Principale » altri animali » Gatto anziano: a cosa è associata la vecchiaia in un gatto [raccomandazioni sulla salute, dieta

Gatto anziano: a cosa è associata la vecchiaia in un gatto [raccomandazioni sulla salute, dieta

gatto anziano

La vecchiaia non è una grande disgrazia se si considera quest'ultima possibilità

Ernest Hemingway

Le considerazioni sull'invecchiamento non sono mai facili o divertenti.

La maggior parte di noi preferisce non affrontare questo tipo di argomenti, perché tutte le deliberazioni su questo argomento porteranno sempre a una conclusione.

Si legge: moriremo tutti un giorno.

E questo è uno dei pochissimi fenomeni sulla terra su cui tutti sono d'accordo, indipendentemente da razza, religione, credenze, preferenze o qualsiasi altra classificazione.

L'invecchiamento è un processo inevitabile che è radicato nelle nostre vite, tanto quanto essere nati o crescere.

Ma è davvero così terribile??

Non è possibile avvicinarci con calma e goderci ogni giorno che ci viene dato??

Forse la felicità più grande è godersi ogni momento senza pensare a cosa porterà il domani.

Gli animali hanno padroneggiato quest'arte alla perfezione.

Quindi impariamo davvero a vivere da loro.

Non si preoccupano del futuro, non pianificano e non ci pensano.

vivono e basta.

Non è quello che vorremmo per noi stessi??

Quindi, invece di torcerci le mani per il tempo che passa e pentirci di quanto poco sia rimasto per il nostro reparto anziani, vediamo cosa fare per rendere l'autunno della vita il più dolce e sicuro possibile per lui.

Come probabilmente avrai intuito, caro lettore, vorrei toccare l'argomento in questo articolo invecchiamento e vecchiaia dei gatti.

Sono consapevole che per la maggior parte delle persone questo problema non è leggero.

Non c'è da stupirsi: nessuno di noi vuole pensare che un giorno il nostro amato amico ci lascerà.

Tuttavia, i fatti sono che questa è una fase inevitabile della vita, e arriva un punto in cui evitare ulteriormente l'argomento non è più appropriato.

Pertanto, ti consiglio vivamente di leggere questo articolo.

Da esso imparerai quando il gatto entra nella caduta della vita, quali malattie sono un elemento comune della vecchiaia e come aiutare il vecchio in questo periodo difficile.

Noterai che la vecchiaia non deve essere sempre terribile, inferma e piena di sofferenza, perché abbiamo un'influenza su molte cose.

Tutto ciò di cui hai bisogno è un po' di attenzione e un'azione abile.

  • Gatto anziano - quando può essere chiamato così??
  • Cambiamenti osservati nei gatti anziani
  • Profilassi sanitaria dei gatti anziani
  • Cos'è una visita di controllo per un paziente anziano?
    • Controllo del peso e delle condizioni del gatto
    • Valutazione della qualità della pelle e delle condizioni del pelo
    • Esame del cavo orale, gengive e denti
    • Esame degli occhi e delle orecchie
    • Palpazione della tiroide
    • Auscultazione del cuore e dei polmoni
    • Palpazione addominale per rilevare eventuali anomalie
    • Valutazione delle articolazioni e dei muscoli
    • Migliora le vaccinazioni del tuo gatto
    • Sverminazione regolare
    • Esame del sangue e delle urine
    • Misurazione della pressione sanguigna
    • Cure odontoiatriche
  • Nutrire un gatto anziano
    • Cibo secco, in scatola o cotto?
    • Se dare vitamine al tuo vecchio gatto?
  • Chirurgia per un gatto anziano
  • Governare un gatto anziano
  • La vecchiaia in un gatto: quando andare dal veterinario?
    • Disturbo dell'appetito e della sete nel gatto
    • Problemi nel passaggio dell'urina e/o delle feci
    • Diminuzione dell'attività del gatto, sintomi di dolore
    • Cambiare il comportamento di un gatto anziano
  • Gestire un gatto anziano
    • Microchip
    • Posti comodi in casa
    • Fornire una lettiera adatta
    • Dieta adeguata
    • Alimento commerciale per gatti anziani
    • Giocare con un gatto anziano
    • Affrontare le malattie
  • Difficili decisioni di fine vita

Gatto anziano - quando può essere chiamato così??

Fondamentalmente non esiste un'età fissa e specifica in cui si può dire che un gatto diventi un animale geriatrico.

Il motivo è che i gatti invecchiano in modo molto diverso.

Dipende da una moltitudine di fattori, il più importante dei quali è genetica e malattie di accompagnamento.

Come con gli umani, alcuni gatti invecchiano più velocemente di altri.

Tuttavia, al fine di semplificare alcune procedure e sistematizzare il trattamento di gatti di età diverse, sono state stabilite alcune fasce di età, che possono essere classificate come:

  • Età matura, o la cosiddetta. l'età media dei gatti è di circa 7-10 anni.
  • I gatti anziani iniziano a essere chiamati con questo termine, di solito tra gli 11 e i 14 anni.
  • Gatti geriatrici: di solito sono gatti di età superiore ai 15 anni.

In generale, un gatto è considerato un geriatra intorno all'età dai 15 anni in su.

Molti caregiver, notando alcuni processi che si svolgono in loro, non si preoccupano affatto di loro, considerandolo una sequenza naturale di cose.

Altri, a loro volta, si preoccupano di qualsiasi comportamento innaturale del gatto, collegandolo alla malattia piuttosto che all'invecchiamento.

Entrambi questi atteggiamenti devono essere equilibrati.

In effetti, molti sintomi insoliti nella vecchiaia non richiedono un consulto medico, ma il problema è che non siamo sempre in grado di determinare da soli se ciò che osservo nel mio animale domestico è ancora un effetto della sua età o forse un sintomo di malattia?

Non è necessario correre subito a capofitto dal medico, non appena il gatto manifesta avversione al mangiare, ma non è assolutamente da sottovalutare nemmeno quando l'appetito ridotto si protrae e diventa causa di altri disturbi (come. dimagrimento).

La misura d'oro è aumentare la frequenza delle visite di controllo con il proprio medico.

Mostrati con il tuo studente almeno per un test di screening una volta ogni 6 mesi, e dormirai sonni tranquilli.

Cambiamenti osservati nei gatti anziani

Cambiamenti osservati nei gatti anziani

Quando un gatto entra nell'autunno della sua vita, la sua attività, comportamento, bisogni e persino l'appetito possono cambiare notevolmente.

Questo di solito è così lento e delicato che la maggior parte dei proprietari non nota le sottili differenze nello stile di vita del proprio animale domestico.

E questi processi sono inesorabilmente in atto.

Come guardiano di un gatto anziano, puoi prepararti in anticipo per alcuni cambiamenti discreti ma irreversibili che inizieranno a verificarsi nel tuo animale domestico.

Puoi notare il tuo preferito:

  • Che la sua attività non è più quella che era. Il gattino non esce così spesso, fa pisolini più lunghi, è diventato un po' pigro. Potrebbe non avere voglia di divertirsi, e anche se cerca di inseguire la palla, si arrende più velocemente. Si nota una minore tensione muscolare.
  • L'appetito e la quantità di acqua consumata stanno cambiando. Anche nei gatti sani e anziani, la quantità di cibo consumata può essere ridotta. Succede anche che l'animale perda interesse per il cibo, che ha mangiato avidamente finora, e inizia ad avere appetito per qualcosa di completamente diverso.
  • Più un gattino invecchia, più i suoi sensi si indeboliscono. Potresti notare che il tuo animale domestico non sente bene e inizia ad avere problemi con la vista. Tuttavia, anche gli altri sensi si attutiscono. In un anziano, l'olfatto e il gusto possono peggiorare e la manifestazione esterna di ciò è il suddetto cambiamento nell'appetito.
  • Ci sono cambiamenti nei movimenti intestinali e nella minzione. I disturbi della defecazione compaiono abbastanza spesso - o c'è diarrea cronica o ricorrente, o al contrario - si verifica costipazione. Il gatto può anche prendersi cura di sé fuori dalla lettiera, marcare l'area e urinare in luoghi insoliti.
  • Il sistema immunitario del corpo è indebolito. Ciò comporta una serie di conseguenze negative, come l'incidenza più frequente di vari tipi di infezioni, lo sviluppo del cancro e molti altri.
  • Nonostante il fatto che il tuo gatto dorma molto di più ora rispetto a quando era giovane, questi sono solo sonnellini superficiali. Il sonno profondo, un tempo abbastanza comune, ora sta diventando più raro. Questo ciclo sonno-veglia alterato è abbastanza comune negli animali più anziani.
  • Il passare degli anni è visibile anche nell'aspetto del mantello. Ciò è dovuto alla ridotta cura del pelo, ma anche la quantità e la composizione del film cutaneo sono ridotte. Pertanto, i capelli possono essere opachi o arruffati in alcuni punti. Potresti notare la presenza di feltri simili a terrore.
  • Ci sono malattie tipiche dell'età, come. artrite, diabete, ipertiroidismo, malattie cardiovascolari, funzionalità renale compromessa e persino insufficienza renale di gatto.
  • Potresti notare cambiamenti nel modo in cui respira: anche dopo un piccolo sforzo, il tuo animale domestico può respirare più velocemente. Ciò è dovuto a una riserva polmonare indebolita nella vecchiaia.
  • Ci possono essere cambiamenti mentali o comportamentali, come. amarezza, aggressività o carezza eccessiva ed esagerata. Molto spesso il gatto vocalizza eccessivamente. I problemi con la gestione dello stress stanno diventando evidenti - ciò che è stato accettato dal gatto fino ad ora sta diventando un problema crescente. Questo può manifestarsi anche nei segni clinici: i gatti spesso sviluppano SUK.

Questi sono solo alcuni dei segni più comuni e noti dell'invecchiamento nei gatti.

Non è detto che tutti i rappresentanti di questa specie insolita supereranno tutte le fasi in modo identico.

Succede anche che alcune malattie compaiano molto prima che nell'età adulta.

Molti proprietari di gatti anziani chiedono alla clinica se ci sono modi per alleviare il processo di invecchiamento e ridurre al minimo il rischio di malattie gravi?

Si ci sono.

E sebbene sia impossibile fermare il processo di invecchiamento dell'organismo, puoi, in un certo senso, influenzarne il corso e cercare di limitare alcune delle conseguenze negative della vecchiaia.

Come?

Qualche parola a riguardo più avanti nell'articolo.

Profilassi sanitaria dei gatti anziani

Come ho detto prima, non è sempre noto se i sintomi osservati in un animale domestico siano il risultato del passare del tempo e dei cambiamenti senili nel corpo, o se possano essere un segno di una malattia in via di sviluppo.

Quindi, tanta enfasi è posta sull'aumento della frequenza delle visite di follow-up.

I gatti più grandi dovrebbero quindi fare amicizia con il loro veterinario poiché lo vedranno più spesso ora.

E non è che si ammalano.

Le visite di follow-up ai pazienti geriatrici possono ora diventare più frequenti, anche senza che vi siano anomalie che spingono a un esame.

Il punto è solo tenere d'occhio un tale paziente in modo che, in caso di sintomi fastidiosi, tu possa reagire abbastanza presto.

Dopotutto, ricordiamo che i gattini più grandi sono più inclini alle malattie dell'età matura.

Inoltre, a causa della diminuzione dell'immunità, che si nota negli anziani, diventano più facili prede di virus, batteri e funghi.

Pertanto, sono raccomandati controlli regolari nell'ufficio veterinario, combinati con il controllo del peso corporeo, della dentizione, dell'analisi del sangue, dell'urina o dell'ecografia, per ogni cittadino anziano, cioè più o meno dall'età di 11 anni.

A questa età può essere necessario aumentare la frequenza delle vaccinazioni preventive.

Si raccomanda che i gatti più anziani vengano sottoposti a screening in media ogni sei mesi.

A tali intervalli possono comparire alcuni disturbi di salute più gravi, la cui individuazione consente comunque di intraprendere azioni efficaci.

Cos'è una visita di controllo per un paziente anziano?

Visita di controllo per un gatto anziano

Controllo del peso e delle condizioni del gatto

Durante i controlli medici di routine, controlla sempre il peso attuale del tuo gatto per determinare se è sovrappeso o sottopeso.

Certo, è meglio se il peso corporeo del tuo animale domestico rientra nell'intervallo normale, ma i gatti più anziani hanno davvero difficoltà ad affrontare questa sfida.

Uno strumento utile per valutare la propria condizione è il cosiddetto Punteggio della condizione corporea (BCS) - l'equivalente animale dell'umano BMI.

Questo sistema di classificazione tiene conto di 4 caratteristiche fondamentali:

facile sentire le costole, il contorno della vita e dell'addome, la quantità di grasso che si può sentire sotto la pelle e la quantità di tessuto muscolare.

La valutazione viene effettuata sulla base di una scala a 5 o 9 punti.

Sovrappeso sfortunatamente, colpisce abbastanza spesso i gatti più anziani.

Eccesso di peso in un gatto

La ragione principale dietro l'accumulo di grasso corporeo in eccesso è ovviamente maggiore quantità di calorie consumate rispetto a bruciarle.

Questo può essere influenzato da diverse variabili, come ad esempio:

  • arrivo solo a casa,
  • diminuzione dell'attività fisica,
  • disponibilità di cibo ad libitum,
  • castrazione, sterilizzazione,
  • malattie concomitanti (es. diabete, condizioni degenerative articolari).

Sfortunatamente, ogni chilogrammo in più in un gatto corrisponde a circa 16 kg di sovrappeso nell'uomo.

Quindi, immagina quali conseguenze sulla salute influenzeranno il tuo animale domestico se - invece di, ad esempio, 4 chilogrammi, ha raggiunto un peso sbalorditivo di 8 o 9 kg

I gatti più anziani non hanno bisogno di tanti componenti energetici nel loro cibo come prima.

La loro dieta dovrebbe essere limitata e i loro pasti dovrebbero essere consumati a orari regolari, se possibile.

Nella vecchiaia, il metabolismo rallenta e i chili in più contribuiscono in modo significativo all'aumento del rischio di malattie come:

  • diabete,
  • ipertensione in un gatto,
  • malattie articolari,
  • malattie delle vie urinarie,
  • malattie cardiache in un gatto,
  • problemi respiratori.

In una situazione in cui il sovrappeso o l'obesità colpiscono il tuo gatto, prendi il problema molto sul serio.

Discutere con il proprio medico la possibile linea di condotta, consultare un nutrizionista veterinario.

Sviluppate insieme un regime dimagrante per il vostro gatto che, con l'aiuto della vostra costanza e del rigoroso rispetto delle regole stabilite, gli consentirà di tornare al suo peso preferito.

Sottopeso in un gatto

Mancanza di appetito nel gatto

Questa è la seconda condizione estremamente diversa che può comparire nei gatti più anziani.

Spesso accompagna una varietà di malattie croniche e debilitanti, ma può essere semplicemente una conseguenza naturale dell'invecchiamento.

Durante questo periodo, i gatti possono non solo perdere interesse per il cibo (olfatto e gusto alterati), ma anche il loro metabolismo cambia in percorsi catabolici.

La capacità di assorbire proteine ​​e grassi può essere ridotta, il che influisce sulle condizioni dell'animale.

Questo processo è solitamente lento e inosservato dai proprietari, quindi il peso e le condizioni dei gatti più anziani dovrebbero essere controllati ancora di più.

Valutazione della qualità della pelle e delle condizioni del pelo

Valutazione della qualità della pelle e delle condizioni del pelo

I gatti più anziani spesso trascurano la cura e l'igiene del loro pelo.

Ciò può essere dovuto a determinate condizioni mediche (ad es. obesità o condizioni degenerative articolari).

Il veterinario dovrà prestare particolare attenzione a condizioni del mantello, per determinare se ha effettivamente a che fare con l'abbandono del bagno o se si sta sviluppando qualche condizione patologica.

Nei gatti più anziani, il pelo può essere opaco, la pelle può essere secca e può essere coperta di forfora.

La presenza di vecchie cicatrici fa parte della storia di un gatto scritta sulla pelle.

La condizione del manto, degli artigli e l'elasticità della pelle fornisce al medico un quadro delle condizioni cliniche del paziente e, in molti casi, consente di indirizzare ulteriori ricerche.

Per esempio:

l'elasticità della pelle chiaramente ridotta indica disidratazione e richiede un'ulteriore diagnosi.

La presenza di infiammazione della pelle, ferite o ulcere induce a prendere in considerazione condizioni cutanee allergiche, infettive o parassitarie.

Eventuali dubbi riguardanti la cura del gatto e la cura dello stato del manto vanno discussi con un veterinario, il quale non solo indicherà i metodi e le tecniche di regolare cura del gatto in ambito cosmetico, ma consiglierà anche una dieta adeguata e / o vitamine per il gatto, sostenendo la condizione della pelle e del pelo.

Esame del cavo orale, gengive e denti

Esame della bocca di un gatto anziano

È estremamente importante per un medico valutare le condizioni della bocca del gatto.

Questo è il posto dove le cose si mettono davvero male in molti casi.

La riluttanza dei gatti a manipolare il cavo orale rende difficile per i proprietari controllare lo stato delle gengive o dei denti, e questi sono i problemi più comuni per i nostri anziani.

Una visita dal medico è una grande opportunità per controllare l'interno della bocca del nostro animale domestico.

Molto spesso, gli anziani sviluppano gengiviti, il tartaro è evidente, i denti sono scheggiati o rotti.

Questo tipo di disturbo non va sottovalutato. L'infiammazione dovrebbe essere guarita il prima possibile, il tartaro dovrebbe essere rimosso e i denti malati dovrebbero essere trattati o rimossi.

Esame degli occhi e delle orecchie

Esame delle orecchie di un gatto anziano

La capacità di vedere e sentire è particolarmente importante. L'attenzione del veterinario dovrebbe essere prestata a tali cambiamenti come opacità, inclusioni, cambiamenti di colore, stravaso negli occhi, differenze nella dimensione della pupilla, ecc.

Palpazione della tiroide

Questo è un test molto importante nei gatti anziani.

Sono spesso combinati con la valutazione dei livelli ormonali di questa ghiandola.

Come mai?

Gli anziani sviluppano abbastanza spesso ipertiroidismo e i primi sintomi possono essere notati all'età di oltre 10 g.

Auscultazione del cuore e dei polmoni

Auscultazione del cuore e dei polmoni

Un'attività estremamente importante che permette di rilevare anomalie in questi organi già nell'esame clinico iniziale.

E poiché i gatti più anziani sviluppano abbastanza spesso malattie legate al sistema respiratorio e/o circolatorio, questo test potrebbe essere solo il vestibolo di una diagnosi più ampia.

Tuttavia, l'importanza dell'auscultazione del torace non deve essere sottovalutata, poiché è questo test che consente di rilevare suoni respiratori patologici, aritmie, soffi cardiaci o altre anomalie.

Se noti delle deviazioni dalla norma, il tuo veterinario può ordinare ulteriori test, come ad esempio.:

  • Immagine panoramica del torace,
  • ECG,
  • esame ecografico del cuore,
  • misurazione della pressione sanguigna, ecc.

Palpazione addominale per rilevare eventuali anomalie

Nei gatti anziani, i seguenti disturbi sono abbastanza comuni alla palpazione:

  • ingrossamento e/o dolore dei reni (correlato alla loro malattia),
  • fegato ingrossato,
  • dolore durante la palpazione dell'area pancreatica,
  • ritenzione di feci o presenza di liquido o un tumore nell'addome.

Se ci sono anomalie che attirano l'attenzione del medico, lui o lei può raccomandare ulteriori test, come ad esempio. radiografia o ecografia della cavità addominale.

Valutazione delle articolazioni e dei muscoli

La vecchiaia in un gatto: valutazione delle articolazioni e dei muscoli di un gatto

Poiché molti gatti anziani hanno gravi problemi di mobilità, è molto importante determinare se i disturbi motori sono dovuti a malattie articolari o muscolari.

Si tratta di condizioni dolorose, la cui individuazione consente l'introduzione del trattamento e l'attenuazione del dolore.

In molti casi, sarà necessario sottoporsi a test di imaging per individuare l'infiammazione o la degenerazione.

Migliora le vaccinazioni del tuo gatto

Upgrade delle vaccinazioni del gatto anziano

A seconda dello stato di prevenzione attuale e della possibile esposizione a fattori che causano malattie infettive, il veterinario può decidere di aumentare la frequenza di vaccinazione del tuo gatto.

Il sistema immunitario degli animali più anziani non funziona più come prima, quindi potrebbero essere necessarie vaccinazioni di richiamo.

Tuttavia, qualsiasi decisione di questo tipo dovrebbe essere attentamente considerata, tenendo conto del rischio effettivo di infezione.

Sverminazione regolare

Non bisogna dimenticare il controllo sistematico dei parassiti interni.

Un gatto anziano potrebbe non essere in grado di gestire i clandestini con la stessa efficienza di un bambino di 2 anni e i loro effetti distruttivi possono influire in modo significativo sulla salute del tuo animale domestico.

Tuttavia, per non sovraccaricare il corpo anziano con farmaci forti, è sempre necessario eseguire un esame parassitologico delle feci.

Esame del sangue e delle urine

Esame del sangue di gatto

Oltre a un esame clinico completo, il medico vorrà sicuramente raccogliere sangue e urine per i test di laboratorio.

Le informazioni ottenute da queste analisi sono inestimabili e completano l'intero studio di un gatto anziano.

Esistono persino profili di ricerca speciali, i cosiddetti. geriatrico, che comprende tutti i parametri più importanti, valutati negli animali anziani.

A volte lo stesso, non si sa nemmeno quanto sia accurato, un esame clinico potrebbe non mostrare alcun cambiamento, e il sangue o l'urina ci dicono che sta accadendo qualcosa di inquietante nel corpo del vecchio.

Dovremmo ricordare che la maggior parte delle malattie, rilevate con sufficiente anticipo, hanno la possibilità di curare o almeno alleviare il loro decorso.

Misurazione della pressione sanguigna

Test eseguiti raramente negli uffici e per lo più necessari in molti gatti anziani.

Parlate con il vostro medico della possibilità di eseguire questa misurazione semplice e non invasiva, e se non dispone di questo tipo di attrezzatura, chiedete un rinvio ad una struttura di riferimento.

Oltre a queste attività, il veterinario vorrà aggiornare la sua conoscenza del tuo gatto ponendoti domande come:

  1. Che tipo di cibo mangia il tuo gatto?
  2. Hai notato cambiamenti nell'uso della lettiera per gatti?? Hai notato cambiamenti nella consistenza, nella quantità, nella frequenza o nel modo in cui passi le feci??
  3. Il tuo gatto vomita?? Se sì, con quale frequenza?
  4. Hai notato cambiamenti nel comportamento del tuo gatto?? il suo umore?
  5. Se il tuo gatto è disposto a entrare in contatto con te? Se c'è stato qualche cambiamento nelle interazioni con te, i membri della famiglia o altri animali?
  6. C'è stato qualche cambiamento nel modo in cui il tuo gatto viene toelettato?? Trascura l'igiene??
  7. Ci sono state nuove circostanze o nuovi sintomi dall'ultima visita di controllo??

Cure odontoiatriche

Cure dentistiche per gatti

Gli anziani dei gatti spesso soffrono di malattie orali e queste condizioni possono essere davvero dolorose e scoraggianti da mangiare.

Infezioni orali, tartaro o malattie dentali possono portare rapidamente a condizioni infettive anche di altri organi.

Tuttavia, puoi prevenirne almeno alcuni prendendoti cura dell'igiene orale del tuo gatto in modo molto simile alla cura dei tuoi denti.

Tuttavia, poiché questo può essere difficile con alcuni animali non abituati, segui i suggerimenti di seguito.

Controlla regolarmente la bocca del tuo gatto per la prevalenza tartaro, cambiamenti nell'aspetto delle gengive e lo stato della dentatura.

sistematicamente lava i denti al gatto.

So che non tutti i bambini si permetteranno di prendere misure così drastiche. Se il tuo allievo non è assolutamente d'accordo a nessuna manipolazione all'interno della cavità orale con l'uso di uno spazzolino da denti e una pasta, puoi provare a usare speciali salviette odontoiatriche.

Come ultima risorsa, deve essere sufficiente cibo duro e secco per prevenire la formazione di tartaro, ma tieni presente che anche quando lo usi, può verificarsi la formazione di placca.

Ricorda che i problemi alle gengive o ai denti possono derivare da altre malattie sistemiche, quindi dovresti sempre consultare il veterinario per la salute orale del tuo gatto.

Questo è ciò a cui dovresti prestare attenzione quando controlli le condizioni della bocca del tuo gatto

  • Gengive rosse, gonfie, doloranti e/o sanguinanti,
  • salivazione intensa,
  • un odore sgradevole dalla bocca,
  • perdita di appetito,
  • la presenza di ferite, erosioni o ulcere sulla mucosa orale,
  • I gatti con infezioni orali o malattie dentali non trattate possono mostrare sintomi generali come:
    • apatia,
    • mancanza di appetito,
    • evitando il contatto,
    • può cadere billette quando si cerca di mangiare,
    • possono anche mangiare più lentamente, con più attenzione e masticare solo da un lato della bocca.

Se noti questi tipi di sintomi nel tuo animale domestico, portalo dal veterinario.

Nutrire un gatto anziano

Nutrire un gatto anziano

In commercio ci sono molti alimenti dedicati ai gatti anziani.

Sono ricchi di nutrienti appositamente bilanciati che:

  • dovrebbero sostenere il corpo,
  • ricostruire la massa muscolare persa,
  • migliorare l'immunità,
  • proteggere i reni,
  • ridurre il rischio di molte malattie.

Puoi andare avanti e dare questi tipi di cibo, purché il tuo gatto voglia mangiarli, ovviamente.

A un gatto più anziano l'olfatto è indebolito, pertanto, l'animale può rifiutarsi di mangiare anche il cibo che in precedenza gli piaceva molto.

Puoi provare a rendere il tuo cibo più attraente riscaldando leggermente il pasto appena prima di servirlo.

Questo dovrebbe incoraggiare il vecchio gatto a mangiare.

Dai al tuo gattino porzioni più piccole di cibo fresco durante il giorno.

Se è rimasto qualcosa nella ciotola, il tuo animale domestico probabilmente non vorrà mangiarlo più tardi.

Principio:

meno, ma più spesso funziona per la maggior parte dei gatti con appetiti schizzinosi.

Il miglior cibo per gatti anziani soddisfa tre condizioni fondamentali:

  • è mangiato avidamente dall'animale;
  • è correttamente bilanciato, il che significa che fornisce al gatto tutti i nutrienti, i micronutrienti vitaminici necessari per la salute del tuo animale domestico;
  • aiuta a mantenere un peso corporeo ideale, assicura l'adeguata frequenza dei movimenti intestinali e la corretta consistenza delle feci, oltre a una pelle sana e un pelo lucido.

Inoltre, assicurati che il tuo gatto abbia accesso ad acqua fresca e pulita sempre e ovunque.

Se te lo puoi permettere, posiziona ciotole d'acqua in diverse parti della casa (sopra, sotto, nel patio, ecc.).).

Il gatto si avvicinerà alla ciotola se ce l'ha più vicino.

Il nostro gatto anziano dovrebbe prendere la giusta quantità di acqua, cosa che purtroppo è molto difficile da applicare negli animali più anziani.

Quindi, sono spesso più suscettibili a disidratazione o fatica cronica.

La questione è ulteriormente complicata dal fatto che il gatto viene nutrito con cibo secco.

Pertanto, non sottovalutare la necessità di affinare il tuo gatto e cerca di farlo ogni volta che se ne presenta l'occasione.

Ok, ma cosa fare se il nostro cliente è molto esigente e non vuole assolutamente mangiare il cibo che gli offri, non importa quanto sia ben bilanciato e costoso?

In effetti, tali situazioni sono abbastanza comuni nei gatti, non solo negli anziani.

Prima di tutto, dovrebbe essere verificato se la causa alla base di questo tipo di disturbo sia una malattia sistemica.

L'appetito debole e schizzinoso può accompagnare molte condizioni, le più comuni delle quali nei gatti anziani sono malattie renali, stomatite o malato o denti rotti.

Problemi con la memoria e un po' disturbi comportamentali può anche influenzare l'appetito.

Se si scopre che il tuo gatto non ha alcuna condizione clinica che possa spiegare la sua estrema riluttanza a mangiare, prova a ravvivare i tuoi pasti.

Suggerimenti per far mangiare il tuo gatto

  1. Cambia il tipo di cibo. I gatti si annoiano di un gusto abbastanza rapidamente, quindi - se non ci sono controindicazioni per la salute, prova a cambiare regolarmente i gusti e i tipi di cibo. Certo, non cambiare drasticamente il cibo: il nuovo tipo di cibo deve essere introdotto gradualmente.
  2. Se non sei arrivato a un accordo nonostante abbia dato al tuo gatto cibo con sapori e odori diversi sotto il naso, prova a cambiare la consistenza del cibo. Ci sono gatti che all'improvviso vogliono mangiare solo polpette, nonostante il fatto che un tempo si entusiasmassero per i pezzi nella salsa. Gli animali che non sono convinti del cibo secco possono trovare cibo in scatola. Sperimentare.
  3. Insaporire il cibo sotto forma di brodo naturale di carne e verdura a basso contenuto di sale, o qualche goccia di salsa tonnata. A volte un gatto ha solo bisogno di un certo incentivo, e prelibatezze così intensamente profumate possono aiutare.
  4. Prova a riscaldare delicatamente il cibo. Poi ha un profumo ancora più intenso e i pasti caldi hanno un sapore molto migliore. Ricorda però che il cibo non è troppo caldo.
  5. Alcune persone cercano di assaggiare delicatamente il cibo. Se non ci sono controindicazioni per la salute (come. malattie cardiache, ipertensione), puoi salare leggermente il cibo. Allo stesso modo, l'aggiunta di alcune erbe può aumentare l'appetibilità del cibo.

Cibo secco, in scatola o cotto?

Cibo secco, in scatola o cotto?

Nei gatti anziani, l'enfasi è su un'adeguata assunzione di acqua.

Molto spesso non ne consumano abbastanza, il che influisce negativamente sul funzionamento di molti organi (specialmente i reni).

Quindi è estremamente importante incoraggiare a bere.

Metti diverse ciotole d'acqua intorno alla tua casa e assicurati che sia sempre fresca.

Aggiungi un po' d'acqua al cibo per contrabbandarlo in ogni modo possibile.

Si consiglia inoltre di dare cibo cotto o in scatola: questa è la dieta decisamente più idratata.

Anche vari tipi sono incoraggianti fontanelle per gatti.

Rimanere idratati è estremamente importante nella prevenzione stipsi, disidratazione e malattie gravi.

Anche la frequenza e la regolarità dei pasti giocano un ruolo importante.

Dai al tuo gatto 3-4 piccoli pasti al giorno, preferibilmente a orari regolari.

Se dare vitamine al tuo vecchio gatto?

Vitamine per un gatto anziano per rafforzare

Il problema dell'integrazione è strettamente dipendente dalle esigenze del gatto e dal tipo di cibo che gli viene somministrato.

La maggior parte degli alimenti veterinari destinati ai gatti anziani sono adeguatamente bilanciati, quindi l'aggiunta di vitamine non è necessaria.

Tuttavia, se vuoi fornire al tuo gatto un accessorio antiossidanti, acidi grassi insaturi, condroitina Se glucosamina, non sarà una controindicazione.

Ricorda solo di somministrarli in dosi proporzionali al tuo peso corporeo (ogni produttore di questi preparati mette il dosaggio sulla confezione).

Tuttavia, raccomando sempre che il caregiver consulti l'integrazione con un veterinario che conosce il suo animale domestico.

Un eccesso di alcune vitamine può essere altrettanto (o anche più) dannoso di una carenza.

L'integrazione delle carenze vitaminiche può essere richiesta dai gatti affetti da alcune malattie croniche che non assorbono la giusta quantità di sostanze nutritive.

Chirurgia per un gatto anziano

Trattamento chirurgico di un gatto anziano

Se ti trovi di fronte alla necessità di sottoporti a un intervento chirurgico, dovresti discutere attentamente l'operazione con il tuo medico in anticipo.

L'operazione in un gatto anziano comporta alcuni rischi, legati non solo all'età, ma anche alla frequente insorgenza di varie malattie.

Tuttavia, questo non significa che i gatti più anziani non vengano operati.

La chirurgia è possibile, ma bisogna prepararsi adeguatamente.

In primo luogo, il veterinario effettuerà un'approfondita valutazione preoperatoria, eseguirà test qualificanti per l'anestesia e la chirurgia (come ad esempio. emocromo completo, analisi del sangue, ECG, test delle urine e qualsiasi altro test ritenuto necessario).

Se il tuo gatto è in buona salute per eseguire la procedura, il medico regolerà l'anestesia appropriata.

Tutto ciò è necessario affinché l'operazione e il recupero siano il più delicati possibile.

Governare un gatto anziano

I gatti in età avanzata possono avere notevoli problemi con la pulizia del pelo e anche l'igiene di base, come lavarsi dopo un movimento intestinale, può essere davvero difficile per loro.

I problemi ai capelli compaiono più spesso nei gatti a pelo lungo, tuttavia, ciuffi e feltri intorno alle ascelle e all'inguine, così come lungo la colonna vertebrale, possono verificarsi in qualsiasi gatto, anche a pelo corto.

Succede che la pelle sottostante sia infiammata.

È più spesso causato da malattie coesistenti dell'apparato locomotore, ad es. artrite, ma anche malattie metaboliche come l'obesità.

Pertanto, sarà tuo privilegio prenderti cura regolarmente del pelo e degli artigli del tuo gatto.

Quindi spazzolagli i capelli regolarmente, pettina i suoi capelli arruffati, puoi anche regalargli un bagno caldo di tanto in tanto (a condizione che il tuo animale domestico sia disposto - altrimenti è meglio non stressarlo).

Il bagno può portare grande sollievo ai gatti che soffrono di infiammazione o degenerazione delle articolazioni.

Se non vuoi trattare il tuo animale domestico con questo tipo di esperienza, usa regolarmente una spazzola e un panno morbido e umido per pettinare l'ottusità e prevenire i dreadlocks o i grovigli o - peggio ancora - l'infiammazione della pelle sottostante.

Prenditi cura sistematicamente dei tuoi artigli.

A causa del fatto che i gatti più anziani sono più spessi, più lunghi e più forti, ora possono essere un problema serio sia per l'animale che per il suo conduttore.

Per vari motivi, i gatti più anziani possono smettere di affilare gli artigli, quindi è necessaria una correzione frequente.

È necessario controllarli regolarmente, perché spesso - se ci manca il momento giusto - possono diventare così lunghi che, assumendo la forma di fedi nuziali, si attaccano ai cuscinetti.

Se, mentre pulisci il tuo gattino, trovi scomodo toccare o spazzolare una certa area del corpo del tuo gattino, o peggio - dolore - porta il tuo gatto da un medico.

Questo è uno dei motivi per cui questi animali smettono di toelettarsi.

E in molti casi puoi aiutare un povero.

La vecchiaia in un gatto: quando andare dal veterinario?

Quando è necessario visitare un veterinario?

Questa è una domanda abbastanza comune posta dai proprietari di gatti anziani.

E a quanto pare, ha perfettamente senso.

Molti allevatori si sentono un po' sconcertati perché non sanno se i sintomi del loro gatto sono segni tipici dell'inevitabile invecchiamento.

Tuttavia, sono - dopo tutto - una sequenza di cose completamente fisiologica e naturale, o i sintomi osservati sono già un avvertimento che sta succedendo qualcosa di brutto nel corpo del gatto.

Pertanto, oltre ai controlli prestabiliti, è meglio portare il proprio animale dal veterinario se si nota una delle seguenti anomalie:

Qualsiasi sintomo di malattia, come:

  • tosse,
  • starnuti,
  • apatia,
  • zoppia,
  • ansimando,
  • vomito,
  • diarrea e molto altro.

Cioè, tutti questi segni che dovrebbero preoccupare ogni proprietario di animali domestici, indipendentemente dall'età.

Disturbo dell'appetito e della sete nel gatto

Disturbo dell'appetito e della sete in un gatto anziano

Sì, sono abbastanza comuni nei gatti più anziani, ma anche in questo caso qualsiasi esitazione da una parte o dall'altra dovrebbe essere sottile e prolungata nel tempo.

Ciò significa che qualsiasi cambiamento improvviso e distinto nell'assunzione di cibo o bevande deve essere segnalato al veterinario il prima possibile.

Ad esempio, un gatto che in condizioni normali non ha mangiato molto, ma ha comunque mantenuto il suo peso corporeo e non ha mostrato sintomi di deperimento, di recente si rifiuta del tutto di mangiare e inoltre le sue condizioni sono notevolmente peggiorate, richiede una visita medica al più presto il più possibile.

Potrebbe essere un sintomo di una malattia.

È comunque sempre necessario segnalare il fatto di disturbi dell'appetito durante la visita di controllo.

Problemi nel passaggio dell'urina e/o delle feci

Richiede sempre un controllo approfondito e la determinazione dei motivi, indipendentemente dall'età del gattino.

Qualsiasi svuotamento o defecazione anormale dovrebbe essere consultato con un veterinario.

Diminuzione dell'attività del gatto, sintomi di dolore

Ad esempio, il gatto finora mobile e onnipresente smette di saltare dal davanzale della finestra, dalle sedie o da altre superfici preferite ad un certo punto.

Noti che ha qualche difficoltà a muoversi, che non è più così agile.

È diventato goffo, cosa che i custodi più attenti notano anche che la gamma di movimenti degli arti dell'animale è notevolmente diminuita e il gatto stesso si muove in qualche modo con meno grazia.

La diagnosi di disturbi motori e cognitivi in ​​un gatto è estremamente difficile, perché questi animali nascondono i sintomi per molto tempo.

Come scoprire se c'è qualcosa che non va nel tuo animale domestico??

Sintomi di dolore in un gatto

  • l'animale evita da tempo di saltare su o giù, è meno incline a fare movimenti bruschi;
  • il gatto lo fa - si apre, ma ad un'altezza molto più bassa di prima;
  • dà l'impressione che le sue membra siano più rigide; questo può svanire dopo la deriva;
  • ti accorgi che il gatto è meno agile di prima;
  • quando lo raccogli si difende, si masturba o miagola e piange;
  • noti zoppia o zoppia;
  • attraversamento di ostacoli (es. soglia) è difficile per lui;
  • evita di salire o scendere le scale - noti difficoltà nel salirle;
  • spesso si occupa di cose fuori dalla lettiera;
  • trascura la pelliccia, si nota che dedica meno tempo alla toelettatura;
  • evita il contatto con te, non ama più essere accarezzato;
  • evita di giocare con altri animali, ha perso interesse per i giocattoli;
  • fa più sonnellini, si affida più spesso;
  • è diventato rumoroso, miagolando più spesso senza una ragione apparente;
  • divenne irrequieto, pauroso, aggressivo;
  • hai l'impressione che si stia dimenticando.

Se noti questi o simili cambiamenti comportamentali nel tuo gatto, consulta il tuo veterinario.

Cerca di chiarire eventuali dubbi o perplessità, se hai domande, chiedile nel modo più dettagliato possibile.

Cambiare il comportamento di un gatto anziano

Se il gatto mostra da tempo un comportamento completamente diverso, è diventato "scontroso", nervoso, persino aggressivo, capita che si aggiri senza meta, miagolando e piangendo allo stesso tempo, può essere più grave dei semplici problemi mentali.

Segnalalo a un medico che valuterà se c'è qualcosa di cui preoccuparsi.

Se ti stai ancora chiedendo quali anomalie nel tuo gatto dovrebbero farti prestare molta attenzione, di seguito è riportato un breve elenco di condizioni e disturbi a cui un gatto anziano potrebbe essere predisposto.

Demenza senile e disfunzione cognitiva

Tutte le normali funzioni del cervello, come l'apprendimento o il ricordo, sono significativamente indebolite nella vecchiaia.

Proprio come negli umani, un gatto può diventare sempre più confuso e confuso.

Si stima che la compromissione delle funzioni cognitive colpisca circa 55% gatti invecchiati 11 - 15 anni e oltre 80% gatti invecchiati 16 - 20 anni.

I sintomi della demenza in un gatto includono:

  • Confusione: l'animale può perdersi, sentirsi insicuro in luoghi familiari.

Il gatto può guardare nello spazio, vagare senza meta o in qualche fessura in cui rimane incastrato e non può uscire da solo. La confusione può colpire fino al 40% dei gatti di età pari o superiore a 17 anni.

Come puoi aiutare un gatto che non si sente sicuro??

Il modo migliore è garantire che l'ambiente sia coerente e prevedibile e che tu segua il programma stabilito e familiare del tuo gatto nel modo più coerente possibile.

Queste attività quotidiane di routine daranno al tuo animale domestico un senso di sicurezza.

Cerca di evitare cambiamenti nelle attività standard, non modificare la dieta, la posizione delle ciotole o dei cestini.

Servi i tuoi pasti ad orari prestabiliti.

Se il tuo gatto si trova in uno spazio ampio e vedi che in alcune parti della tua casa si sente poco familiare e a disagio, tienilo in un'area relativamente piccola.

È importante che l'animale si senta a suo agio, al sicuro e a suo agio nel suo ambiente, e allo stesso tempo abbia a disposizione tutti gli elementi necessari.

  • Cambiamenti nelle interazioni sociali e ambientali.

Da un lato, molti gatti anziani diventano meno interessati al contatto con il loro conduttore, altri membri della famiglia o animali domestici, potrebbero voler isolarsi, cercare pace e tranquillità, nascondersi.

Succede anche che i gatti riservati e riluttanti al contatto diventino estremamente affezionati alle carezze, molto dipendenti dal guardiano e persino non lo lasciano mai.

  • Meno attività fisica, a volte anche apatia.

I gatti - per natura dotati di un forte istinto di esplorare ed espandere il loro territorio - hanno sempre meno probabilità di esplorare e rispondere agli stimoli ambientali nella loro vecchiaia.

Questo include anche la tua toelettatura, la pulizia del pelo e persino il mangiare.

  • Cambiamenti nel modello di sonno / veglia, come. dormire di giorno, irrequietezza e insonnia di notte.

Girovagare per casa di notte, insieme a miagolii rumorosi, diventa la vita di tutti i giorni.

Durante il giorno, invece, il gatto fa spesso un pisolino.

Ci possono essere molte ragioni per questo, che vanno dalle conseguenze naturali di disturbi già esistenti (es. problemi di udito e/o vista possono influenzare la profondità del sonno di un gatto o problemi con la localizzazione della lettiera o delle ciotole possono contribuire al vagabondaggio notturno), attraverso anomalie somatiche come ipertiroidismo, malattie renali o diabete.

Quindi, se noti comportamenti anomali e disturbi del ritmo giorno/notte nel tuo animale domestico, assicurati di consultare il tuo veterinario per motivi medici per ansia, disturbi del sonno e della veglia e cambiamenti nella gestione dei bisogni fisiologici.

Nel frattempo, puoi provare a stabilire una normale routine quotidiana, incoraggiando il residente ad essere più attivo durante il giorno.

Coinvolgilo in alcune attività serali, come. gioco.

Tale aumento del dispendio energetico dovrebbe far dormire meglio il vecchio la notte.

  • Vocalizzazione eccessiva.

I gatti più anziani possono essere rumorosi per una serie di motivi, tra cui malattie, dolore, deterioramento cognitivo e perdita dell'udito.

Naturalmente, il primo passo dovrebbe essere quello di portare l'animale da un veterinario che escluderà (o confermerà) la presenza di malattie più gravi.

Se si scopre che miagolii e gemiti eccessivi (soprattutto di notte) sono causati da processi senili, è possibile iniziare il trattamento.

I feromoni per gatti sotto forma di diffusori o spray e/o farmaci ansiolitici funzionano bene inizialmente.

Tuttavia, chiedi consiglio a un comportamentista che può aiutarti a gestire i gatti che vocalizzano eccessivamente.

Ricorda, tuttavia, che ammonire o mostrare frustrazione al tuo rione non ti aiuterà in alcun modo e aggraverà solo la paura e la confusione.

  • Problema uditivo.

Se il gatto non reagisce al tuo richiamo, e con suoni più forti e improvvisi, è molto facile spaventarlo?

Molto spesso, la perdita dell'udito si nota tardi e i primi sintomi sono associati piuttosto all'aggressività.

Ciò è dovuto al fatto che l'animale è molto spesso spaventato: semplicemente non sente quando ti avvicini e un tocco improvviso può farlo sentire minacciato.

La reazione naturale in tali situazioni è attaccare.

Naturalmente, tali situazioni dovrebbero essere consultate con un veterinario, ma puoi provare ad agire ora.

Se sospetti che il tuo gatto abbia una perdita uditiva, prova a fargli sapere in anticipo che sei lì, ad es. accendendo e spegnendo più volte la luce nella stanza in cui entri, calpestando o battendo forte le mani.

Il gatto può percepire le vibrazioni, quindi anche con problemi di udito, dovrebbe notare la tua presenza.

  • Dimenticare le abitudini apprese in precedenza.

Dimenticando abitudini che erano loro molto familiari, come. posizione della lettiera o delle ciotole per il cibo, problemi di riconoscimento di persone o animali familiari, inquinamento della casa, cura di cose fuori dalla lettiera, in zone molto insolite (es. a letto, in sala da pranzo).

Molti proprietari di gatti anziani scoprono che i loro animali domestici sono diventati pigri o dispettosi perché vanno a letto.

Tuttavia, ciò potrebbe essere dovuto al fatto che hanno difficoltà a localizzare o entrare nella lettiera.

  • Ansia, arrabbiarsi facilmente, aggressività.

Il gatto può essere molto irrequieto, persino irritabile.

Miagola più spesso e più forte con un tono che non sopporta alcuna obiezione.

Nei gatti anziani, l'ansia può essere avvertita soprattutto di notte.

Quindi può derivare dalla paura della separazione dai membri della famiglia (è parecchio tempo in cui tutti dormono - il vecchio potrebbe essere preoccupato per tale solitudine) o problemi nel trovare ciotole o cestini per i rifiuti al buio.

Il gatto può essere rumoroso, miagolare, stare sopra la testa del suo proprietario e fare le fusa ad alta voce, chiedendo attenzione.

Se il veterinario non trova ragioni mediche per questo, può introdurre farmaci ansiolitici.

Prima di ciò, tuttavia, si consiglia di contattare un comportamentista che possa suggerire altre soluzioni meno gravose a questo problema.

È estremamente importante comprendere i processi e i cambiamenti che subisce il tuo gatto che invecchia.

Questo può aiutare, sia te che il tuo animale domestico, ad affrontare problemi e comportamenti che insorgono in età geriatrica.

Non dovresti presumere in anticipo che se il tuo animale domestico sviluppa questo tipo di disturbo, è l'unico effetto dell'invecchiamento e non c'è niente che tu possa fare al riguardo per aiutarlo.

Accade spesso che alcuni cambiamenti nel comportamento siano il risultato di disturbi della malattia sottostanti, quindi dovresti sempre segnalare i sintomi osservati al tuo veterinario.

Quindi, se il tuo animale domestico mostra uno dei sintomi elencati in questo paragrafo, dovresti cercare di escludere qualsiasi possibile malattia che potrebbe causare questo tipo di comportamento anomalo.

Praticamente uno qualsiasi di questi sintomi può essere causato da problemi medici come:

  • dolore (es. per problemi dentali, degenerazione articolare),
  • malattie renali,
  • diabete,
  • ipertensione e molti altri.

Quando tutte le cause cliniche sono state escluse e i cambiamenti comportamentali esistenti non sono comparsi molti anni prima, vengono attribuiti agli effetti dell'invecchiamento nel cervello.

In effetti, se è il cambiamento del comportamento del tuo gatto a essere causato da una disfunzione cognitiva, viene introdotto un trattamento appropriato.

Si basa principalmente sull'adeguamento dell'ambiente alle mutevoli esigenze del gatto, nonché sul mantenimento di determinate attività di routine relativamente costanti e invariate.

In alcuni casi, può essere preso in considerazione un trattamento farmacologico, ad es. con l'uso di selegilina cloridrato (da usare come aiuto nei casi lievi di demenza) o ansiolitici.

Inquinare la casa

Inquinamento della casa da gatto anziano

In una situazione in cui il tuo residente ha rinunciato a usare la lettiera e trovi costantemente sintomi di questa decisione (più o meno consapevole) in diversi punti della casa, dovrebbe essere esaminato attentamente da un veterinario.

Ci sono molte cause di minzione e feci errate, inclusi problemi medici.

Quindi ogni tipo di diminuzione della sensibilità, disfunzioni neuromuscolari che colpiscono le capacità motorie, tumori cerebrali, insufficienza renale, disfunzioni del sistema endocrino - in breve, dovrebbe essere escluso qualsiasi disturbo che aumenti la frequenza della minzione e/o delle feci o limiti il ​​controllo su questi processi.

I motivi medici più comuni per cui un gatto inquina una casa:

  • Infezioni del tratto urinario.

Se hai notato che il tuo gatto sta cercando di entrare nella lettiera ma esce dalla lettiera e si prende cura di lui, potrebbe essere un'infezione del tratto urinario.

Questo è particolarmente vero quando urini poco ma spesso.

  • Cistite idiopatica.

Lo stesso vale per la cistite idiopatica, in cui, oltre agli evidenti problemi di minzione, vengono in primo piano comportamenti disturbanti del gatto, come apatia, leccate frequenti intorno alla bocca dell'uretra, miagolii e irrequietezza.

Succede anche che il sangue appaia nelle urine.

  • Calcoli uretrali e/o ostruzione

I calcoli uretrali e/o l'ostruzione dell'uretra sono una condizione in cui, a causa di un blocco nel modo in cui conduce l'urina, è difficile urinare, e talvolta anche completamente prevenuta.

Questa è una condizione pericolosa e dolorosa che dovrebbe essere consultata con un veterinario il prima possibile.

Il gatto è molto ansioso, evita il contatto, spesso teso, miagola e piange.

  • Importanza dell'urina.

L'urina può essere altri disturbi non patologici.

Questo è relativamente facile da vedere perché il gatto segna l'area in modo leggermente diverso.

Bene, molto spesso spruzza semplicemente superfici verticali all'interno del suo territorio.

Questi possono essere muri, fiori in vaso in piedi, sedie, ecc.

Sta accanto a un tale oggetto con il corpo dritto, alza la coda e spruzza l'urina sulla superficie data.

La quantità di urina rilasciata in questo modo è solitamente inferiore rispetto alle normali minzioni.

Se il medico non conferma alcuna causa sanitaria tangibile di sporcare la casa, molto probabilmente è causata dai processi di invecchiamento.

Ci sono consigli che possono essere utili in questa situazione??

Per evitare che il tuo gatto inquini la tua casa

  • Aumenta il numero di lettiere per gatti disponibili.
    Posizionali su ogni piano della casa in modo che non debba salire o scendere le scale per prendersi cura dei suoi bisogni fisiologici.
  • Le lettiere dovrebbero essere sempre nello stesso posto e anche le nuove scatole dovrebbero essere posizionate in luoghi che piacciono particolarmente al tuo gatto.
  • La lettiera dovrebbe essere facile da inserire, preferibilmente con i lati bassi.
    I gatti più anziani possono soffrire di problemi articolari e cercare di entrare in un contenitore alto può essere doloroso, il che diventa un'associazione spiacevole. In questa situazione, il gatto potrebbe non usare il bagno.
  • I gatti amano la pulizia e possono rifiutarsi di usare una lettiera di discutibile "freschezza".
    Inutile dire che la contaminazione dalla lettiera dovrebbe essere successivamente rimossa e l'intero contenuto dovrebbe essere sostituito almeno una volta alla settimana insieme a un'accurata pulizia e disinfezione della lettiera.
  • La maggior parte dei gatti preferisce una lettiera fine e inodore.
  • Le lettiere dovrebbero essere in un luogo tranquillo, ma non chiuso.
    Ai gatti piace osservare le persone o gli animali che si avvicinano in modo che possano fuggire rapidamente dalla lettiera se necessario. Tuttavia, ricorda di non mettere il contenitore dei rifiuti in luoghi di "transito" - questo potrebbe stressare un anziano povero e si rifiuterà di usare un posto del genere.
  • Evitare di posizionare le lettiere vicino a luoghi rumorosi, ad es. vicino a una lavatrice o asciugatrice.
  • Se stai usando lettiere coperte, prova a rimuovere le coperture per un po' e vedi se il tuo gatto è convinto di questo tipo di soluzione.
    A volte i gatti più anziani, nonostante utilizzino questo tipo di servizi igienici da anni, a un certo punto sviluppano una paura irrazionale delle stanze chiuse.
    Questo non è raro negli animali che vengono trasportati in contenitori chiusi a causa delle frequenti visite dal veterinario. Nel tempo, sviluppano un'avversione per gli oggetti simili ai trasportatori.
  • Se il tuo gatto ha scelto un luogo specifico per prendersi cura dei suoi bisogni, metti una lettiera in questi luoghi.
    Se questo non è possibile, cerca di fargli perdere la sua attrattiva ai suoi occhi.
    Prima di tutto, lavare accuratamente la superficie dove si verificano incidenti con detergenti non profumati.
    A volte è possibile eliminare il saccheggio in tali luoghi fornendo accesso alla luce.
    Un'altra soluzione è mettere lì ciotole di acqua e cibo o i tuoi giocattoli preferiti (anche i gatti più grandi evitano di mangiare e accatastarsi nello stesso posto).
    Un'altra soluzione può essere la pellicola frusciante o il nastro biadesivo autoadesivo incollato su una superficie specifica.

Maggiore sensibilità alle variazioni di temperatura

Le capacità di termoregolazione del tuo animale domestico si indeboliscono con l'età.

Un gatto anziano può essere più sensibile alle basse temperature ambientali, quindi non sorprenderti se ora cercherà più spesso un pisolino in luoghi più caldi e potrebbe anche cambiare le sue preferenze di habitat.

Puoi trovare il tuo gattino più spesso in luoghi insoliti, ad es. nell'armadio tra i vestiti o sepolto sotto il piumone.

Se noti questi tipi di segni, puoi provare ad aiutare la persona a cui tieni.

Modifica l'habitat attuale del gatto in modo che abbia calore e possa usarlo volentieri.

Fornire coperte calde, cuscini e, se necessario, ombra dal mondo esterno.

Puoi acquistare cabine per gatti già pronte in un negozio di animali o costruire un comodo letto a tua discrezione.

Sei limitato solo dalla tua immaginazione e, naturalmente, dalle preferenze di un anziano peloso.

Ricorda, tuttavia, che nascondersi, cercare luoghi caldi e isolarsi possono anche essere sintomi di malattia, quindi assicurati di consultare questo tipo di comportamento con il tuo veterinario.

Costipazione in un gatto anziano

Costipazione in un gatto anziano

È un disturbo abbastanza comune nei gatti anziani, derivante dall'indebolimento della funzione intestinale, dalla limitazione dell'attività (ad es. a causa di condizioni degenerative articolari) e insufficiente assunzione di acqua.

Inoltre, nei gatti a pelo lungo, l'ingestione di una quantità significativa di peli durante la toelettatura può contribuire a problemi di defecazione.

I sintomi della stitichezza possono includere una ridotta frequenza di defecazione, sforzo e forte pressione per defecare e possibile disagio significativo e persino dolore e vocalizzazione durante la defecazione.

Più tempo dura il processo, peggio il gatto si sente, diventa letargico, perde l'appetito e può anche sviluppare altri sintomi, come. vomito (se il gatto ha completamente trattenuto le feci).

In tali situazioni, dovresti contattare il tuo veterinario per introdurre il trattamento e adattare la dieta ai problemi esistenti.

Molto spesso, la stitichezza può essere risolta aumentando la quantità di fibre nella dieta, aumentando la quantità di acqua assorbita, favorendo un aumento del movimento e talvolta accorciando il pelo nei gatti a pelo lungo.

Occasionalmente può essere necessario somministrare lubrificanti (es. paraffina liquida) o farmaci che aumentano il volume delle feci, ad es. lattulosio.

Quest'ultimo dovrebbe essere usato con cautela nei gatti diabetici.

Come supporto dietetico, vale la pena aggiungere al cibo un cucchiaio di riso o crusca d'avena.

Anche i semi di zucca in polvere, aggiunti 1-2 cucchiaini al cibo, funzionano alla grande.

Tuttavia, dovresti sempre consultare un veterinario per un disturbo della defecazione.

Perdita dell'udito

La sordità nei gatti è molto difficile da individuare poiché compensa i deficit uditivi con altri sensi.

Tuttavia, questi tipi di carenze e limitazioni sono abbastanza comuni nei gatti anziani.

Quindi, come puoi sapere se un gatto è sordo??

  • L'animale non risponde al tuo richiamo o al rumore forte.
    Molti proprietari attribuiscono questo alla lentezza o addirittura alla pigrizia del gatto, senza rendersi conto che il gatto in realtà non sente.
  • Il gatto si spaventa facilmente.
    Ad esempio, in una situazione in cui dorme, ti avvicini a lui parlando, e lui reagisce rompendosi rapidamente solo quando lo tocchi. Questo comportamento può indicare una disabilità uditiva.
    I gatti udenti sono raramente sorpresi, quindi se noti un tale sintomo nel tuo animale domestico, prova a eseguire alcuni test aggiuntivi con lui. Può essere, per esempio. battere le mani dietro la testa (quando il gatto non guarda e non sa che lo stai solo controllando). Durante questo periodo, osserva il movimento delle orecchie del gatto e la sua reazione al suono improvviso e inaspettato. Se non noti nessuna delle risposte attese dal tuo gatto, la presunzione di sordità diventa molto probabile. Puoi anche arrugginire la confezione del tuo dolcetto preferito o cibo per gatti, o aprire la porta del frigorifero. Molti gatti sono molto sensibili a questi suoni e compaiono immediatamente accanto ai loro proprietari.
  • Inoltre, se il tuo gatto è diventato insolitamente rumoroso di recente, questa potrebbe essere la prova di una disabilità uditiva.
    Il sintomo visibile (o effettivamente udibile) più comune è un miagolio forte che dà l'impressione di essere esagerato. Questo perché il gatto non può sentire se stesso.
  • La sordità è spesso accompagnata da:
    • vertigini,
    • confusione,
    • ansia,
    • paura.

Possono influenzare lo sviluppo della perdita dell'udito di un gatto malattie dell'orecchio, i cui sintomi più comuni sono:

  • intenso scuotimento della testa,
  • prurito all'orecchio, grattamento, sfregamento, grattamento,
  • scarico dai condotti uditivi (può essere di varia consistenza e colore, il più delle volte marrone scuro, secco, che ricorda i fondi di caffè o giallastro, purulento, con un cattivo odore).

Malattie dei denti dei gatti anziani

Succedono abbastanza spesso nei gatti più anziani.

Pertanto, prendersi cura delle condizioni dei denti, compresi regolari controlli dentistici, spazzolatura dei denti e osservazione di eventuali cambiamenti nella cavità orale (ad es. arrossamento delle gengive, presenza di tartaro) sono una delle problematiche più importanti nella cura di un gatto anziano.

Diabete in un gatto

Diabete in un gatto

Il diabete in un gatto ama accompagnare animali in sovrappeso o obesi (soprattutto gatti maschi) e di solito compare nella mezza età o nella vecchiaia.

I sintomi del diabete sono molto simili a quelli di altre malattie.

Sintomi del diabete in un gatto:

  • poliuria,
  • aumento della sete,
  • aumento dell'appetito durante la perdita di peso,
  • debolezza, letargia, apatia,
  • vomito,
  • aumento della suscettibilità alle infezioni (più spesso infezioni della pelle o del tratto urinario).

Se il diabete viene scoperto precocemente, è molto più facile gestirne gli effetti negativi.

Pertanto, più ti incoraggio a monitorare la salute del tuo gatto più spesso e a fare regolari esami del sangue.

Obesità in un gatto anziano

Obesità in un gatto

Il sovrappeso o l'obesità sono spesso un fastidio per i gatti più anziani.

In molti casi, accompagnano malattie generali come:

  • diabete,
  • La malattia di Cushing,
  • problemi con il sistema urinario.

Sfortunatamente, i chili in eccesso sono una sorta di circolo vizioso: i gatti in sovrappeso sono meno inclini all'esercizio, il che contribuisce a un calo ancora maggiore dell'attività e all'aumento di peso.

E viceversa - l'obesità predispone a molte malattie, come il diabete, le malattie delle articolazioni, del pancreas, del fegato e del cuore.

Pertanto, se al tuo gatto non è stata ancora diagnosticata alcuna malattia che spieghi l'aumento di peso, è molto probabile che stia semplicemente consumando troppe calorie per quello di cui ha bisogno.

Per rimediare a questo, ci sono tre opzioni.

Puoi sceglierne uno (preferibilmente) o combinarli tutti, a seconda delle tue possibilità.

Prevenzione dell'obesità nel gatto

  1. Dai da mangiare al tuo gatto una dieta a basso contenuto di carboidrati e grassi.
    Una dieta meno energetica, ma con un contenuto proteico ottimale di per sé, può far perdere peso gradualmente al tuo gatto.
    Se è ulteriormente arricchito con fibre, ridurrà ulteriormente il suo potere calorifico.
  2. Dai meno cibo al tuo gatto.
    È ovvio che ridurre la razione di cibo prima o poi porterà alla perdita di peso. Non devi ridurre drasticamente i tuoi pasti subito; devi solo sottrarre il 10% del volume da ogni porzione.
    Perdere peso per un gatto non può essere veloce, dovrebbe perdere peso regolarmente e sistematicamente, ma senza pregiudizio per la sua salute.
  3. Influenza l'attività del tuo gatto per aumentare.
    Puoi incoraggiare il tuo animale a muoversi usando giocattoli, un puntatore laser, introducendo nuovi mobili e ostacoli in casa e portandolo a spasso al guinzaglio.
    Abbina l'attività alle sue capacità e disponibilità. Tuttavia, ricorda di non spingere troppo forte. Anche pochi minuti di sforzo, ma trattati dal gatto come un gioco, alla lunga saranno più efficaci di un gioco faticoso fino a quando non sarà senza fiato, cosa che il gatto non vorrà mai ripetere.

Ghiandola tiroide iperattiva

Ipertiroidismo in un gatto

Di norma, l'ipertiroidismo compare nei gatti di età superiore ai 10 anni.

C'è un disturbo nel funzionamento della ghiandola tiroidea sotto forma di eccessiva produzione dei suoi ormoni e uno dei sintomi è una significativa accelerazione del tasso metabolico.

I sintomi possono variare in gravità da animale ad animale.

I sintomi di una tiroide iperattiva in un gatto

  • Aumento dell'appetito non accompagnato da aumento di peso. C'è anche una notevole perdita di peso.
  • È anche possibile aumentare la sete.
  • Cambiamenti nel comportamento del gatto. Il caregiver riferisce al medico che il suo cliente è diventato iperattivo, nervoso, rumoroso, a volte c'è un'aggressività ingiustificata. Succede che i gatti smettano di usare la lettiera e si prendano cura dei loro bisogni in posti casuali.
  • vomito.
  • Diarrea.
  • Cambiamenti nell'aspetto del mantello, cattive condizioni del mantello. Diventa noioso, opaco.
  • Ipertensione, soffi cardiaci, aumento della frequenza cardiaca.
  • All'esame clinico, uno o entrambi i lobi della ghiandola tiroidea possono essere ingranditi, o anche la presenza di un nodulo al suo interno.

Vale sempre la pena segnalare tali sintomi a un veterinario.

Se viene rilevata una ghiandola tiroide iperattiva relativamente presto, i sintomi possono risolversi rapidamente dopo l'inizio del trattamento e il gatto ritorna al suo stile di vita e comportamento naturali.

Tuttavia, se non trattata, una ghiandola tiroide iperattiva può danneggiare gli organi interni, il che influisce già in modo significativo sull'aspettativa di vita del paziente.

Problemi ai reni

Insufficienza renale in un gatto

Uno dei maggiori problemi nei gatti anziani sono i problemi ai reni.

Purtroppo questo è uno dei problemi più comuni che affliggono i gatti, soprattutto negli anziani.

Il fatto triste è che se si verifica l'insufficienza renale, nella stragrande maggioranza dei casi è incurabile e progressiva.

L'insufficienza renale cronica richiede molti anni per vivere i gatti e bisogna fare di tutto per prevenirla.

Sintomi di disfunzione renale di gatto

  • aumento o diminuzione della sete; questo dipende in gran parte dallo stadio dell'insufficienza renale, tuttavia nei gatti si nota generalmente un aumento dell'assunzione di liquidi;
  • passare più urina;
  • scarso appetito o sua completa assenza;
  • perdita di peso;
  • stipsi;
  • perdita di massa muscolare;
  • cattiva condizione dei capelli;
  • vomito;
  • letargia;
  • depressione;
  • alito cattivo.

Se riferisci al medico che il tuo gatto ha questi sintomi, sicuramente vorrà prima escludere la malattia renale.

È molto importante che tu guardi il tuo animale domestico, poiché nelle prime fasi dell'insufficienza renale, puoi supportare il tuo gatto con il trattamento e la dieta giusti.

Idealmente, questi sintomi non dovrebbero apparire affatto e regolari esami del sangue e delle urine hanno rassicurato sia te che il medico che il tuo amico anziano sta bene.

Tumori negli anziani felini

Sfortunatamente, i tumori sono comuni nei gatti anziani e molti compaiono soprattutto in età avanzata.

Esistono molti tipi di tumori che possono colpire i gatti, da lievi, completamente innocui a molto maligni, senza dare al gattino una possibilità migliore.

Pertanto, vale la pena mostrare ogni anomalia, anche il più piccolo nodulo, al medico che dovrebbe cercare di determinarne il tipo e la natura.

La maggior parte delle lesioni neoplastiche rilevate in una fase precoce sono curabili.

Segni di un tumore in un gatto anziano

  • Lesioni cutanee o vari tipi di deformità o ulcere non cicatrizzanti che possono essere localizzate quasi ovunque nel corpo. Questi tipi di segni sono molto comuni nei tumori cancerosi nei gatti.
  • I sintomi rimanenti possono variare, a seconda della posizione e dell'organo interessato dal tumore. Quindi si può vedere:
    • apatia, riluttanza a camminare,
    • mancanza di appetito,
    • vomito,
    • diarrea,
    • aumento della sete,
    • poliuria,
    • pessime condizioni del cappotto,
    • difficoltà a deglutire,
    • la presenza di ferite o ulcere che non guariscono nonostante il trattamento,
    • sanguinamento o secrezione anormale,
    • problemi respiratori,
    • problemi nel passaggio di feci o urina.

Infiammazione o degenerazione delle articolazioni

Contrariamente alle apparenze, queste condizioni non sono riservate solo ai cani, sebbene si trovino molto spesso in loro.

Anche i gatti ne soffrono artrite e molto più spesso di quanto pensiamo.

Tuttavia, a causa del fatto che sono creature molto riservate, raramente mostrano sintomi evidenti di disturbi motori.

Molti caregiver semplicemente non sanno che i loro affidati soffrono di dolore e tutte le limitazioni di attività, la mancanza di volontà di giocare e il ricorso più frequente sono attribuiti all'età.

Sì, l'età ha molto a che fare con questo, ma la causa principale della riluttanza del tuo gatto a muoversi può essere un'infiammazione dolorosa o una degenerazione delle articolazioni.

Sintomi di problemi articolari degenerativi o infiammatori

  • cambiamento di comportamento del gatto:
    • brontolone, riluttanza al contatto, ridotta tolleranza per quanto riguarda il grooming o l'accarezzamento,
    • nervosismo e persino aggressività, che può causare disagio o dolore alle articolazioni,
    • meno interesse per il gioco, nessun desiderio per qualsiasi attività,
    • difficoltà a mantenersi puliti, specialmente nella parte posteriore del corpo,
  • la rigidità degli arti, avvertibile soprattutto dopo il riposo, dopo "divergenza", secondo il proprietario, è molto migliore;
  • zoppia;
  • rigidità mattutina;
  • riluttanza a salire, saltare;
  • zoppia.

Se, inoltre, il gatto è in sovrappeso, il peso potrebbe peggiorare artrite, pertanto, è estremamente importante garantire che l'animale abbia un peso corporeo sano.

Ogni chilogrammo in più carica solo inutilmente le articolazioni già malate.

Pertanto, assicurati che il tuo allievo abbia abbastanza esercizio, cerca di incoraggiarlo a giocare, diversifica anche il solo fatto di procurarti il ​​cibo.

Le condizioni articolari degenerative sono condizioni che non si ritireranno, ma bilanciando correttamente la dieta, mantenendo un peso corporeo adeguato e supportando la terapia, è possibile "gestire " questa malattia in modo così efficace che la vita con essa diventerà meno dolorosa e più attiva.

Per aiutare il tuo gatto che soffre di infiammazione o degenerazione delle articolazioni a funzionare quotidianamente, ci sono alcune considerazioni importanti:

  1. Fornisci al tuo gattino una lettiera grande con un ingresso basso e lati alti con una lettiera più fine;
  2. Fornisci rampe e pianerottoli per facilitare l'accesso ai luoghi preferiti del tuo gatto;
  3. Fornisci una tana morbida con un cuscino più grande.

Problemi gastrointestinali

Condizioni infiammatorie dell'intestino, indicato come il nome IBD (malattia infiammatoria intestinale) può comparire in gatti di qualsiasi età.

Si presentano come disturbi digestivi e possono anche richiedere un trattamento per tutta la vita.

I sintomi sono molto aspecifici e spesso portano al sospetto di altre malattie.

Sintomi IBD di ukota

  • diarrea,
  • vomito,
  • perdita di peso,
  • mancanza di appetito.

Pancreatite in un gatto

La malattia viene spesso diagnosticata nei gatti anziani.

Sintomi di pancreatite in un gatto

  • mancanza di appetito (che è comune nelle persone anziane e senza pancreatite),
  • vomito,
  • diarrea,
  • stipsi,
  • forte apatia,
  • dolore addominale.

Nei gatti, la pancreatite più comune è una componente della cosiddetta. triadite, questo è il complesso:

  • infiammazione del pancreas,
  • infiammazione delle vie biliari,
  • IBD.

In questo caso, potrebbero esserci anche ulteriori:

  • ittero,
  • salivazione,
  • compromissione della coagulazione del sangue e altri.

Quindi puoi vedere che il processo è generalizzato e molto pericoloso.

Questa condizione non deve essere sottovalutata, in quanto può portare a molte conseguenze negative, come ad esempio sepsi, ascessi e necrosi pancreatica o anche diabete.

Ipertensione in un gatto anziano

Apatia e stanchezza possono essere segni di ipertensione nel tuo gatto

È una condizione che accompagna molte malattie, soprattutto quelle che si manifestano in età avanzata.

Quindi, insufficienza renale, malattie cardiache e persino una ghiandola tiroide iperattiva possono aumentare la pressione sanguigna.

L'ipertensione può anche verificarsi da sola senza una ragione apparente.

È importante essere in grado di riconoscere i sintomi dell'ipertensione in quanto può essere pericolosa, soprattutto per organi come occhi, reni, cuore e cervello.

I sintomi dell'ipertensione del gatto

  • cecità,
  • cambiamenti all'interno dell'occhio, come sanguinamento,
  • forte ansia,
  • confusione,
  • vocalizzazione (soprattutto di notte),
  • convulsioni.

A volte i sintomi dell'ipertensione non sono fortemente espressi e vengono rilevati "accidentalmente" - durante i controlli.

È molto importante stabilizzare la pressione sanguigna il prima possibile.

In molti casi, il successo della terapia dipenderà dalla gravità della malattia sottostante, ma prima viene diagnosticata l'ipertensione, maggiori sono le possibilità di introdurre una terapia efficace.

Succede anche che l'ipertensione complichi il decorso delle malattie che la causano e senza l'appropriata azione a due vie è impossibile controllare nessuna di queste condizioni.

Pertanto, misurare la pressione sanguigna dovrebbe essere un test obbligatorio in qualsiasi gatto anziano.

Malattie cardiache nei gatti

Quali sono i sintomi della malattia cardiaca del gatto??

Tra le malattie cardiache nei gatti anziani, è l'unità di punta Cardiomiopatia ipertrofica.

Sintomi di cardiomiopatia ipertrofica in un gatto

  • stanchezza veloce,
  • respirando con la bocca aperta,
  • problemi agli arti, come. paresi causata da coaguli nei grandi vasi sanguigni.

Molti veterinari eseguono già di routine esami cardiaci nei gatti anziani, spesso in combinazione con misurazioni della pressione sanguigna e dell'ormone tiroideo.

Malattia del fegato

Una delle conseguenze più comuni di un disturbo dell'appetito e, soprattutto, del rifiuto del cibo è fegato grasso.

Tuttavia, i gatti più anziani possono anche sviluppare altre malattie che colpiscono questo organo, come l'epatite e la colangite.

A volte è necessaria una biopsia epatica con ago sottile per diagnosticare chiaramente la malattia.

Nei gatti anziani, i disturbi epatici possono anche essere associati a tumori maligni delle vie biliari e/o del fegato.

Gestire un gatto anziano

Come puoi vedere, l'invecchiamento è gravato dal rischio di molte malattie e, inoltre, è pieno di alcuni cambiamenti comportamentali sfavorevoli.

C'è qualcosa che puoi fare - a parte ragioni mediche, ovviamente - per aiutare il tuo gatto??

Come puoi migliorare o migliorare le condizioni della sua esistenza in modo che possa sentire il meno possibile il tempo che passa??

Ci sono molte cose che ti possono interessare.

Microchip

Una delle questioni molto importanti è prendersi cura della sua sicurezza.

Se il tuo gatto è ancora fuori ed entrambi non puoi immaginarlo diversamente, chip il tuo gatto.

Grazie a questo, in caso di smarrimento o confusione, sarà facile ritrovare il gattino.

Posti comodi in casa

Il tuo gatto ha sicuramente alcuni posti preferiti in casa per oziare.

Forse ora - a causa della ridotta efficienza, ha dovuto rinunciare ad alcuni di loro.

Tuttavia, puoi aiutarlo a mantenere le sue abitudini attuali.

Tutto quello che devi fare è facilitare l'accesso a questi luoghi preferiti posizionando rampe, sgabelli o sedie appropriati in modo tale che il gattino possa scavalcarli comodamente e in sicurezza.

A volte è sufficiente mettere un tappeto o un tappeto che dia stabilità all'animale e gli permetta di saltare su superfici situate sopra.

Inoltre, non dimenticare di proteggere il tuo gatto da possibili cadute: potrebbe essere una buona idea posizionare cuscini o tappetini morbidi sotto i davanzali delle finestre o nelle aree che il tuo animale domestico preferisce.

I gatti possono cadere non solo perché hanno problemi motori, ma anche a causa di errori nei "calcoli" - non sono più in grado di determinare con precisione le distanze e spesso i tentativi di salto finiscono per cadere.

Fornire una lettiera adatta

Poiché alcuni tipi di lettiera sono perfetti per animali giovani e adulti, ma del tutto inadatti a quelli più grandi, a causa delle pareti laterali o degli edifici alti, prova a vedere come usa la lettiera il vecchio.

Se noti problemi nell'uso del bagno, cerca di affrontare questo tipo di inconveniente.

La soluzione potrebbe essere vassoi inferiori con lettiera morbida e non irritante che il tuo gattino accetterà.

È meglio se metti 2 o 3 di queste lettiere a casa (a seconda delle dimensioni dell'area del tuo animale domestico) in luoghi tranquilli e sicuri per l'animale.

I gatti a una certa età stanno diventando sempre più dipendenti dal loro padrone - anche quelli che escono possono avere problemi con le coccole all'aperto, e queste cose portano a casa.

Il motivo potrebbe essere altri gatti selvatici che vivono all'aperto e attaccano il loro parente più anziano, in inverno: terreno duro e asciutto che impedisce l'interramento di escrementi, pioggia che scoraggia le passeggiate o accrescimenti comportamentali.

Indipendentemente dal motivo, il tuo gatto deve sentirsi bene e i posti giusti per prendersi cura dei suoi bisogni fisiologici miglioreranno sicuramente il comfort della vita del tuo animale domestico.

Dieta adeguata

Si tratta di una questione estremamente importante, la cui omissione può avere conseguenze disastrose.

Un'alimentazione adeguatamente bilanciata, adeguata all'età e alle possibili malattie, è un fattore chiave nella cura della persona in cura.

Dovresti discutere la tua dieta con il tuo veterinario che sarà sicuro di selezionare il tipo di cibo appropriato in base a fattori quali:

  • attività,
  • età,
  • malattie di accompagnamento,
  • le tue opportunità finanziarie e di tempo e molto altro ancora.

In generale, la dieta ottimale per i gatti anziani è quella con un alto contenuto di umidità, un contenuto di proteine ​​animali relativamente alto, un adeguato contenuto di grassi e carboidrati e un'aggiunta ottimale di minerali e vitamine.

Naturalmente, il tipo di alimento deve essere prima di tutto adattato alle condizioni attuali del gatto e alle eventuali malattie che l'accompagnano (es. le malattie renali richiedono meno proteine ​​e fosforo).

Una dieta umida - in scatola o preparata in casa - fornisce ai gatti un'acqua così preziosa che non possono assorbire da soli.

Una delle domande più frequenti negli studi veterinari è:

devo dare al mio gatto più anziano una dieta umida o secca??

È pienamente giustificato e molti medici si sentono ancora in imbarazzo quando devono affrontare inequivocabilmente questo importante problema.

Come mai?

Perché c'è un sacco di polemiche su questo problema.

Da un lato, il cibo secco commerciale del cosiddetto. il ripiano più alto copre perfettamente la richiesta dell'animale di tutti i nutrienti necessari.

Inoltre, molti medici hanno raccomandato questo tipo di cibo perché hanno notato che i gatti che masticano crocchette dure hanno denti molto più puliti, gengive più sane e meno problemi di obesità rispetto ai loro omologhi, che mangiano solo cibi morbidi.

Inoltre, secondo alcune osservazioni, il cibo secco è meno predisposto allo sviluppo dell'ipertiroidismo.

Attualmente, questa vista viene abbandonata.

Nonostante sia un alimento conveniente (basta metterlo in una ciotola), non si deteriora velocemente come il cibo umido, ed è più economico, ma non è un alimento naturale per gatti.

Ci sono alcuni svantaggi che a volte squalificano questo tipo di cibo.

Il cibo sotto forma di crocchette secche contiene spesso contenuto di carboidrati più elevato.

I produttori di cibo per gatti ricoprono ripetutamente piccole crocchette di grasso per aumentarne l'appetibilità.

Una conservazione impropria di tale cibo può far sì che i grassi diventino rapidamente rancidi, il che non solo porta a una diminuzione del contenuto di vitamine, ma è anche dannoso per il gatto.

Tuttavia, il problema più importante con l'alimentazione del cibo secco è il fatto che il gatto non consuma quasi mai la quantità equivalente di acqua contenuta nella dieta umida quando lo mangia.

Questo può influenzare problemi ai reni o alla vescica (precipitazione di cristalli).

Pertanto, ai gatti anziani sono consigliati cibi umidi, ed eventuali problemi dentali possono essere risolti lavandosi i denti regolarmente (con il consenso della persona interessata, ovviamente) o somministrando una piccola quantità di cibo secco a fine giornata.

A loro volta, i cibi in scatola lasciati nella ciotola hanno una freschezza molto più breve e si deteriorano molto rapidamente.

Tuttavia, con una corretta organizzazione della giornata e frequenti ispezioni delle ciotole, questo problema può essere rapidamente risolto.

Qualunque sia il tipo di cibo che scegli per il tuo gatto, prova a variare il cibo di volta in volta.

I gatti più anziani diventano schizzinosi; capita che per alcuni giorni o settimane mangino avidamente un determinato tipo di cibo, rassicurando il proprietario che a loro piace molto questo gusto, e dopo qualche tempo girano la testa con riluttanza.

Dovresti stare attento a questi tipi di comportamento e, in breve, accontentare il tuo gatto.

Non preoccuparti, dopo un po' l'animale molto probabilmente tornerà ai suoi sapori preferiti.

Alimento commerciale per gatti anziani

Se utilizzare diete commerciali già pronte progettate per gatti anziani?

È difficile rispondere a questa domanda in modo inequivocabile.

È strettamente dipendente dalle condizioni del gatto, dalla sua attività e dalle malattie associate.

I produttori di alimenti utilizzano alcune linee guida di base, come ad esempio:

  • riducendo la quantità di grassi e fosforo,
  • aumentare il contenuto di fibre, calcio, glucosamina, vitamina E e acidi grassi insaturi omega 6.

Va tutto bene, ma i gatti anziani sono accompagnati da molte condizioni patologiche e malattie che un tipo di cibo non può risolvere in alcun modo.

I pazienti geriatrici hanno una ridotta capacità di assorbire grassi e proteine.

Si stima che circa 50% gatti invecchiati 15 - 25 anni ha sottopeso.

Ciò può essere dovuto a gusto e odore ridotti, assorbimento intestinale alterato, problemi dentali o malattie associate.

Tuttavia, se il tuo gatto è magro, fai attenzione al cibo destinato ai gatti anziani.

Se, invece, il tuo gatto è incline alla stitichezza, aggiungi una paghetta fibra è molto disponibile.

Nei pazienti diabetici, invece, si sconsigliano quantità eccessive di carboidrati.

Pertanto, parla sempre con il tuo veterinario di una dieta per il tuo gatto.

Il cibo per gli anziani non deve essere dannoso, ma se c'è la necessità di introdurre una dieta medica specifica per il proprio gatto, è meglio consultare un medico veterinario e/o nutrizionista.

Il numero dei pasti e la modalità di assunzione

Un problema a parte è il numero di pasti e il metodo di assunzione.

Anche qui vale la pena migliorare l'accesso al cibo.

È meglio che il tuo animale si abitui a pochi posti dove troverà sempre acqua fresca e cibo.

Quindi alcuni assistenti mettono 2 o 3 set di ciotole in tutta la casa (ad es. in basso, al piano superiore, in terrazza) per assicurarsi che, indipendentemente dalla parte della casa in cui si trova il gatto, non debba percorrere distanze maggiori per raggiungere la ciotola.

Questo può essere considerato un'esagerazione da alcuni, ma lo è??

Ricorda: il tuo gatto lo fa circa 90 anni umani.

Permetteresti a un uomo così anziano di vagare per la casa per mangiare??

Molto probabilmente - se fosse un essere umano - la fatica di andare in cucina sarebbe sproporzionata al desiderio di saziare la propria fame; purtroppo molte persone anziane soffrono di malnutrizione proprio perché semplicemente non hanno la forza di andare in cucina a mangiare.

Giocare con un gatto anziano

Anche i gatti più grandi amano giocare, anche se questo non è così pronunciato come i loro parenti più giovani.

Tuttavia, non rinunciare a stimolare il tuo gatto a giocare.

Non usare giocattoli rumorosi e veloci per questo scopo, ma piuttosto prendi oggetti silenziosi con cui puoi giocare con il gatto e incoraggiarlo ad aumentare il movimento.

Una canna da pesca o una piuma su un bastone è un'ottima idea.

Un gatto non deve correre, ma allo stesso tempo anche solo il monitoraggio degli occhi o i movimenti delle zampe consentono una sorta di stimolazione manuale.

Affrontare le malattie

Man mano che il tuo animale invecchia, aumenta la probabilità che sviluppi una malattia.

Uno degli elementi più importanti - oltre all'osservazione e alla reazione rapida ovviamente - della cura del gatto è anche fornire tutte le informazioni necessarie al veterinario che si prende cura del tuo animale domestico.

Dovrebbe conoscere non solo i nuovi sintomi o i cambiamenti comportamentali, ma anche il tipo di cibo, attività, farmaci e integratori che dai al tuo gatto.

Questo è importante perché in situazioni di malattia, alcuni dettagli possono svolgere un ruolo essenziale nel processo di trattamento dell'animale.

Se è necessario introdurre determinati farmaci, il medico dovrà sapere che non interferiranno con i farmaci già assunti dal gatto.

Difficili decisioni di fine vita

Anche con le migliori misure di cura, prevenzione e cura, arriva un punto in cui l'animale non risponde più alla terapia e iniziano a comparire segni di sofferenza e stanchezza.

È importante riconoscere il punto in cui il trattamento diventa ingombrante e non porta alcun effetto positivo.

Discuti di questa situazione con il tuo veterinario e insieme elabori un piano di gestione che sia il migliore per il paziente.

Molti caregiver prima o poi devono prendere la decisione di interrompere il trattamento, ma il tempismo è sempre molto difficile.

I veterinari in una situazione del genere cercano di aiutare i proprietari a prendere una decisione ponendo loro le seguenti domande:

  • Osservi la sofferenza del tuo gatto?? Pensi che stia soffrendo?? In tal caso, è meglio che l'animale si senta meglio dopo aver assunto farmaci per addormentarlo?? Le misure di controllo del dolore utilizzate sono davvero efficaci??
  • Il tuo gatto mangia?? La quantità di cibo somministrato è consumata in quantità adeguata?? O forzi rinforzi nel gatto "con la forza "?
  • Il tuo gatto è abbastanza attivo da arrivare da solo alla ciotola con acqua, cibo, lettiera o tana preferita?? O al contrario - giace in una posizione tutto il giorno?
  • Se il tuo gatto mostra il desiderio di comunicare con te o altri membri della famiglia o animali domestici?
  • Il tuo gatto è interessato ad uscire??
  • Se dovessi stimare in percentuale quanti giorni "migliori" ci sono giorni peggiori, come sarebbe per il tuo gatto?
  • Fai cambiare i rituali prestabiliti nel tuo gatto, come ad esempio. dormire, mangiare, prendersi cura ecc.?

Siamo inevitabilmente arrivati ​​al punto in cui dobbiamo affrontare una decisione molto difficile.

Non è mai facile e non riesco a immaginare che potrebbe essere altrimenti.

Tuttavia, se l'eutanasia - come ne stiamo parlando - è davvero necessaria, parla con il tuo medico di eventuali problemi che lo riguardano.

Fagli qualsiasi domanda ti venga in mente che ti aiuterà a prendere la decisione migliore per il tuo gatto.

Non prenderlo d'impulso o sotto pressione.

Il veterinario dovrebbe essere in grado di spiegarti con calma perché è apparso il tema dell'eutanasia, come sarà la procedura, cosa puoi aspettarti sia durante che dopo.

Renditi conto che sei tu che devi prendere la posizione appropriata su questo problema molto difficile.

Non è mai una decisione del personale.

Il medico può solo dirti prognosi, possibilità, possibilità, può anche darti suggerimenti, ma sei tu che hai l'ultima parola.

Questo momento sarà pieno di dolore e dubbi.

Tuttavia, prendi in considerazione gli ultimi giorni o settimane di vita del tuo animale domestico, valuta il più oggettivamente possibile se vuoi che il gattino continui a stancarsi e prenda la decisione giusta.

Qualunque cosa sia, nessuno ti giudicherà.

Nessuno ha il diritto.

Questi sono alcuni dei momenti più difficili nella vita di qualsiasi allevatore di animali, momenti che devono vivere da soli.

In momenti come questo, non perdere di vista il tuo gatto.

Non prendere mai le tue decisioni basandoti esclusivamente sui tuoi sentimenti, paure o convinzioni.

Devi dimenticarti di te stesso per un po' e pensare all'animale.

Chiediti cosa accadrà se prendi uno di questi due percorsi opposti?

Se rifiuti l'eutanasia, volendo che il gatto se ne vada da solo, non lo condannerai a grandi sofferenze per il resto dei tuoi giorni??

D'altra parte, l'eutanasia è la soluzione migliore qui??

Non basta interrompere la terapia??

Se l'animale sta effettivamente soffrendo e porre fine alla vita è un imperativo?

Lascio a te, lettore, queste domande, sapendo allo stesso tempo che non ti ho aiutato nei tuoi dilemmi.

Purtroppo deve essere così.

I dubbi esistono sempre e sempre ci saranno, e più le cose sono serie, più le decisioni sono difficili e dolorose.

Anche noi medici passiamo attraverso questo fuoco.

Anche noi abbiamo molti dubbi, siamo pieni di un intero mare di rimpianti per l'impossibilità di ulteriori azioni e piangiamo anche.

Tuttavia, bisogna accettare le leggi biologiche naturali, non importa quanto crudeli possano essere.

Tuttavia, abbiamo uno strumento che in molte situazioni aiuta a ridurre la sofferenza dell'animale e gli permette di allontanarsi con dignità.

Questo strumento è l'eutanasia, e il suo uso efficiente e pienamente giustificato consente all'animale di dormire per sempre senza dolore con un sonno eterno tranquillo e silenzioso.

Riepilogo

I gatti invecchiano proprio come gli umani, nel loro corpo avvengono processi molto simili.

Una differenza è che i nostri compagni felini stanno invecchiando tranquillamente.

Non si lamentano, non si lamentano

Svaniscono solo lentamente e silenziosamente, svanendo gradualmente nell'ombra.

Lo fanno in modo così sottile e con tale classe che la maggior parte dei proprietari non si accorge che il loro reparto ha fatto molti progressi negli anni.

Tuttavia, sebbene questi animali non mostrino dolore e sofferenza, è chiaro che in molte malattie lo avvertono sicuramente.

Solo pochi fortunati non saranno colpiti da malattie gravi per il resto della loro vita.

Nella stragrande maggioranza della popolazione felina, gli animali più anziani mostrano segni clinici di malattie che sono la causa diretta o indiretta della morte dell'animale.

Secondo molti veterinari, circa il 33% della durata della vita dei gatti dipende dai loro geni.

Man mano che ci avviciniamo alla caduta della vita, questa variabile diventa sempre più importante.

Ma ci sono ancora quasi 2/3 di possibilità che con le tue azioni e il tuo supporto prolungherai la vita del tuo reparto.

Ho descritto come farlo sia qui che nell'articolo sull'aspettativa di vita dei gatti: // cowsiers.pl / ile-zyja-koty /

So che questo articolo è molto nostalgico, perché tratta di argomenti inevitabili e - a causa dell'argomento - ci costringe a riflettere non solo sulla vecchiaia del nostro preferito, ma dirige anche la nostra attenzione sulla nostra stessa vita.

Tuttavia, questo è solo un lato della medaglia.

Vorrei che tu, lettore, dopo aver letto questo articolo, lo lasciassi con un po' di speranza e ottimismo.

È possibile?

Sì, naturalmente.

Perché se il tuo gatto ha vissuto fino all'età in cui è onorato di essere chiamato anziano, allora sia lui che tu sei davvero fortunato!

Letteralmente!

Se hai letto l'articolo sull'aspettativa di vita nei gatti, avrai sicuramente sentito dire che molti gatti non riescono a vivere più a lungo di 5-7 anni.

La vecchiaia è un tratto riservato principalmente ai fortunati che hanno una casa meravigliosa, guardiani meravigliosi e le migliori cure del mondo.

Quindi se sei tra i proprietari di gatti anziani, puoi essere orgoglioso di te stesso.

Hai creato una Casa per lui - un luogo reale dove ha trascorso questo bellissimo viaggio terreno con le persone che ama.

Nel corso degli anni, circondato da amore, cure e cure, ha sviluppato tutto il suo potenziale biologico per utilizzare il tempo che gli è stato concesso.

Quindi non essere triste se il tuo animale domestico è già vecchio.

Per te questi anni sono passati come pochi, mentre per lui è stato un periodo molto produttivo e sfruttato a pieno.

Questo è il nostro - dei - problemi della gente.

Personalizziamo gli animali e vogliamo che vivano con noi il più a lungo possibile.

Non ci rendiamo conto, però, che per loro il tempo passa in modo completamente diverso.

I gatti geriatrici che mostrano segni di vecchiaia e sintomi di varie malattie hanno già vissuto molto e per loro questo viaggio sta volgendo al termine.

Sono solo stanchi, stanchi così tanto che non hanno più la forza.

Quindi capisci che il tuo gatto non se ne va affatto prematuramente.

La sua stella si sta già estinguendo e tu sei lasciato a goderti ogni singola, anche la più piccola manifestazione del suo bagliore.

Un altro punto che vorrei menzionare alla fine è adozione di un gatto anziano.

Ci sono molti gatti nei rifugi per animali e stanno aspettando una buona casa.

Certo, i gattini giovani e dolci sono i più popolari e nella maggior parte dei casi vengono adottati i più veloci.

Ma che dire di questi gatti maturi o emaciati??

Sono davvero condannati a finire la loro vita nei rifugi??

Con incredibile ammirazione osservo le persone che hanno deciso di farlo adozione di un gatto anziano.

Nonostante siano profondamente consapevoli dell'accresciuta responsabilità e - chiamiamola così - dei problemi che dovranno affrontare - decidono di fare un passo del genere.

È un corso molto bello, nobile e lodevole.

I loro resoconti mostrano in seguito che questi anziani riempivano le loro case di vita, davano loro un senso di appagamento e profondo amore.

Queste sono le persone per le quali non è il numero dei giorni rimanenti, ma la qualità di ogni momento che conta.

Ti auguro, caro Lettore, che tu possa apprezzare il tempo che viene dedicato al tuo rione e che tu possa trarne il massimo beneficio per la tua reciproca gioia.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento