Principale » cane » Farmaci sedativi per cani: tipologie e usi [raccomandazioni del veterinario”,

Farmaci sedativi per cani: tipologie e usi [raccomandazioni del veterinario”,

Farmaci sedativi per il cane

Ansia e stress eccessivi sono problemi che spesso sorgono negli animali, soprattutto nei cani.

Alcuni proprietari ignorano queste malattie o non sanno come agire in caso di loro insorgenza, e tale condizione, che dura a lungo, provoca enormi sofferenze mentali. L'ansia a lungo termine ha un impatto negativo sul sistema limbico, responsabile del comportamento e degli stati emotivi. L'ansia cronica aumenta la concentrazione di ormoni steroidei, responsabili del danno emergente al sistema nervoso.

Vari eventi possono essere una situazione stressante, a volte quelli che noi stessi notiamo a malapena e a cui non prestiamo molta attenzione. Può essere una visita in uno studio veterinario o in un salone di cura, un viaggio, una mostra, i suoni di un temporale o di fuochi d'artificio, l'arrivo di un nuovo membro della famiglia, l'assistente che va al lavoro o in vacanza, il cambio del tutore o lo svezzamento dei cuccioli dalla madre, ma anche una semplice passeggiata, la guida dell'auto, la comparsa di un nuovo cane in zona, la ristrutturazione dell'appartamento, la malattia della badante o l'incontro a passeggio

. il signore col cappello.

Qualsiasi evento può rendere ansioso il tuo cane. È anche estremamente importante identificare la fonte di ansia e fobie e lo stress ad esse associato. La causa di tali disturbi patologici può essere condizioni genetiche, mancanza di un'adeguata socializzazione nel periodo del cucciolo, esperienze difficili, violenza, malattia, dolore cronico.

La psicologia animale e il comportamentismo sono aree che hanno recentemente iniziato a svilupparsi. Soprattutto in termini di cambiamenti avvenuti nel rapporto cane-proprietario e nell'approccio agli animali da compagnia, che trattiamo come membri della famiglia a pieno titolo.

Abbiamo una vasta gamma di preparati sul mercato che hanno un effetto calmante sui nostri cani. Dalle miscele di erbe da banco ai farmaci psicotropi che vengono prescritti e utilizzati solo sotto la stretta supervisione di un veterinario. Queste misure sono disponibili in varie forme, da pastiglie, pastiglie twist-off, paste, sciroppi, gocce, cibo o collari, ai diffusori a contatto.

Vale la pena ricordare che questi disturbi sono molto complicati, la terapia non può essere basata esclusivamente sulla farmacologia, inoltre sono necessari incontri regolari con un comportamentista e un lavoro sul comportamento e sulle relazioni del caregiver con il reparto.

Il trattamento stesso richiede molto tempo e richiede tempo, lavoro e coerenza nella procedura, ma vale la pena fare questo sforzo, aiutando il tuo animale domestico e te stesso. Molto spesso, i problemi con l'eccessiva paura di un cane si tradurranno in frustrazione nel suo proprietario, che non può far fronte all'aggressività dell'animale, alle lamentele dei vicini, all'automutilazione del suo animale domestico o ai danni nell'appartamento.

L'ansia, in particolare l'ansia cronica, provoca una serie di cambiamenti biochimici nel corpo dell'animale. Questi, a loro volta, ostacolano notevolmente i processi di apprendimento a causa dell'eccessiva eccitabilità dell'animale.

I cani cronicamente stressati hanno problemi di concentrazione, sono difficili da addestrare, il che rende l'addestramento di tali animali più lungo, più difficile e più impegnativo rispetto agli animali che non soffrono di questo tipo di disturbo.

Con fobie e paure non trattate, può verificarsi una situazione in cui, a causa dei costi finanziari, dello stress, della rabbia e della rassegnazione del proprietario, il rapporto uomo-animale si indebolisce, il che può portare alla decisione di dare il cane in adozione. In situazioni estreme, l'ansia non trattata può anche portare all'eutanasia di un cane malato, soprattutto quando si verifica un'aggressione verso l'uomo o un'automutilazione molto intensa.

  • Il meccanismo dell'ansia
  • Sintomi di ansia e fobie in un cane
  • Diagnosi corretta
  • Tipi di farmaci sedativi
    • Supplementi
    • Analoghi sintetici dei feromoni canini
    • farmacoterapia

Il meccanismo dell'ansia

Il sistema limbico situato nel cervello è responsabile degli stati emotivi e del comportamento. Una delle parti più importanti di questo sistema è l'amigdala, in cui si formano e immagazzinano i modelli delle reazioni emotive, sia quelle ereditate che quelle sviluppate durante la vita dell'individuo.

La paura in un cane è un fenomeno adattivo, grazie ad essa gli animali imparano ad evitare situazioni pericolose. Le reazioni vissute ed elaborate sono ricordate per il resto della vita, grazie alle quali il corpo reagisce allo stesso modo al pericolo subito riconosciuto, anche se non lo affronta spesso.

In condizioni patologiche, l'ansia eccessivamente esposta o emergente in situazioni inappropriate è causa di gravi disturbi. Quindi, l'ansia può sorgere in una situazione completamente sicura, senza uno stimolo eccitante.

La paura, invece, è la risposta corretta a un pericolo attuale, reale e ben definito.

Spesso i termini paura e ansia sono usati in modo intercambiabile, il che non è in linea con le loro definizioni scientifiche. D'altra parte, la paura persistente di situazioni, fenomeni o oggetti specifici è chiamata fobie. È un disturbo comportamentale persistente, disadattivo, inadeguato allo stimolo che è accompagnato da un forte desiderio di evitare gli stimoli che lo causano.

Sintomi di ansia e fobie in un cane

L'elenco dei sintomi che possono comparire in un cane che soffre di un disturbo d'ansia o di una fobia è molto lungo e i sintomi stessi sono vari.

La chiave è osservare attentamente il tuo animale domestico e cogliere in anticipo anche piccoli cambiamenti nel suo comportamento.

I sintomi più comuni e facilmente riscontrabili sono:

  • tremori,
  • rabbrividire,
  • ansimando,
  • ansimare e sbadigli nervosi,
  • insorgenza improvvisa di lesioni cutanee, forfora, mirino,
  • osservazione vigile dell'ambiente circostante,
  • sbavando,
  • piagnucolare,
  • urinare in appartamento,
  • frequenti scrollarsi di dosso,
  • Ci possono essere anche comportamenti trasferiti o inadeguati alla situazione,
  • aggressione,
  • disturbi compulsivi,
  • comportamento di scarica, come leccare persistente, mordere le zampe o la coda, cacciare le ombre,
  • abbaiare prolungato,
  • distruzione di mobili e pareti.

Diagnosi corretta

Prima di iniziare qualsiasi farmaco, anche da banco, visita il tuo veterinario per un esame approfondito.

È necessario escludere altre malattie, eseguire esami del sangue - oltre alla morfologia e alla biochimica, vale la pena prestare attenzione alla ghiandola tiroidea ed escludere il suo possibile ipotiroidismo (secondo alcuni studi, questa condizione potrebbe essere associata all'insorgenza di disturbi d'ansia nei cani ).

Inoltre, si consiglia di eseguire un esame neurologico e un esame ecografico del cuore, il cosiddetto eco del cuore.

Alcuni farmaci influiscono negativamente sul lavoro del cuore e negli animali con problemi cardiologici questo gruppo di farmaci non dovrebbe essere usato. Alcuni disturbi comportamentali, principalmente aggressività, possono essere causati, tra l'altro, da dolore cronico, quindi altre condizioni mediche dovrebbero essere escluse prima della somministrazione di sedativi.

Una diagnosi corretta ti consentirà di determinare il piano terapeutico più efficace e scegliere il farmaco più sicuro.

Tipi di farmaci sedativi

Supplementi

Preparati a base di erbe

I preparati a base di erbe sono un intero gruppo di agenti che vengono utilizzati molto spesso in caso di paura eccessiva negli animali. Sono facilmente reperibili, puoi acquistarli non solo in uno studio veterinario, ma anche in un negozio di animali o anche online con una comoda consegna a domicilio.

La composizione dei componenti vegetali di queste miscele varia, ma molto spesso è possibile trovare erbe popolari e conosciute, come ad esempio:

  • camomilla comune,
  • Semi di papavero californiano,
  • infiorescenza di biancospino,
  • erba del fiore della passione,
  • erba di San Giovanni,
  • estratto di foglie di melissa,
  • estratto di luppolo,
  • radice di valeriana,
  • ginkgo giapponese,
  • olio di canapa
  • Pepe di metistina noto anche come kava - kava.

Questi composti hanno un effetto rilassante e calmante sugli animali, hanno un effetto calmante sui sintomi legati agli stati di ansia, paura e aggressività.

Camomilla comune

Contiene composti di spiroetere, camazulene e cumarina, grazie ai quali ha proprietà rilassanti e rilassanti.

La sua composizione include anche la colina, cioè la vitamina B4. È relativamente sicuro, anche per animali giovani, ma può interagire con farmaci come gli anticoagulanti, per esempio.

semi di papavero californiano

Conosciuta anche come la doratura californiana.

Migliora le condizioni mentali, ha un effetto calmante e facilita l'addormentamento.

L'azione di doratura è attribuita alla protopina e all'allokriptopina, due alcaloidi in essa contenuti.

Gli studi hanno dimostrato che stimolano i recettori GABA, la cui stimolazione influisce in modo significativo sulla durata e sulla qualità del sonno.

Un altro alcaloide del pesce rosso - l'aporfina - ha un'affinità per i recettori della dopamina e della serotonina, grazie ai quali ha un effetto di supporto negli stati di tensione nervosa.

Il papavero californiano contiene anche californio, che aiuta ad addormentarsi. Gli estratti di questa pianta non dovrebbero essere usati negli animali in allattamento e in gravidanza.

melissa

melissa, è anche chiamato casa brulicante, apicoltore, ape regina o erba limone.

Le sue foglie sono una ricca fonte di terpeni, responsabili degli effetti curativi di questa pianta. Contengono inoltre piccole quantità di acido rosmarinico, vitamina E, beta-carotene e polifenoli.

Grazie al suo effetto calmante, è possibile alleviare significativamente gli stati di ansia, la sensazione di stress e sopprimere le stimolazioni eccessive.

La melissa non deve essere consumata dagli animali che stanno per essere operati perché influenza gli effetti dei farmaci usati per anestetizzare i pazienti.

erba di San Giovanni

L'erba di San Giovanni, o carruba, ha un effetto calmante, quindi viene utilizzata negli stati di esaurimento nervoso, ansia, disturbi dell'equilibrio nervoso. L'erba di San Giovanni deve i suoi effetti sedativi e antidepressivi all'ipericina.

La ricerca mostra che questa sostanza inibisce la degradazione dei neurotrasmettitori, come la serotonina.

I preparati contenenti erba di San Giovanni possono ridurre l'efficacia di alcuni farmaci, quindi se il tuo cane è in trattamento, assicurati di consultare il veterinario prima di somministrarli.

Vale anche la pena ricordare che l'erba di San Giovanni aumenta la sensibilità ai raggi del sole, che dovrebbe essere presa in considerazione negli animali di colore bianco o senza peli.

Passione color carne

È un ingrediente comune nei sedativi e i suoi effetti sedativi sono generalmente noti.

Tuttavia, molti scienziati li mettono in dubbio a causa del basso contenuto di sostanze attive.

Oltre a una piccola quantità di maltolo, la passiflora contiene anche il 2,5% di flavonoidi e circa lo 0,05% di derivati ​​della beta-carbolina. Non deve essere somministrato ad animali in gravidanza.

Luppolo comune

Sia i coni di luppolo che la luppolina (nota anche come ghiandole secretorie del luppolo, che è una polvere giallastra che ricopre i coni di luppolo) rendono difficile il trasferimento degli stimoli al sistema nervoso, inibiscono l'attività della corteccia cerebrale e hanno un effetto calmante.

L'estratto di luppolo viene utilizzato negli stati di maggiore tensione, ansia e iperattività nervosa. Il luppolo ha anche un effetto ipnotico e può essere combinato con altre erbe calmanti per i nervi.

Medicina valeriana

Valeriana - una valeriana popolare. Radice e rizomi di valeriana riducono l'attività del sistema nervoso centrale, riducendo così la tensione e l'ansia, provocando uno stato di rilassamento mentale.

Inoltre, la radice di valeriana ha anche proprietà che ti aiutano ad addormentarti e inoltre approfondisce e prolunga il sonno. La pianta deve la sua azione principalmente ai valepotriati, ma anche agli oli essenziali, ai monoterpeni e agli esteri dell'acido valerico e isovalerico.

Il rizoma della valeriana contiene anche acidi fenolici, flavonoidi, aminoacidi, lignani e alcaloidi.

La forza dell'estratto di radice di valeriana dipende dal metodo per ottenerlo.

Questo rimedio funziona bene in situazioni di stress, sensazione di ansia e ansia e con problemi minori con l'addormentarsi.

Alcuni scienziati hanno paragonato il suo effetto ansiolitico a quello di un potente farmaco psicotropo, il diazepam. L'uso a lungo termine della valeriana o il consumo eccessivo di essa può causare effetti collaterali come:

  • visione offuscata,
  • aritmie,
  • nausea,
  • problemi digestivi.

Può anche causare iperattività o insonnia.

La valeriana interagisce con vari farmaci e quindi non può essere combinata con antistaminici, miorilassanti, sedativi, ipnotici, antidepressivi o ansiolitici, tra gli altri.

Come la melissa, la radice di valeriana non può essere utilizzata prima dell'intervento chirurgico perché interferisce con gli effetti dell'anestesia generale. Si deve prestare attenzione anche quando si utilizza in animali con insufficienza renale ed epatica.

Ginkgo biloba

Ginkgo biloba - noto anche come ginko - biloba.

Molte preziose sostanze salutari sono state trovate nel ginkgo biloba, come:

  • flavonoidi glicosidici,
  • biflavonoidi,
  • terpeni,
  • steroidi,
  • acidi organici,
  • acidi grassi liberi,
  • idrossiacidi,
  • procianidine,
  • tannini,
  • carotenoidi,
  • acido ginkgolico.

Aiuta nel trattamento dei disturbi dell'umore con accompagnamento di ansia e ansia, protegge le cellule nervose proteggendo le guaine mieliniche e migliora la memoria e la concentrazione.

Ha anche un effetto anticoagulante, quindi se usato in quantità eccessive, può portare a sanguinamento intra-organo e aborto spontaneo nelle cagne gravide.

Olio di canapa

Contiene acidi grassi omega 3 e omega 6, tra cui acidi oleico, linoleico, linolenico e gamma-linolenico, che costituiscono la maggior parte dell'olio, e altri preziosi nutrienti, tra cui vitamine e minerali come: vitamina E, vitamina A, vitamine del il gruppo B, vitamina K e calcio, zinco, fosforo e magnesio.

Non contiene sostanze stupefacenti - THC, quindi è legale e non crea dipendenza.

L'olio di canapa ha proprietà neuroprotettive, rigenera le cellule nervose danneggiate e protegge dalla loro degenerazione.

Lenisce e calma il sistema nervoso, ha proprietà anticonvulsivanti e miorilassanti.

Può essere utilizzato in depressione, ansia, attacchi di panico, ansia, insonnia. Rilassa e rilassa profondamente.

Previene l'iperattività e facilita l'addormentamento. Ha un effetto antipsicotico e calmante, riducendo le allucinazioni o altri stati di coscienza disturbata.

Kava kava

È una sostanza che ha un effetto calmante e combatte l'ansia. La radice di questa pianta contiene le sostanze più attive con un leggero effetto psicoattivo - i kavalattoni, noti anche come cavapirones:

  • cavaine,
  • diidrocavaina,
  • metisticina,
  • diidrometisticina,
  • Yangonin,
  • demetossiangonina.

Kava kava ha un effetto calmante e rilassante e calma l'ansia e l'insonnia. Può causare una leggera sedazione a causa del suo effetto sul sistema di neurotrasmettitori GABA, che è il principale neurotrasmettitore che inibisce il sistema nervoso.

Vale la pena ricordare che questa pianta era illegale in Polonia fino al 2018, ma ora i regolamenti sono stati modificati e attualmente può essere utilizzata in conformità con la legge.

L'uso simultaneo di Methystine Mint con St. John's Wort ha un effetto sinergico e migliora l'effetto ansiolitico.

La preparazione a base di erbe il più delle volte può essere somministrata per lungo tempo, alcune di esse possono essere utilizzate anche nei cuccioli. Tuttavia, dovresti sempre controllare le raccomandazioni del produttore su questi problemi.

Sebbene siano preparati sicuri, la maggior parte di essi non deve essere utilizzata in donne in gravidanza o allattamento, in animali che assumono altri farmaci, che soffrono di insufficienza renale o epatica cronica e in pazienti prima dell'intervento chirurgico.

Seguire sempre la dose raccomandata, perché il sovradosaggio è associato al rischio di effetti collaterali pericolosi per la salute o la vita.

Tutte le erbe possono causare allergia, se si verifica, vai immediatamente dall'ufficio veterinario. Tuttavia, non tutti sono sicuri per gli animali, quindi l'autosomministrazione, sotto forma di infusi o erbe essiccate mescolate al cibo, dovrebbe essere sempre preceduta da un consulto con un veterinario.

Lo svantaggio dei preparati a base di erbe è la loro bassa efficacia.

Se il nostro cane non mostra segni di paura importanti e duraturi e vogliamo solo aiutarlo e alleviare qualche situazione potenzialmente stressante, possiamo raggiungerli. Per ottenere qualsiasi effetto, questi agenti devono essere somministrati con largo anticipo, anche per diverse settimane prima dell'evento stressante.

Tè Verde - L-Teanina

Il concentrato di tè verde contiene grandi quantità di L-teanina, un amminoacido libero che riduce la risposta allo stress e alla paura, rilassa e migliora le capacità di apprendimento senza causare sonnolenza.

Stabilizza l'umore.

Purtroppo il tè verde utilizzato in dosi troppo elevate aumenta il rischio di anemia a causa dei polifenoli in esso contenuti, che inibiscono l'assorbimento del ferro dal cibo. Ha anche un effetto negativo sullo sviluppo dei feti.

vitamine del gruppo B

Le vitamine del gruppo B includono:

  • tiamina (B1),
  • riboflavina (B2),
  • niacina (PP, B3),
  • colina (B4),
  • acido pantotenico (B5),
  • piridossina (B6),
  • biotina (B7),
  • inositolo (B8),
  • acido folico (B9),
  • acido p-aminobenzoico (PABA, B10),
  • cobalamina (B12),
  • acido orotico (B13),
  • acido pangamico (B15),
  • laetrile (B17).

I cani hanno bisogno di vitamine del gruppo B per l'influenza con il cibo, perché i cani, come gli umani, non possono produrle da soli.

Inoltre, a causa delle loro proprietà chimiche, non possono essere immagazzinati nel corpo e, in situazioni di stress a lungo termine, la domanda per loro aumenta, quindi è necessario fornirli nella giusta quantità nel cibo o in un'integrazione razionale.

È stato dimostrato che tutte le vitamine del gruppo B hanno un effetto positivo sul sistema nervoso, si consiglia di consumarle nei periodi di maggiore stress.

I preparati contenenti vitamine sono ben tollerati e sicuri, ma va ricordato che un sovradosaggio significativo può portare a ipervitaminosi, che nel caso di questo gruppo di vitamine si manifesta sotto forma di:

  • dolori di stomaco,
  • nausea,
  • eruzioni cutanee,
  • allergia alla luce solare.

Vitamina B1 (tiamina)

La sua carenza influisce negativamente sul benessere generale e provoca un aumento del nervosismo. La tiamina partecipa alla sintesi dei neurotrasmettitori che sono responsabili della corretta trasmissione dei segnali nel cervello, è necessaria per la produzione di acetilcolina.

La carenza di vitamina B1 aumenta la suscettibilità allo stress e il rischio di disturbi mentali.

Vitamina B3 (PP, Niacina)

Funziona nei mitocondri delle cellule, specialmente quelle del sistema nervoso, specialmente del cervello. Supporta il funzionamento del sistema nervoso centrale e lo protegge dai danni.

Vitamina B6 (piridossina)

È necessario per il funzionamento del cervello, compresa la produzione di neurotrasmettitori come:

  • dopamina,
  • serotonina,
  • noradrenalina.

Una quantità e un'attività inadeguate di questi neurotrasmettitori possono causare disturbi emotivi e comportamentali, nonché deterioramento delle funzioni cognitive, umore depresso e insonnia.

Aminoacidi

La taurina (L-taurina o acido 2-amminoetansolfonico) è un amminoacido.

A differenza dei gatti, i cani possono sintetizzarlo da soli, ma a volte - in caso di dieta inadeguata o in stati di eccessiva agitazione, dovrebbe essere integrato.

È un neurotrasmettitore inibitorio con effetto calmante negli stati di iperattività o ansia. Questa azione può essere utile per prevenire convulsioni da epilessia. È stato anche dimostrato che la taurina aiuta ad alleviare la depressione modificando l'attività dell'ippocampo nel cervello.

L - triptofano, a differenza della taurina, è un amminoacido essenziale che deve essere fornito ai cani e ad altri animali con il cibo.

Il triptofano nel corpo viene convertito in serotonina, chiamata "ormone della felicità", la cui concentrazione ridotta può causare disturbi depressivi, aumento dell'aggressività, irritabilità e sensibilità al dolore. È stato dimostrato che le situazioni stressanti possono abbassare il livello di serotonina e triptofano, quindi integrare la dieta con triptofano previene il suo calo di livello e riduce così gli effetti a lungo termine dello stress.

Il triptofano è anche un precursore della melatonina, che coordina l'orologio biologico nei mammiferi regolando il ritmo circadiano e il tempo del sonno e della veglia.

Nelle preparazioni viene combinato con erbe, ad esempio con estratti di tè verde, radice di valeriana o melissa, o con vitamine del gruppo B. Le più comuni sono le vitamine B1, B3 e B6.

I mezzi contenenti amminoacidi o vitamine non creano dipendenza o intossicazione.

Contengono ingredienti di origine naturale, il che li rende sicuri e ben tollerati anche con un uso a lungo termine. A volte una sola somministrazione, un'ora prima che si manifesti il ​​fattore di stress, è sufficiente per ottenere un leggero calmante prima di un viaggio, una mostra, una visita medica, un temporale o uno spettacolo pirotecnico.

Caseine del latte

Questa preparazione contiene alfa - casosepina - un peptide naturale e biologicamente attivo ottenuto dal latte, che è simile all'acido gamma - aminobutirrico (GABA), che è il principale neurotrasmettitore inibitorio. Di conseguenza, ha un effetto ansiolitico e riduce la reattività dell'animale agli stimoli negativi.

Questo peptide provoca rilassamento nei neonati nutriti con latte materno.

Si consiglia di utilizzarlo nei cani che reagiscono con eccessiva timidezza o ansia causata dalla comparsa di un nuovo animale o di nuovi membri della famiglia, che si spostano, si riorganizzano, si espongono, visitano una clinica veterinaria, guidano un'auto, lasciano i proprietari o un tempesta o fuochi d'artificio. Questa preparazione è meglio utilizzata pochi giorni prima della situazione di ansia.

Può essere utilizzato a lungo ed è sicuro.

Esiste anche un mangime completo disponibile sul mercato polacco, contenente sia alfa - casosepina che L - triptofano.

L'integrazione nel trattamento dei disturbi d'ansia deve essere opportunamente selezionata e presa in considerazione nell'eventuale attuazione del trattamento farmacologico.

Alcuni integratori possono interagire con i farmaci e ridurre o aumentare i loro effetti, quindi informa il tuo veterinario di tutti i farmaci che stai assumendo sul tuo cane.

Analoghi sintetici dei feromoni canini

I feromoni sono composti chimici naturali utilizzati per scambiare informazioni tra individui di una data specie. Le ghiandole della barretta di latte nelle cagne in lattazione rilasciano feromoni sedativi.

Questi composti influenzano i cuccioli, calmandoli fornendo loro un senso di sicurezza in numerose situazioni potenzialmente stressanti mentre scoprono un nuovo ambiente sconosciuto.

Gli studi hanno dimostrato che gli analoghi sintetici dei feromoni sedativi canini non solo aiutano i cuccioli, ma hanno anche un effetto calmante sui cani adulti.

Possono essere utilizzati sotto forma di diffusori, collari, spray e gocce spot-on.

Il diffusore deve essere collegato alla stanza in cui il cane è più spesso. L'area di funzionamento del diffusore è compresa tra 50 e 70 m2, una bottiglia dura circa 4 settimane e dovrebbe essere accesa per tutto questo tempo.

Un collare può essere usato al posto di un diffusore, soprattutto se il cane si trova in un luogo dove non c'è accesso all'elettricità. Lo spray può essere utilizzato sia all'aperto che al chiuso.

Durante il viaggio, possiamo spruzzare le mani, il trasportino, la cuccia e la coperta del nostro cane. La preparazione spot-on viene applicata sulla pelle e lasciata asciugare.

Un luogo diverso dai prodotti antiparassitari dovrebbe essere scelto per l'applicazione, preferibilmente sulla parte superiore della testa del cane, tra le orecchie. La misura dovrebbe essere applicata almeno 15 minuti prima di una situazione potenzialmente stressante. L'effetto può essere ridotto se ti bagni o ti bagni. Non dovrebbe essere usato sulla pelle danneggiata.

Sia i feromoni naturali che quelli sintetici sono sicuri, inodori e non influiscono su altri animali e umani.

Non vengono assorbiti nel corpo, quindi non interagiscono con i farmaci, quindi la farmacoterapia e l'allenamento con un comportamentista possono essere effettuati contemporaneamente ai feromoni.

Se vogliamo ridurre al minimo la paura causata dalla fobia del suono, usiamo i feromoni due settimane prima dell'evento previsto, ma se abbiamo paura di problemi con l'adattamento di un cane adulto o cucciolo a una nuova casa, iniziamo a usare i feromoni 2-3 giorni prima del suo arrivo.

farmacoterapia

farmacoterapia

Benzodiazepine (alprazolam, diazepam, clonazepam)

Le benzodiazepine sono un gruppo di farmaci che presentano proprietà ansiolitiche, sedative, ipnotiche, anticonvulsivanti e miorilassanti.

Aumentano l'affinità dell'acido gamma-aminobutirrico (GABA) al recettore GABA-ergico, inibendo la trasmissione nervosa nel sistema nervoso centrale, riducendone così l'attività.

Si manifesta come un effetto inibitorio su numerose funzioni del cervello e provoca:

  • riduzione di ansia, fobie e altre emozioni intense,
  • calma,
  • diminuzione delle prestazioni psicomotorie,
  • sonnolenza,
  • rilassamento muscolare.

Influenzano anche la memoria e hanno un effetto amnestico.

Alprazolam sopprime la memoria retrospettiva, cioè il ricordo di eventi avvenuti immediatamente prima dell'effetto del farmaco, e può essere utilizzato fino a diverse ore dopo l'evento ansioso.

Sono usati spesso perché portano sollievo quasi immediato negli stati di tensione, ansia, ansia o panico. L'effetto della loro azione si osserva già 30 - 60 minuti dopo la somministrazione orale.

Le benzodiazepine sono utilizzate nel trattamento di vari disturbi d'ansia, soprattutto quando è impossibile attendere un effetto ritardato. Sono molto efficaci quando è richiesta un'azione ansiolitica rapida, breve e occasionale.

Non tutte le benzodiazepine hanno le stesse proprietà, esiste un gruppo di benzodiazepine che agiscono principalmente:

  • ansiolitico (es. alprazolam, lorazepam),
  • dormire (es. nitrazepam, estazolam),
  • rilassante (tetrazepam)
  • anticonvulsivanti (es. clonazepam).

Questa divisione diventa sfocata quando vengono utilizzate dosi più elevate.

In dosi tossiche, deprimono il centro respiratorio. La somministrazione a lungo termine di benzodiazepine provoca una rapida insorgenza di tossicodipendenza con lo sviluppo di tolleranza ai farmaci. Ciò si traduce nella necessità di utilizzare dosi sempre più elevate per mantenere lo stesso effetto.

Molto spesso li diamo a:

  • fobie, comprese fobie sonore (tempesta, fuochi d'artificio),
  • stati di ansia (ansia di situazione, panico, ansia generalizzata).

Agonisti selettivi dei recettori alfa-2 adrenergici (dexmedetomidina)

La dexmedetomidina è un potente e selettivo agonista dei recettori alfa-2 adrenergici.

Agisce inibendo la secrezione di noradrenalina dai neuroni noradrenergici, riducendone la quantità nel sistema nervoso centrale. Quando somministrato a basse dosi, è efficace nel ridurre la tensione acuta e l'ansia nei cani legati al rumore.

Si somministra sotto forma di gel che va applicato sulla mucosa della guancia, l'ingestione accidentale rende inefficace il farmaco.

Gli animali molto agitati sono meno sensibili al farmaco.

La prima dose va somministrata quando il cane mostra i primi segni di ansia o quando il proprietario anticipa uno stimolo (suoni di fuochi d'artificio o temporali) che provoca ansia o ansia nel cane.

Se lo stimolo ansioso persiste e il cane ricomincia a manifestare sintomi di ansia e paura (l'animale ansima, trema, è agitato, cambia spesso posto, cerca compagnia umana, si nasconde sotto i mobili o in stanze buie, cerca di scappare, rifiuta il cibo, restituisce urina e feci, sbava, ecc.), il prodotto può essere risomministrato 2 ore dopo la dose precedente.

È consentito somministrare il farmaco 5 volte in un giorno.

A causa del fatto che il farmaco viene assorbito attraverso la pelle e le mucose, è necessario utilizzare guanti durante l'applicazione.

Gli effetti della dexmedetomidina possono essere mitigati somministrando l'antidoto specifico, atipamezolo, che è un antagonista dei recettori alfa-2 adrenergici.

Non deve essere usato in cani con gravi problemi cardiovascolari, renali o epatici. È relativamente sicuro ed efficace se somministrato correttamente.

Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (fluoxetina, sertalina, fluvoxamina)

Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina o Serotonina - Inibitore specifico della ricaptazione della serotonina) inibiscono l'assorbimento della serotonina da parte dei neuroni, che aumenta il suo livello nelle fessure sinaptiche.

La serotonina (5 - idrossitriptamina), d'altra parte, è un ormone paracrino (cioè uno che colpisce solo le cellule circostanti, non entra nel flusso sanguigno), è anche un neurotrasmettitore chimico degli impulsi nervosi nel cervello.

Svolge un ruolo importante nel sistema nervoso centrale ed è importante nello sviluppo di disturbi d'ansia e depressivi.

La serotonina stimola le cellule nervose, influisce sul benessere e sull'umore e la sua quantità insufficiente nelle fessure sinaptiche è considerata una possibile causa di depressione. Quindi, attraverso il suo meccanismo d'azione, questo gruppo di farmaci è un buon regolatore dell'umore.

I farmaci di questo gruppo sono ben tollerati perché non riducono l'attività del sistema nervoso centrale e non alterano le funzioni cognitive o l'idoneità psicofisica.

Il loro svantaggio è che affinché si manifesti un effetto terapeutico, devono essere assunti per diverse settimane. Non devono essere sospesi improvvisamente in quanto ciò potrebbe causare lo sviluppo di sintomi da astinenza. Al fine di ridurre al minimo il rischio di questa sindrome, si raccomanda di ridurre gradualmente la dose del farmaco somministrato.

Le indicazioni per l'uso di inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina includono:

  • ansia e depressione a lungo termine,
  • aggressività di varia provenienza (eccessiva, difensiva, paura, frustrazione o estrazione sociale),
  • disturbo ossessivo compulsivo,
  • stereotipo,
  • leccate eccessive e segni di urina,
  • disturbi del sonno,
  • ansia da separazione,
  • vocalizzazione,
  • appetito eccessivo o distorto.

Antidepressivi tetraciclici (mianserina)

Gli antidepressivi tetraciclici agiscono bloccando i recettori alfa 2 - adrenergici, inibendo così la ricaptazione della noradrenalina e aumentando la conduttività degli impulsi nervosi nel sistema nervoso centrale.

Non deve essere utilizzato per più di 2-3 settimane in quanto l'uso prolungato può portare ad uno stato di maggiore vigilanza e attacchi di panico nell'animale trattato.

È indicato negli stati di ridotta attività psicomotoria, nel disturbo acuto da stress post-traumatico, nella depressione, in assenza di appetito, eccessiva sonnolenza.

Antidepressivi triciclici (clomipramina, amitriptilina)

Gli antidepressivi triciclici (triciclici) (TLPD, TCA) sono inibitori non selettivi della ricaptazione della serotonina e della noradrenalina, agiscono modificando la sensibilità dei rispettivi recettori.

I primi effetti terapeutici sono visibili 3 - 4 settimane dopo l'inizio della somministrazione del farmaco.

Hanno proprietà antidepressive, ansiolitiche e sedative. Possono essere usati insieme alle benzodiazepine, ma non devono essere combinati con la selegilina. Non usare in animali affetti da malattie cardiache.

Li usiamo per:

  • eccessiva agitazione,
  • stati di ansia,
  • alopecia psicogena,
  • aggressività sullo sfondo del dolore,
  • vocalizzazione eccessiva,
  • disturbi da separazione - ansia da separazione,
  • attaccamento eccessivo e/o escrezione emotiva.

Inibitore selettivo irreversibile delle MAO-B (selegilina)

Gli inibitori delle monoaminossidasi sono un gruppo di composti che inibiscono l'attività degli enzimi della famiglia degli enzimi delle monoaminossidasi. Li chiamiamo psicostimolanti.

La selegilina aumenta la disponibilità di dopamina nel cervello, influenzando la motivazione dell'animale, il comportamento esplorativo e la capacità di apprendere e ricordare. Ha un effetto neuroprotettivo.

Negli individui iperattivi, la selegilina provoca sedazione paradossale, mentre negli individui inibiti - attivazione psicomotoria. Può essere interrotto senza diminuire la dose.

Le indicazioni per l'uso sono:

  • iperattività,
  • alopecia psicogena,
  • disturbo ossessivo compulsivo,
  • disfunzioni cognitive,
  • disturbi del ciclo sonno-veglia nei cani geriatrici,
  • anche problemi di apprendimento e concentrazione, anche negli animali giovani (in questo caso, l'uso dovrebbe essere iniziato tre settimane prima dell'addestramento).

Neurolettici (acepromazina)

L'acepromazina blocca i recettori della dopamina nel sistema nervoso centrale e inibisce il turnover della dopamina nei neuroni.

Provoca miorilassamento, è un neurolettico - riduce la mobilità con una coscienza completamente preservata. Non ha proprietà ansiolitiche ed è anche controindicato nei disturbi d'ansia. Aumenta la sensibilità ai suoni, che intensifica le fobie del suono.

I farmaci descritti, tranne benzodiazepine e dexmedetomidina, non hanno un effetto immediato, si consiglia di iniziare il trattamento sei settimane prima del tempo previsto per gli eventi ansiosi.

La terapia farmacologica viene eseguita fino al raggiungimento di un miglioramento soddisfacente, quindi per i successivi 1-3 mesi.

Dopo il trattamento, può iniziare la sospensione del farmaco, purché non vi siano altri disturbi comportamentali che richiedano un trattamento più lungo. La sospensione dei farmaci dovrebbe essere effettuata gradualmente per evitare il ripetersi dei sintomi. La riduzione della dose si basa sulla durata del trattamento.

Di norma, c'è una settimana di pausa dal trattamento in ogni mese di trattamento. Ciò significa che, ad esempio, la dose deve essere ridotta dopo tre mesi di trattamento per un periodo di tre settimane. L'eccezione è la selegilina, che può essere interrotta senza ridurre gradualmente la dose.

La combinazione di antidepressivi triciclici e inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, nonché antidepressivi triciclici o inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina con un inibitore MAO-B (selegilina) è controindicata in quanto può causare la sindrome serotoninergica.

Combinando e, di conseguenza, sovradosando farmaci di gruppi diversi, ma avendo un effetto simile - potenziando l'effetto della serotonina - c'è un aumento del rischio di uso e una maggiore tossicità di questi farmaci.

Si deve usare cautela anche con l'uso simultaneo di L-triptofano e alcune erbe durante la psicofarmacologia.

Prima di qualsiasi intervento chirurgico, si prega di informare il veterinario di eventuali farmaci sedativi che si stanno assumendo, poiché potrebbero interagire con i farmaci per la premedicazione o per l'anestesia generale.

Va ricordato che queste sostanze non hanno proprietà curative, provocano solo calma e tranquillità durante la terapia comportamentale così da consentire un efficace allenamento, oppure possono essere utilizzate per uno specifico evento ansioso, ad esempio il capodanno.

Quando i farmaci vengono sospesi e i livelli ematici scendono, i sintomi di ansia e altri disturbi comportamentali ritornano.

Riepilogo

Prima di somministrare qualsiasi farmaco o integratore alimentare, consultare un veterinario per un esame approfondito e una diagnosi dell'animale.

Anche i rimedi erboristici possono provocare allergie ed effetti collaterali, soprattutto negli animali affetti da comorbidità. Prestare particolare attenzione durante la somministrazione di farmaci a cagne gravide e in allattamento, cuccioli e animali anziani.

Se il nostro animale è stressato visitando uno studio veterinario, prima di somministrare sedativi, consultare un veterinario affinché la sostanza somministrata non influisca sui risultati dei test o ostacoli, e talvolta impedisca addirittura l'intervento programmato.

Con sintomi di ansia leggermente espressi, puoi raggiungere farmaci da banco e, se il loro uso non produce alcun effetto, consultare un veterinario e cambiare l'agente con un farmaco opportunamente selezionato.

In situazioni in cui l'attacco di una fobia è relativamente di breve durata, come le fobie del suono, usiamo farmaci ad azione rapida e breve - dexmedetomidina o benzodiazepine.

Per i disturbi persistenti, come l'ansia da separazione, sono necessari farmaci a lungo termine e terapia comportamentale concomitante. Non può essere dimenticato perché la stessa somministrazione di farmaci è sintomatica e non risolve la causa della comparsa di comportamenti ansiosi negli animali.

Gli psicofarmaci non devono mai essere usati da soli, anche se in qualche modo il proprietario ha accesso ad essi senza visitare un veterinario. Non modifichiamo noi stessi le dosi dei farmaci e, cosa molto importante, manteniamo un intervallo di tempo regolare tra le somministrazioni successive (a volte i farmaci dovrebbero essere somministrati con una precisione di pochi minuti)!).

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento