le ghiandole paratiroidi situate sul polo posteriore dei lobi o dei nervi tiroidei (principalmente il nervo laringeo ricorrente) durante la procedura.

Quando si decide di sottoporsi a un intervento chirurgico, dobbiamo ricordare i rischi ad esso associati, soprattutto nel contesto dell'ipertensione arteriosa, della cardiomopatia ipertrofica o dell'insufficienza renale e delle difficoltà con l'anestesia.

Al fine di ridurre al minimo i potenziali rischi associati alla procedura stessa, è possibile applicare trattamento farmacologico per 4-6 settimane prima della procedura. A questo scopo utilizziamo:

  • farmaci simpaticolitici,
  • farmaci tireostatici,
  • alte dosi di iodio (meno disponibili da noi).

La rimozione della ghiandola tiroidea sarà ovviamente calo dei livelli ormonali, da qui la loro necessità controllo del siero e integrazione.

Nel periodo postoperatorio, dovremmo anche controllare livello di calcio, per verificare se le ghiandole paratiroidi non sono state danneggiate accidentalmente.

In caso di cancro alla tiroide, che copre uno dei lobi, viene rimosso solo il lobo malato e l'altro sano rimane e produce ormoni tiroidei al livello fisiologico appropriato.

Farmaci per l'ipertiroidismo in un gatto

L'obiettivo del trattamento farmacologico è abbassare il livello degli ormoni tiroidei senza rimozione chirurgica. Sono utilizzati anche durante la preparazione del paziente per l'intervento chirurgico.

Ricorda che la somministrazione costante di farmaci non porta a una cura permanente, ma inibisce solo i sintomi della malattia, che torneranno una volta interrotta la loro somministrazione.

Il farmaco comunemente usato in questa situazione è metimazolo (tiamazolo) nella preparazione metizol alla dose iniziale di 1,25-2,5 mg per gatto 2 volte al giorno (3-5 mg/gatto 3 volte al giorno). L'efficacia di tale procedura è elevata e oscilla intorno 90%.

A volte, tuttavia, ci sono effetti collaterali sotto forma di disturbi nel sistema dei globuli rossi, che possono portare a emorragie, disfunzione epatica o rene Se sintomi gastrici.

Quindi dobbiamo eseguire regolarmente l'appropriato Analisi del sangue, per identificare rapidamente potenziali disturbi e prevenirli.

Gli effetti collaterali scompaiono dopo l'interruzione del farmaco, il che è estremamente vantaggioso dal nostro punto di vista.

Radioterapia

Trattamento con iodio radioattivo, sebbene sia un metodo molto efficace, non viene eseguito in Polonia.

Gli isotopi di iodio radioattivo somministrati per via sottocutanea vengono catturati dalle cellule tiroidee e, emettendo radiazioni , distrugge le cellule iperattive.

Questa terapia ha un tasso di guarigione molto alto, ma è associata ad alti tassi di guarigione una seccatura per i proprietari.

I gatti sottoposti ad essa devono essere isolati dall'ambiente per un periodo più lungo (almeno un mese) in modo che emettendo radiazioni non rappresentino una minaccia per le persone che li circondano.

A tal fine, ovviamente, devono essere soddisfatti alcuni requisiti radiologici specifici, pertanto i centri che offrono questo tipo di trattamento non sono ampiamente disponibili.

Quando si utilizza questo metodo, è necessario tenere conto anche dello sviluppo ipotiroidismo come complicazione, ma il suo trattamento di solito non è problematico.

In caso di insufficienza cardiaca congestizia usiamo il trattamento per eliminare l'edema polmonare (diuretici per esempio. furosemide) e trattamenti cardiaci specifici a sostegno di un cuore in crisi (digossina, ACE-inibitori Se vasodilatatori).

Non dobbiamo dimenticare anche il trattamento alta pressione sanguigna, che è spesso associato a una ghiandola tiroide iperattiva.

Naturalmente, sarebbe meglio esaminare attentamente la sua altezza in anticipo e quindi introdurre i farmaci appropriati (ad es. benazepril 0,25-0,5 mg/kg 1 volta al giorno, enalaprile 0,5 mg/kg 1 volta al giorno).

La malattia non trattata porta a danni progressivi al muscolo cardiaco, alla sua insufficienza, edema polmonare, insufficienza renale ed epatica, e di conseguenza rappresenta una seria minaccia per la vita e attraverso i suoi sintomi riduce significativamente la qualità della vita di un gatto altrimenti anziano.

Pertanto, è estremamente importante identificare il trattamento causale e sintomatico il prima possibile.

La prognosi per l'ipertiroidismo è v bene la maggior parte del tempo.

cauto è solo in presenza di altre malattie, come malattie cardiache o insufficienza renale.

Dieta di una ghiandola tiroide iperattiva in un gatto

Possono essere utili nel trattamento di una ghiandola tiroide iperattiva mangimi specializzati.

Contengono nutrienti al livello appropriato, che supportano il processo di guarigione:

  • iodio,
  • fosforo,
  • sodio,
  • taurina,
  • acidi grassi omega-3.

Il cibo per gatti con una ghiandola tiroide iperattiva è per esempio Hills Feline Y/D problemi alla tiroide.

Riepilogo

In conclusione, vale la pena sottolineare ancora una volta che nel caso dell'ipertiroidismo nei gatti è estremamente importante diagnosticarlo il prima possibile.

Senza conoscere a fondo i fattori che causano la malattia, non possiamo prevenire l'ipertiroidismo nei gatti.

Tuttavia, non dovremmo arrenderci troppo facilmente, perché le misure di diagnosi e trattamento precoci impediranno efficacemente lo sviluppo di alterazioni patologiche secondarie legate a cuore, reni, fegato o insufficienza cardiaca.

Ogni proprietario di un gatto nel suo primo o più vecchio gatto dovrebbe di volta in volta eseguire un esame del sangue di controllo con la determinazione della concentrazione di ormoni tiroidei.

Questo perché tale azione ti consentirà di contrarre la malattia prima e un'efficace azione terapeutica garantirà una lunga vita al nostro piccolo - che auguro sinceramente a tutti i proprietari di gatti.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento