Principale » gatto » Fare il bagno a un gatto: quando, quanto spesso e con quale shampoo fare il bagno a un gatto?

Fare il bagno a un gatto: quando, quanto spesso e con quale shampoo fare il bagno a un gatto?

Fare il bagno al gatto

Che l'uomo non pensi di essere perfetto e che non si illuda di aver fraternizzato con Dio, che tutti gli animali si inchineranno a lui e che lui è il padrone del mondo - in modo che l'uomo non cada in se stesso -amore, che impari quanto è difettoso, la sua essenza Dio gli ha dato i comandamenti, la mente e la coscienza, e quando ciò non ha aiutato allora ha creato KOTA

Francesco J. Klimek

Questa breve poesia illustra brillantemente tutta la natura, le caratteristiche e le inclinazioni del gatto.

Un gatto è una creatura perfetta

Già Leonardo da Vinci diceva che "anche il gatto più umile è un capolavoro".

Non può essere espresso in modo più accurato.

Perfezione, eleganza, stile, delicatezza, forza, bellezza

Potrei andare avanti all'infinito così.

Un gatto è una creatura che non ha bisogno di essere migliorata.

Non è possibile.

È l'essenza della perfezione.

Allora perché le persone cercano di "umanizzare" il gatto a tutti i costi?

Capisco - vivere a casa senza uscire, dormire a letto, anche alcuni gattini sono addestrati a prendersi cura dei loro bisogni direttamente in bagno

Per alcuni può essere controverso, per altri è la norma.

E fantastico.

Ma il bagno?

Perché un gatto ha bisogno di un bagno, se questa creatura cura perfettamente la pulizia, dedicando la maggior parte della giornata alla cura del pelo?

Non solo, questo - a volte esagerato - prendersi cura del proprio aspetto ha il suo secondo fondo.

Il gatto elimina tutti gli odori dalla superficie del pelo lavandosi.

Prova a toccare il tuo animale domestico direttamente dopo il suo bagno serale.

Non solo l'offeso troverà un altro posto, lontano da te, ma non sarà in grado di resistere all'impulso interiore di lavarsi di nuovo - e solo nel luogo che hai appena toccato!

C'è una giustificazione abbastanza ragionevole per questo.

Cani e gatti hanno preso strade opposte quando si tratta di strategie di caccia.

E mentre i cani amano sguazzare nelle carcasse o negli escrementi per mascherare il loro odore (quindi la loro vittima non sospetta che la puzza non provenga da - per usare un eufemismo - escrementi, ma da un branco sporco di loro), i gatti lo fanno in modo più sottile e con più grazia.

Si liberano semplicemente di qualsiasi odore sulla superficie dei loro corpi, grazie al quale possono intrufolarsi nelle loro vittime inosservati.

L'effetto collaterale di questa operazione è, ovviamente, che la loro pelle e il loro pelo sono perfettamente puliti.

Quindi, molto spesso alle domande dei proprietari di gatti appena sfornati:

“Se fare il bagno al tuo animale domestico?? "- Ho risposto:

"Per che cosa? Sono progettati per essere autopulenti. Non ce n'è bisogno, soprattutto perché alla maggior parte dei gatti non piace l'acqua. "

Tuttavia, più ho sentito questa domanda, più mi sono piegato sulla sua finalità.

Infine, sono giunto alla conclusione che potrebbe essere pienamente giustificato.

E mentre continuo a pensare che i gatti non abbiano bisogno di essere lavati, ci sono situazioni che richiedono l'intervento del proprietario.

Questo è ciò di cui voglio scrivere in questo articolo.

Imparerai da esso quali eventi ci costringono a fare il bagno a un gatto, quali cosmetici e shampoo per gatti usare per migliorare la qualità del pelo e della pelle, e come fare il bagno al nostro predatore peloso senza sanguinare troppo ?

  • Perché ai gatti non piace l'acqua?
  • Fare il bagno o non fare il bagno al gatto?
    • La presenza di parassiti nel pelo del gatto
    • Problemi dermatologici
    • Razze sfingi o altre razze glabre
    • Sporcizia dei capelli
    • grovigli
  • Quali sono i vantaggi di fare il bagno al tuo gatto?
  • Ci sono degli svantaggi nel fare il bagno a un gatto??
  • Come fare il bagno a un gatto??
    • aiutante
    • Accorciare gli artigli del gatto
    • Spazzola il pelo del gatto
    • Shampoo per gatti
    • Dove fare il bagno al tuo gatto?
    • Prima di bagnare il tuo gatto, prepara il terreno da solo
    • Fare il bagno al gatto
    • Dopo aver fatto il bagno al gatto
  • Ogni quanto fare il bagno al tuo gatto?
  • Alternative al bagno per gatti
  • Cosa non fare quando gocciola un gatto

Perché ai gatti non piace l'acqua?

Perché ai gatti non piace l'acqua?

In effetti, la maggior parte dei rappresentanti della popolazione felina non ama l'acqua, ma piuttosto non ama immergersi in essa.

Si ritiene che ciò sia correlato al loro luogo di origine: i gatti provengono da regioni calde del mondo, dove c'erano piuttosto carenze di questo fluido vivificante.

E il fatto che i gatti in generale siano molto attenti a tutto ciò che è sconosciuto, da qui la loro paura di bagnarsi.

Un altro tentativo di spiegare l'avversione all'acqua è la proprietà della loro pelliccia, che è che la loro pelliccia assorbe l'umidità, il che rende più difficile per il gatto asciugarsi in seguito.

In combinazione con il fatto che non amano il freddo, ogni bagnatura agisce su di loro come il proverbiale secchio di acqua fredda.

Tuttavia, ci sono specie di grandi felini in natura che amano l'acqua.

Tigri e giaguari amano immergersi in esso, mantenendosi così freschi nei climi caldi.

Ma anche nel nostro cortile europeo, sotto i nostri tetti, ci sono anche creature che, nonostante il loro tipico aspetto felino, mostrano uno straordinario interesse per l'acqua di quanto sarebbe dovuto alla loro appartenenza alla specie.

Dopotutto, ci sono gattini che possono sedersi per ore vicino al rubinetto e aspettare che cada una goccia d'acqua, che leccheranno in un attimo, divertendosi allo stesso tempo.

Ad altri piace quando un piccolo rivolo d'acqua gocciola dal rubinetto, che attaccano da ogni posizione possibile.

Non si preoccupano nemmeno di gocciolare acqua sulle loro teste.

Ci sono anche modelli che amano nuotare insieme al proprietario

Aspettano solo il momento in cui si immerge nella vasca da bagno e si buttano subito dentro.

Ci sono anche razze di gatti come il Turkish Van e alcuni Bengals che amano bagnarsi.

Ti manca solo questa creatura

tanti mi piace quanti gatti.

Tuttavia, c'è una regola: anche se non so che tipo di divertimento si è fatto il tuo reparto in acqua, è sempre una sua scelta.

Dopotutto, è stato lui a dare il via al divertimento e lui lo controlla.

In una parola, il gatto decide quando è divertente e quando no. Ed è meglio se lo accetti umilmente.

Fare il bagno o non fare il bagno al gatto?

Fare il bagno o non fare il bagno al gatto?

Il fatto è che i gatti sono associati all'avversione per l'acqua e alle reazioni paranoiche ad essa.

Quindi dovresti insistere nel sottoporre il tuo animale domestico alle abluzioni, dal momento che alla maggior parte dell'aristocrazia felina non piace, per usare un eufemismo??

Spieghiamo il problema di base:

Un gatto non è un cane di piccola taglia (anche se ci sono anche queste calunnie vergognose) e non dovrebbero essere trattati come tali.

I cani hanno bisogno di bagni periodici, ma i gatti no.

Usando il loro "dispositivo " costruito in modo complesso, che è la lingua, non solo diffondono la saliva sui capelli, raccolgono lo sporco, ma pettinano anche in modo fantastico, donandogli lucentezza e morbidezza.

Cosa si può volere di più?

Ebbene, ci sono situazioni così sfortunate in cui fare il bagno cessa di essere un privilegio e diventa una necessità.

Quindi cosa dovrebbe farti raccogliere il guanto di sfida e accettare la sfida??

La presenza di parassiti nel pelo del gatto

Parassiti in un gatto

Questo vale principalmente per i gatti all'aperto, che possono portare con sé clandestini, così come per i gattini molto piccoli, dove non è ancora possibile utilizzare altri prodotti di controllo pulci.

Anche se ti candidi in modo diverso da shampoo antipulci, e il gattino ha avuto una forte infestazione, dopo l'uccisione delle pulci, i cadaveri di piccoli parassiti uccisi sul campo di battaglia dovrebbero essere rimossi dai capelli.

Anche qui il bagno è perfetto, preceduto dalla pettinatura dei capelli con un pettine abbastanza fitto.

Problemi dermatologici

Malattie della pelle in un gatto

Problemi medici come. malattie fungine o altre condizioni dermatologiche.

Questi possono richiedere bagni abbastanza frequenti e regolari fino a quando il problema non viene risolto e i capelli e la pelle non sono guariti.

In questo caso, è meglio concordare attentamente con il veterinario in anticipo come dovrebbero essere questi bagni massacranti.

Richiedi dettagli come:

  • la frequenza dei lavaggi,
  • tipo di shampoo,
  • tempo di lasciare schiuma attiva sul pelo del gatto.

Attualmente, ci sono molte alternative alla terapia con shampoo sul mercato, quindi vale la pena discutere la necessità di fare il bagno al tuo gattino con il tuo veterinario.

Forse sarà possibile utilizzare altri trattamenti meno "traumatizzanti"?

Razze sfingi o altre razze glabre

Devon rex

Pochi sanno che anche i gatti senza pelo hanno bisogno di bagni periodici, per rimuovere l'eccesso di sebo che normalmente ricopre la pelle e i capelli.

A volte vengono lavati frequentemente una volta a settimana.

L'ora del bagnetto del gattino Sphynx
Guarda questo video su YouTube

Se invece il tuo gatto ha il pelo lungo (es. Pers, Norwegian Forestry, Maine Coon), tenerli puliti può essere più problematico per il tuo gatto, indipendentemente dalle sue capacità di toelettatura.

Allora vale la pena considerare la questione della balneazione.

Sporcizia dei capelli

Può essere necessario fare il bagno nel caso in cui il pelo sia macchiato di sostanze che l'animale non è in grado di pulire da solo

Sporco ostinato (come. vernici o resine vegetali) o - orribilmente - sorprese maleodoranti nel pelo del gatto, richiedono un atteggiamento eroico da parte tua focalizzato sulla rimozione.

No, niente aiuterà tranne un bagno.

grovigli

Gatto persiano

Anche la presenza di dreadlocks, nodi, feltri o altri problemi di capelli è un'indicazione frequente per il bagno.

Il primo pensiero che viene in mente dopo aver notato grovigli nei capelli è "taglialo".

Ma non così velocemente.

Questa soluzione è temporanea e non impedisce più ai capelli di infeltrirsi.

Il modo migliore per prevenire i capelli spenti e i dreadlocks è con un pelo sano e pulito.

Ciò è facilitato dai bagni, che riducono ulteriormente la secrezione cutanea eccessiva, rimuovono i peli morti e quindi prevengono la formazione di feltri.

Gatti anziani, gatti obesi o con problemi di mobilità (ad esempio a causa di problemi ortopedici) possono avere difficoltà a mantenersi puliti.

Gli animali in sovrappeso hanno difficoltà a raggiungere ogni parte del loro corpo durante la toelettatura, il che significa che hanno bisogno di un bagno per mantenere l'igiene e ridurre il rischio di infezione o sfregamento.

In caso di fusa affetti da artrite, un bagno così caldo può avere un ulteriore effetto benefico sul benessere di un gattino malato.

C'è una tesi secondo cui il bagno regolare del gatto aiuta a ridurre la quantità di allergeni e riduce significativamente i sintomi dell'allergia in un membro della famiglia allergico.

Quali sono i vantaggi di fare il bagno al tuo gatto?

Hmm, se lo chiedessi alla stessa persona interessata, sicuramente la risposta sarebbe:

nessuno.

Secondo lui, il bagno era un cane per un canile, perché a parte lo stress, l'essere bagnati e un lavoro aggiuntivo di leccare a fondo dopo il bagno, non ne veniva fuori nulla di buono.

Bene, e se Dio non voglia che ci sia un altro gatto in casa, allora fino a quando lo sfortunato appena lavato non si asciuga e assume il "suo" profumo, sarà trattato dal suo parente come un intruso.

D'altra parte, se ignori il brontolio del gatto e osservi i reali benefici, sono piuttosto numerosi:

Prima di tutto: il gatto è pulito

Pulito davvero, non leccato da solo, ma molto pulito per i tuoi standard esorbitanti?.

Ciò significa che sarà in grado di rannicchiarsi su un cuscino meravigliosamente bianco appena lavato senza paura. Almeno per un po' (fino alla prima visita nella lettiera :))

Il pelo ora è morbido, profumato, lucente

Anche se i gatti hanno davvero imparato a prendersi cura del loro pelo, i loro capelli possono diventare opachi e arruffati nel tempo.

Spesso questo fenomeno si intensifica in inverno, quando l'aria nelle case diventa sempre più secca dall'inizio della stagione di riscaldamento.

I gatti sperimentano questa mancanza di umidità e questo si manifesta principalmente nell'aspetto del mantello.

Diventa opaco, fragile, a volte assottigliato e può apparire la forfora sulla pelle.

Un bagno in una situazione del genere è benefico e - eseguito correttamente - migliora le condizioni dei capelli e della pelle.

Ti sei liberato di parassiti, forfora o funghi patogeni

Le indicazioni mediche erano chiare: shampoo terapia.

E infatti - nel caso di molti processi dermatologici, è l'azione locale degli shampoo terapeutici che ti consente di liberarti del problema senza dover ricorrere a farmaci forti che agiscono sistemicamente.

Hai rimosso i grovigli

Grazie al bagno avrete pettinato a fondo i capelli, e se avrete applicato il balsamo, la spazzolatura sarà molto più facile.

Hai inumidito la tua pelle

Uno shampoo adeguatamente selezionato può fare miracoli.

Molti di loro idratano e nutrono perfettamente la pelle, ammorbidiscono i capelli e li rendono lucenti.

La doccia ha lavato via i capelli morti

Grazie a questo, ne troverai meno su divani, materassi o tappeti

La notevole quantità di spargimento sarà significativamente ridotta.

Naturalmente, puoi intensificare l'effetto spazzolando regolarmente il tuo animale domestico con spazzole e pettini speciali.

ATTENZIONE! Subito dopo il bagno, i capelli si sfaldano a manciate.

Questo è normale, il tuo animale domestico ha appena lottato per la sua vita e ha intensificato la sua muta a causa di questo stress.

Vacci piano, questo sintomo scomparirà molto rapidamente.

Ci sono degli svantaggi nel fare il bagno a un gatto??

ah, e ancora.

Se a questa domanda dovesse rispondere il nostro sfortunato delinquente, ti farebbe sicuramente sapere che l'intero bagno è una grande WADA ed è totalmente inutile, dannoso e accattivante.

Non è niente di più, solo un enorme stress, acqua disgustosamente bagnata, che si riversa in ogni fessura, pelliccia arruffata, una lotta per la vita (fortunatamente riuscita), poi un problema con la pettinatura, la perdita di rispetto in città e molti altri

Questi sono problemi seri per un gatto che deve affrontarlo da solo.

Verifichiamo, però, se il bagno è davvero ricco di soli benefici?

Non comporta alcun rischio?

Ovviamente no.

Può capitare che il tuo animale abbia una reazione allergica a qualche componente dello shampoo o del balsamo dopo il bagno. Vale sempre la pena controllare il funzionamento dello shampoo (anche con qualche giorno di anticipo).

Strofinare una piccola quantità del preparato diluito su un punto della pelle del gatto che non può essere raggiunto con la lingua.

Dopo un minuto o due, rimuovi lo shampoo con un panno umido.

Controlla la pelle dopo un'ora per il rossore.

Se il gattino non è interessato a questo posto, non c'è prurito e ansia, lo shampoo è sicuro.

In una situazione in cui il tuo animale domestico ancora bagnato corre fuori e va in una direzione nota solo a lui, può davvero ammalarsi gravemente.

Se sei un felice proprietario di un gruppo più ampio di fusa e ne fai il bagno solo uno, non sorprenderti se, dopo il lavaggio, c'è un conflitto tra il bagnato e il resto.

Ciò è dovuto a un cambiamento nell'odore e puoi rimediare separando i gatti in lotta per un po'.

Dopo poco tempo dovrebbe tornare tutto alla normalità.

Come con i gatti, le implicazioni psicologiche possono essere più traumatiche di quelle fisiche.

Se inizi un bagno in una fase abbastanza precoce della tua relazione (ad es. subito dopo essere stato prelevato da un rifugio), rischi di minare la fiducia (se mai sei riuscito a conquistarla), e persino l'emergere di distanza, paura o avversione.

Pertanto, dovresti valutare la situazione e decidere con saggezza:

Non sarebbe meglio tenere a bada l'acqua del bagno??

O magari affidare questa attività a dei professionisti?

La scelta è tua.

Come fare il bagno a un gatto??

Bene, ora che hai appreso i vantaggi e gli svantaggi del fare il bagno al tuo gatto e vuoi ancora correre i rischi (graffi, morsi, ecc.).) ora vediamo come farlo correttamente.

All'inizio di questo spettacolo con un brivido dal titolo:bagno per gatti ", devi occuparti dello scenario appropriato, preparare gli oggetti di scena appropriati e coinvolgere almeno un assistente coraggioso.

Credimi, un tentativo di fare il bagno a un gatto da solo è una missione suicida e di fronte a una minaccia così reale come il contatto con l'acqua, anche da una fusa estremamente calma e gentile, può emergere una vera bestia.

Beh, a meno che il tuo gattino non ci sia davvero abituato e non gli dispiaccia una doccia rinfrescante.

Tuttavia, se così fosse, non avresti bisogno di leggere questo articolo, vero??

Quindi, prepara i seguenti aiuti:

  • Spazzola per la pettinatura (opzionale, la sua assenza non esclude il bagno, ma lo rende molto più facile).
  • Shampoo per gatti.
  • Balsamo per gatti (opzionale).
  • Una brocca o un altro pratico contenitore per la glassa.
  • Asciugamano asciutto (preferibilmente più di uno).
  • Tamponi per l'igiene.
  • Asciugacapelli (opzionale e a proprio rischio).
  • prelibatezze.

aiutante

I gattini reagiscono in modo diverso quando fanno il bagno.

La stragrande maggioranza di queste sono emozioni piuttosto negative.

Un gatto può miagolare, sibilare, graffiare, mordere, cercare di scappare - insomma - fare una dichiarazione di indipendenza non molto sottile.

Non aspettarti le fusa (a meno che non sia sconvolto).

In ogni caso, dovresti essere aiutato da qualcuno che mruczek conosce e ama, che parlerà e consolerà i disgraziati, offrendo di volta in volta una prelibatezza.

Questo dovrebbe far guadagnare tempo e allo stesso tempo ricompensare il tuo gattino con pazienza.

Accorciare gli artigli del gatto

Il gatto affila gli artigli e allena le abilità di combattimento, tra l'altro, in situazioni come questa.

Pertanto, taglia gli artigli del tuo gattino prima di fare il bagno.

Molto probabilmente, dopo il contatto con l'acqua, l'animale cercherà a tutti i costi di sventare questo atto peccaminoso di violazione dell'integrità fisica e utilizzerà tutti gli argomenti disponibili.

Gli artigli si muoveranno per primi, quindi puoi anche contare sulla varietà sotto forma di un morso piuttosto doloroso.

Quindi, se vuoi ridurre al minimo i danni che potrebbero capitarti (potrebbe non essere possibile escluderli completamente), alcune ore (o preferibilmente alcuni giorni) accorciano in anticipo gli artigli del tuo animale domestico.

Perché prima??

Per un semplice motivo: non regalare al tuo peloso due esperienze stressanti contemporaneamente.

Spazzola il pelo del gatto

Prima di bagnare i capelli del nostro sfortunato, accuratamente, ma delicatamente, spazzola i capelli.

Non saltare questo passaggio: è davvero molto importante e apprezzerai i benefici dopo il bagno.

Spazzolare già in questa prima fase preparatoria ti permetterà di pettinare numerosi peli morti, pettinare i capelli arruffati e aggrovigliati e rimuovere i grovigli.

Prima o poi dovresti farlo comunque, e molto meno doloroso e stressante per il gatto è il momento in cui il pelo non è ancora bagnato.

Se al tuo cliente piace lavarsi i denti e si diverte, come bonus, puoi anche prendere una spazzola per la vasca da bagno e usarla di tanto in tanto.

Sicuramente migliorerà il suo comfort.

Shampoo per gatti

Come fare il bagno a un gatto??

Prima di acquistare shampoo per gatti, guarda attentamente la pelle e il pelo del tuo animale domestico.

Che i capelli siano lunghi o corti?

Ha la tendenza ad appannarsi e a formare grovigli?

Se la pelle è troppo secca?

O, al contrario, sembra grasso?

Non c'è forfora sui capelli??

Forse il tuo animale domestico ha perso molti peli ultimamente?

Dovresti rispondere a queste e ad altre domande prima di acquistare uno shampoo.

Sì, non è affatto così semplice.

Pensavi che nel calore del bagno avresti semplicemente raggiunto uno dei tuoi cosmetici sullo scaffale?

Dimenticalo!

Gli shampoo umani non sono assolutamente adatti per fare il bagno ai gatti.

Dovrebbero usare preparati con un pH appropriato, non irritante per la pelle e preferibilmente inodore (o con un odore sottile).

Il mercato è attualmente invaso da una varietà di shampoo e i produttori si stanno superando a vicenda nell'inventare cosmetici nuovi e più perfetti.

Quindi non sorprenderti se quando entri in un negozio e chiedi uno shampoo per gatti, ti troverai di fronte a una scelta del genere, ad esempio:

  • Shampoo per gattini - deterge delicatamente e non irrita gli occhi.
  • Shampoo per capelli lunghi - utilizzato per prevenire e facilitare il districamento dei grovigli; le sostanze contenute nei preparati idratano, nutrono ed elasticizzano il capello, rendendolo morbido e liscio.
  • Shampoo per capelli corti - idratante e nutriente; molti di loro inoltre prevengono la formazione di forfora.
  • Shampoo colorante - contiene sostanze che intensificano il colore del mantello.
  • Shampoo curativo:
    • shampoo antimicotico,
    • shampoo antiprurito,
    • shampoo ipoallergenico,
    • shampoo anti forfora,
    • shampoo lenitivo irritazioni,
    • shampoo disinfettante e battericida,
    • shampoo antiseborroico,
    • shampoo rigenerante e nutriente.
  • Shampoo universale: la composizione di molti di essi consente bagni frequenti.
  • Shampoo 2 in 1 con balsamo: potrebbe valere la pena considerare quando si fa il bagno a un gatto (può cambiare idea in qualsiasi momento e rinunciare alla cooperazione).
  • Shampoo secco per gatto sotto forma di polvere.

Come puoi vedere, lo spettro degli shampoo per gatti è molto ampio.

Potresti sentirti un po' stordito quando cerchi di fare una scelta da solo.

Pertanto, nulla ti impedisce di chiedere supporto a un veterinario o a un toelettatore esperto.

Ti diranno sicuramente che tipo di shampoo scegliere per il tuo gatto.

Lo stesso vale per i nutrienti.

I produttori di questi preparati soddisfano le aspettative dei clienti e rilasciano sempre più nuovi prodotti.

Puoi davvero perderti.

La situazione è completamente diversa quando il tuo gatto ha una condizione dermatologica ed è necessaria una terapia con shampoo.

Qui riceverai una raccomandazione specifica per utilizzare uno shampoo specifico.

Il medico ti spiegherà anche quanto spesso usarlo e per quanto tempo rimanere sulla pelle malata.

In caso di utilizzo di shampoo medicati, la prima diagnosi deve essere fatta da un medico.

È il primo a identificare il problema che tu e il tuo gattino state affrontando.

Shampoo terapia è il trattamento di elezione per molte malattie della pelle grazie alla praticità e alla facilità di penetrazione dei principi attivi contenuti negli shampoo nella pelle e nel pelo.

Il compito principale del bagno è pulire la pelle da:

  • la bilancia che giace su di esso,
  • croste,
  • microbi,
  • farmaci topici usati in precedenza.
La quantità di tempo che la schiuma rimane sulla pelle del gatto è molto importante: è ottimale minimo 10 minuti (anche se alcuni consigliano un minimo Bagno di 15 minuti).

L'effetto del bagno terapeutico dipende principalmente dai principi attivi contenuti nello shampoo.

In caso di parassiti esterni (principalmente pulci) erano di uso comune shampoo antipulci. Attualmente, sono stati sostituiti da altri preparati più facili da usare.

Di demodicosi, follicolite Se disturbi cheratolitici shampoo contenenti perossido di benzoile (antiseborroico e antibatterico) e sostanze cheratolitiche (es. allantoina).

Nel caso di un gatto seborrea secca, bagnato Se forfora si utilizzano shampoo contenenti:

  • acidi grassi,
  • allantoina,
  • pantenolo,
  • acido salicilico e altri.

Di ipersensibilità, atopia e allergie sono utilizzati shampoo ipoallergenici, che comprendono, ad esempio,.:

  • allantoina,
  • proteine ​​dell'avena,
  • pantenolo.

In caso di problemi fungini, shampoo contenenti miconazolo o ketoconazolo.

In caso di infezioni batteriche, uno degli ingredienti principali dello shampoo è clorexidina.

I bagni medicinali dovrebbero essere sempre raccomandati da un veterinario.

Non scegliere mai uno shampoo terapeutico basato solo sulla presenza di un sintomo caratteristico (es. forfora). Potrebbe essere solo la punta dell'iceberg, e alla sua base c'è un problema più serio.

L'uso di shampoo medicati deve essere sempre consultato con un medico.

Dove fare il bagno al tuo gatto?

Il luogo del bagno dipende dalle tue capacità e dalle preferenze del peloso.

Di norma, i proprietari scelgono una vasca da bagno, un lavabo, una doccia (abbastanza ampia) o una ciotola capiente.

Il bagno non dovrebbe mai comportare l'inserimento del gatto in un contenitore precedentemente riempito d'acqua.

So che ci sono questi tipi di consigli, comunque Sconsiglio vivamente di farlo.

Un gatto che vede che sta per essere immerso nell'acqua fin dall'inizio attiverà le forze di reazione rapida e prima che tu te ne accorga, sarà fuori portata.

Non fargli questo e non aggiungere stress inutile.

Ne ha troppo comunque.

Invece di gettare il tuo animale domestico "in acque profonde", metti un grande asciugamano da bagno o un tappetino antiscivolo sul fondo della vasca da bagno, del lavandino o di un altro recipiente.

Fai il bagno al tuo gattino sotto l'acqua corrente, preferibilmente se sgorga dal rubinetto.

Se l'attività viene eseguita sotto la doccia, la sua testa sibilante può spaventare molto le fusa.

Cerca di aiutarti e svita la testa per l'ora del bagno.

Il tuo gatto te ne sarà grato.

In alternativa - per "inzuppare" e sciacquare i capelli puoi usare una brocca o un altro recipiente grande e pratico.

Questa opzione va bene se il tuo gatto ha davvero paura del rubinetto.

Indipendentemente da quale di queste opzioni scegli, assicurati di avere abbastanza spazio per tutte le manipolazioni durante il bagno e per tutti gli accessori necessari.

Prima di bagnare il tuo gatto, prepara il terreno da solo

Durante il bagno, potresti avere problemi con alcune attività apparentemente banali.

Tuttavia, se hai deciso ambiziosamente di lavare il tuo animale domestico da solo, anche un'attività come svitare lo shampoo può essere estremamente difficile.

Avrai solo una mano libera, quindi prepara tutto con largo anticipo.

Impara a tenere in braccio il tuo gattino e a tenerlo lontano dalla vasca da bagno.

Anche qualche giorno prima, esercitati con il tuo animale domestico in modo che non associ questo fatto a un bagno, ma piuttosto a un po' di strano divertimento.

Ecco alcuni trucchi utili che potresti trovare utili mentre domi la bestia nella vasca da bagno:

cosiddetto "cattura del gatto "- cioè catturare la pelle sulla nuca (proprio dietro la base del cranio). La presa deve essere salda, per evitare che il gatto si stacchi, ma allo stesso tempo abbastanza delicata da non ferirlo.

La presa del gatto se applicata correttamente provoca l'effetto "congelamento" nella maggior parte dei gatti: l'animale trattenuto si blocca immobile, permettendoci di eseguire brevi azioni.

Osserva come vengono trasportati i gattini dalla madre: si congelano mentre sono tenuti in braccio.

Ed è su questo che contiamo durante il bagno.

Sfortunatamente, non tutti i gatti rispondono allo stesso modo a una simile maniglia.

Assicurati solo di non sollevare assolutamente un gatto adulto in questo modo!

  1. Avvolgi la testa del gattino da dietro con l'indice e il pollice.
  2. Le tue dita dovrebbero riposare liberamente tra le braccia e la testa del gattino, e in questo modo hai la possibilità di impedirgli di muoversi avanti e indietro.
  3. Metti la mano sulla schiena del gatto, all'incirca all'altezza delle scapole.
  4. Tienilo dolcemente.

Questo tipo di presa è il più delicato e allo stesso tempo offre al gatto maggiori opportunità di arricciarsi.

Pertanto, utilizzalo solo in una situazione in cui l'animale ha rinunciato alla lotta e rinuncia al lavaggio senza grandi obiezioni.

Molto probabilmente dovrai alternare ciascuna di queste prese a seconda di quale parte del tuo corpo stai lavando al momento.

Ma ricorda: anche se il gatto è apparentemente calmo e sta fermo, non lasciarti ingannare.

Non rilasciare la presa nemmeno per una frazione di secondo: la tua "vittima" percepirà il momento e non appena si aprirà una porta di fuga, la userà in un batter d'occhio, senza chiederti la tua opinione.

Un gatto che una volta ha imparato a scappare da un bagno lo farà notoriamente.

Svita lo shampoo, versa acqua tiepida nella caraffa, apri il balsamo per capelli, metti gli asciugamani a portata di mano.

Assicurati che non ci siano oggetti non necessari nelle immediate vicinanze della "scena del crimine".

Succede che i gatti terrorizzati, quando cercano di scappare, afferrino tutto ciò che riescono a raggiungere con i loro artigli, facendo un disordine incredibile e creando un vero pericolo per se stessi e per il loro guardiano.

Sbarazzati di tutto ciò che potrebbe essere la tua ultima risorsa quando metti il ​​tuo gatto nella vasca da bagno.

Metti un asciugamano da bagno o un tappetino antiscivolo sul fondo della vasca da bagno per evitare che il gattino scivoli durante il bagno.

Ti sarà più facile tenerlo in mano e allo stesso tempo darà stabilità al gatto, indebolendo leggermente il riflesso di lotta o fuga.

Prima che il tuo gattino capisca quali sono i tuoi piani malvagi per lui, imposta la temperatura dell'acqua - dovrebbe essere vicina a quella che usi quando ti lavi i capelli.

Apri anche il rubinetto in anticipo.

Non aprirlo completamente, poiché il forte getto può intimidire e stressare i peli dell'animale.

Lascia che il dolce mormorio dell'acqua corrente sia presente quando porti il ​​miserabile in bagno.

Grazie a questo, l'improvviso rilascio di acqua non lo scioccherà e risparmierai un po 'di tempo.

Ricordare:

devi agire di sorpresa.

Più tempo perdi sui dettagli, prima il tuo mentee scoprirà la situazione e adotterà un atteggiamento difensivo.

Tuttavia, se puoi, chiedi aiuto a qualcuno. Ogni quattro mani è meglio di due.

Mentre l'aiutante terrà il gatto in uno di questi modi, tu puoi concentrarti sul lavaggio corretto del gatto e quindi ridurre sostanzialmente il tempo del bagno.

Se vivi in ​​un condominio, per ogni evenienza, informa i vicini che in un attimo potrebbero sentire suoni terribili provenire dal tuo appartamento.

Rassicurali che non intendi uccidere il tuo animale domestico, ma dagli una doccia rinfrescante.

Non vuoi incontrarti con sguardi significativi in ​​ascensore o sulle scale, o - peggio ancora - spiegarti ai servizi competenti.

Forse un po' esagerato, ma alcuni gattini reagiscono in preda al panico quando entrano in contatto con l'acqua e possono cedere, quasi imitando la voce di un bambino che piange.

Prima di fare il bagno, gioca con il tuo gatto e allevia un po' di tensione.

La sua, perché non sa ancora cosa lo aspetta.

Idealmente, dovresti essere rilassato su questa attività, senza stress o turbamento.

La tranquillità è molto importante perché il tuo animale domestico sarà consapevole al 100% delle tue emozioni prima ancora che tu le realizzi.

Ricorda: non è un grosso problema. Dopotutto, lavi solo il tuo gatto ?

Beh, si è un po' accumulato.

Niente di eccezionale, la solita doccia veloce

Nessuna di queste cose.

I gatti domestici sono animali che alleviano molto lo stress.

E anche se non pensi che sia troppo male, stai attento.

Questi animali sono maestri di mimetizzazione e hanno una personalità estremamente introversa.

Non verranno a lamentarsi.

Piuttosto, si isoleranno da qualche parte, si nasconderanno e rivivranno tranquillamente le loro emozioni accumulate.

Se lo stress è di breve durata e non si ripresenta, potrebbero ingoiarlo e persino lasciarti addomesticare con un po' di delicatezza o grattandosi dietro l'orecchio.

Tuttavia, per ridurre al minimo la potente esperienza del bagno per loro, attuare le linee guida di cui sopra.

Una preparazione così accurata si tradurrà in un bagno rapido e relativamente indolore.

Fare il bagno al gatto

Fare il bagno al gatto

Affinché il processo di pulizia del gatto con l'uso di acqua e shampoo non sfugga di mano e ad un certo punto diventi un atto criminale, per favore - segui le istruzioni di seguito.

In questo modo, molto probabilmente raggiungerai il tuo obiettivo principale, far sopravvivere il gatto all'incontro in relativo comfort, ridurre al minimo (in una certa misura) le tue lesioni e mantenere il controllo del gatto.

Un gioco che ne vale la pena, non è vero??

Quindi andiamo!

Allora iniziamo a lavare il gatto. Come farlo?

Presto.

Efficiente.

Efficiente.

Si è rivelata una "regola 3S" piuttosto ordinata :)

E infatti - hai solo un approccio - se per qualche motivo il tuo progetto non è finalizzato, ogni tentativo successivo sarà sempre più difficile.

Il che non vuol dire che il primo sarà simpatico e piacevole.

Preparati a negoziare duramente con il tuo gatto, ma non aver paura. Dopotutto, alcune persone lo fanno

?

Trova dov'è il gatto, prendilo e portalo in bagno, quindi chiudi la porta (mantenendo la cronologia).

No, non è uno scherzo.

Ne sto scrivendo con piena sanità mentale, perché in moltissimi casi i gatti improvvisamente scompaiono letteralmente appena prima di fare il bagno.

Con il loro ennesimo senso, avvertono una minaccia e improvvisamente o hanno qualcosa di urgente da fare fuori, o si nascondono negli angoli più remoti della casa, diventando completamente sordi al richiamo.

Una volta catturata la nostra pelliccia intelligente, capirà sicuramente che oggi non si tratta di accarezzare.

Perché quante volte hai camminato con un gatto sopra la spalla direttamente in bagno?

Il tuo animale domestico non è stupido e cercherà di evacuare per ogni evenienza.

Non lasciarlo fare.

Ricordare:

un gatto che è riuscito a scappare una volta ripeterà l'impresa alla prossima provocazione.

Sfortunatamente, è qui che può apparire la prima importante dissonanza tra le tue esigenze e quelle del tuo gatto.

Bene, se un gattino percepisce il tuo comportamento in modo inappropriato o è una bestia estremamente assertiva che supera facilmente i limiti dell'aggressività, può diventare pericoloso.

Quindi, se si tratta di una situazione in cui l'animale ti morde, ti graffia o impazzisce, dovresti rivedere le tue priorità e pensare di nuovo se il gatto ha davvero bisogno di un bagno e se hai davvero bisogno di servirglielo.

Un saggio è colui che cerca di capire le opinioni degli altri.

Hai ancora tempo per ritirarti con la tua faccia e rispettare l'opinione del tuo mentee.

Non succederà nulla se ti astieni dal fare il bagno, perché probabilmente è più redditizio vivere con un gatto sporco che goderne la pulizia avvolta nelle bende

Metti il ​​gatto nella vasca da bagno

Prima di fare il bagno, metti il ​​tuo gatto nella vasca da bagno

Metti la mano sotto le zampe posteriori e appoggiala delicatamente su un tappetino antiscivolo (o un asciugamano).

A questo punto, il gattino è ancora interessato, anche se l'ambiente circostante potrebbe avere un effetto leggermente deprimente su di lui.

Anche se non hai versato l'acqua nella vasca, scorre in un ruscello dal rubinetto e sicuramente il rapace se ne è accorto.

Preparati per il suo rapido ritiro e fai domanda in anticipo cattura del gatto.

Un trucco preso in prestito da un altro allevatore di gatti è usare una borsa di lino aperta e metterci dentro un gattino mentre fa il bagno.

Questo vale principalmente per i veri belligeranti e riduce notevolmente il livello di danno del proprietario.

I raccoglitori di materiale e rete possono essere un'opzione.

Sciacquare il gatto con acqua corrente

Puoi farlo direttamente dal rubinetto (se non provoca forte paura nell'animale) o con una brocca d'acqua.

Mentre versi, spazzola indietro i capelli per inumidire anche la superficie della pelle.

Cerca di immergere completamente tutto il corpo, ma lascia la testa fino alla fine del bagno.

Se possibile, cerca di non bagnare affatto questa parte del tuo corpo.

La maggior parte dei gatti mantiene la dignità durante il bagno, ma solo fino a quando non raggiunge la testa.

Puoi pulire l'area del viso per ultima con un panno umido o un piccolo asciugamano.

Quindi, pulire delicatamente la zona dei padiglioni auricolari, sia all'interno che all'esterno, con un batuffolo di cotone.

Per pulire le orecchie, utilizzare un preparato appositamente progettato.

Non mettere mai un batuffolo di cotone nel condotto uditivo, nessuno dei due non pulire l'interno con un normale shampoo.

I mazzi di cotone idrofilo nelle orecchie non solo possono rimanere bloccati, ma sicuramente aumenteranno il livello di rabbia del gatto e perderai la possibilità di un bagno di successo già in corsa.

Lo shampoo, invece, può irritare le delicate strutture all'interno dell'orecchio.

Applica lo shampoo per gatti e massaggialo sui capelli per creare la schiuma

Fondamentalmente, lavare il tuo gatto non è diverso dal lavare i tuoi capelli.

Si massaggia bene la schiuma sui capelli, cercando di raggiungere la pelle, si massaggia per un po', poi si risciacqua abbondantemente con acqua.

Assicurati di risciacquare bene lo shampoo: i residui possono essere leccati via in seguito dal gatto o causare una reazione allergica locale.

Ricorda anche di "luoghi difficili" come ascelle, inguine, addome, cosce, perineo e ano - risciacquare lo shampoo più a lungo in questi luoghi.

Inoltre, fai attenzione a non lasciare che lo shampoo entri negli occhi, nelle orecchie, nella bocca o nel naso del tuo gatto.

Se hai stimato che il comfort psicologico del tuo reparto è a un livello sicuro e i capelli lo richiedono davvero, ripeti i passaggi da questo punto per un lavaggio più accurato.

La situazione può complicarsi con l'applicazione shampoo medicati.

L'azione efficace dei principi attivi contenuti in questi preparati richiede spesso di lasciarli sulla pelle per lungo tempo - anche 10-15 minuti.

Certo, è il medico prescrittore che dovrebbe darti indicazioni precise sull'uso di questo tipo di prodotto.

Prima di usarli e intraprendere un'impresa così rischiosa, discuti dell'uso degli shampoo con il tuo medico.

Il mio consiglio sarebbe quello di portare il gattino fuori dalla vasca da bagno e metterlo su un asciugamano mentre sparge schiuma, massaggiando e agendo sui principi attivi.

Questo dovrebbe sicuramente ridurre lo stress, ma preparati al fatto che tornare nella vasca da bagno potrebbe essere ancora più difficile della prima volta.

Prendi a cuore la regola generale:

moderazione in tutto.

Se hai notato che la tolleranza di un povero fradicio sta pericolosamente spostandosi a 0, accelera i tuoi movimenti, salta la pulizia accurata di ogni centimetro quadrato dell'animale e finisci il bagno il prima possibile.

È più vantaggioso mantenere lo stress del gatto ad un livello costante, non troppo elevato, piuttosto che rendere l'animale quasi sterile, a scapito della sua salute.

Applicare balsamo per gatti (opzionale)

Fondamentalmente, l'uso del balsamo nei gatti non è diverso dall'uso negli esseri umani.

Basta applicare il preparato, massaggiarlo sui capelli, lasciarlo agire per un po', quindi risciacquare accuratamente.

Certo, il "momento" che il tuo gattino ti concede può avere diversi significati (a seconda della sua pazienza e tolleranza).

Tuttavia, vale la pena provare, perché dopo averlo usato, la pelliccia diventerà più morbida, più lucida, più facile da pettinare e meno soggetta ad appannarsi e aggrovigliarsi.

Durante tutte le fasi del bagno, non dimenticare il nostro eroe: parlagli in modo rassicurante, trattalo con prelibatezze, dagli un leggero massaggio nei luoghi in cui gli piace essere accarezzato.

Questo in molti casi consente un perdono temporaneo del gatto, e grazie a questo il bagno diventa un'esperienza meno traumatica.

Asciuga il gatto

Dopo il bagno, asciuga il gatto

Prima di tirarlo fuori, spremi delicatamente l'acqua dai suoi capelli premendo delicatamente sulle zampe, sui lati e sulla coda mentre muovi la mano verso il basso.

Poi avvolgi un asciugamano e tira fuori il delinquente dalla vasca da bagno.

Ora strofina delicatamente il tuo animale domestico e lascia che si spolvera da solo.

Adesso è anche il momento di districare i capelli e sistemarli nel senso della sua crescita.

Tuttavia, se lo sfortunato non si rifiuta più di collaborare, perdonalo e lascialo andare.

È stato comunque molto coraggioso.

Asciugare con un essiccatore - secondo me molto controverso e non insisto sulle raccomandazioni di questo metodo.

Certo, ci sono gatti che sono abituati a questo tipo di attrezzatura dai loro cuccioli, e probabilmente a loro non importa.

In effetti, l'addestramento all'asciugatrice fin dalla giovane età è molto efficace: i gatti considerano l'asciugatura come un'attività di routine e non mostrano alcuna paura.

Potrebbe esserci un problema con gli adulti.

Tuttavia, se vuoi provare ad aiutare il tuo animale ad asciugarsi, puoi provarlo.

Ma ricorda: se noti segni di stress, arrenditi e lascia che il gatto si asciughi da solo.

Quindi imposta l'essiccatore alla velocità più bassa e alla temperatura media dell'aria, quindi accendilo a una distanza di sicurezza dal gatto in modo che il rumore improvviso non lo spaventi.

Avvicinalo lentamente ai capelli, ma inizia dalla parte posteriore del corpo (il più lontano possibile sulla testa) e procedi gradualmente in avanti.

Asciugare il capo per ultimo, a condizione che il suo proprietario lo permetta.

Ci sono modi per abituarsi a rumori e sensazioni sgradevoli come il tuo asciugacapelli.

Questo viene fatto in modo tale che l'apparecchiatura venga attivata per alcuni secondi a distanza dal gatto, al quale vengono serviti i bocconcini allo stesso tempo.

Avvicinare gradualmente l'asciugatrice, lasciarla accesa un po' più a lungo, finché non ci si abitua.

Tuttavia, la domanda è se ne hai davvero bisogno?

Dopo aver fatto il bagno al gatto

Bene, ora ti meriti grandi congratulazioni ?

Ce l'hai fatta - hai fatto il bagno al tuo gatto!

Non era così male, vero??

Ma non è ancora finita.

Ora devi controllare se il tuo animale domestico sta bene e se a volte ha bisogno di qualcosa.

Preparati per uno spettacolo piuttosto patetico però

Scommetto che ti sei arreso e non hai spazzolato il tuo animale domestico o usato l'asciugatrice.

Non preoccuparti, questo era facile da prevedere.

L'evasore ha appena spruzzato non appena hai seguito l'indizio dal punto 8 del punto. "..e ora lascia che ti spazzi via ”?

E grazie a questo, ora sembrano sette disgrazie

è bagnato, furioso, lecca ossessivamente regioni del corpo del tutto casuali, cercando di mettere ordine nel disordinato e sporgendo baccelli bagnati in tutte le direzioni del mondo.

Ti lancia sguardi significativi di cui ora dovresti vergognarti e rimproverarlo per quello che gli hai fatto.

Lo apprezzo, almeno ti ha guardato

Non preoccuparti, un giorno ti perdonerò.

Dovresti piuttosto concentrarti sulla sicurezza del tuo gatto dopo il bagno.

Lascia che si asciughi. Potrebbe essere davvero molto tempo, ma la palla bagnata ha bisogno di tempo per se stessa in questo momento - la leccherà fino a raggiungere la conclusione che può fermarsi. Questo può avvenire dopo 5 minuti o un'ora.

Se si è verificato in un gatto (come inaspettato!) un sintomo chiamato phochem, lascia perdere e non ti imporre.

Interagisci con lui solo quando te lo chiede.

Dai al tuo gatto qualcosa in più da mangiare.

Qualche raro regalo per fare ammenda per il suo danno morale nella vasca da bagno.

Gli arresti domiciliari dopo il bagno sono validi per un minimo di diverse ore e fino a 12 ore con tempo freddo.

È importante che il gatto sia completamente asciutto prima di uscire.

Ricorda che i capelli secchi non sono uguali alla pelle secca, quindi anche dopo che è passato il tempo di "quarantena", controlla che la pelle non sia umida prima di aprire la porta verso l'esterno.

Wow, ce l'ho fatta.

Il tuo animale domestico ora è una palla di dolci pulita, profumata e morbida e dovresti essere orgoglioso di te stesso.

Quali sono i tagli minori, i graffi e le ferite da morso?

Tuttavia, sono tentato di menzionare un altro punto: sì, nel caso volessi ripetere l'impresa. Vale a dire:

Ogni quanto fare il bagno al tuo gatto?

Fortunatamente per te, non ci sono orari specifici per fare il bagno ai gatti.

La mia ipotesi è che meno spesso, meglio è.

Alcuni gatti, tuttavia, richiedono un bagno e una spazzolatura regolari, ad es. i già citati gatti a pelo lungo o senza pelo - per questi ultimi, spazzolare sarà piuttosto simbolico ?

Lo stesso vale per gli animali all'aperto, che però hanno delle avventure inaspettate e possono richiedere bagni più frequenti rispetto ai gatti che stanno esclusivamente in casa.

I bagni terapeutici, a loro volta, avvengono ad intervalli di tempo predeterminati e questo va concordato con il veterinario.

E infine, la cosa ovvia:

non illuderti di decidere tu la frequenza del bagno.

Dipenderà dalla decisione favorevole del tuo animale domestico quando e se ti permetterà di ripetere questa pratica vile.

Alternative al bagno per gatti

Questo articolo è scritto con un pizzico di sale e deliberatamente esagerato - nella maggior parte dei casi non è affatto male.

Se ti interessa lavare il tuo gatto e prenderlo in modo intelligente, è probabile che supererai questa sfida vittorioso.

In ogni caso, ci sono situazioni in cui è necessario rinunciare al bagno:

  • Un gatto molto stressato, aggressivo che non può essere calmato in altro modo che lasciandolo solo.
  • Un allevatore di gatti molto stressato e solitario che non è sicuro di poter domare un animale selvatico da solo ? Questa non è ancora una controindicazione, ma vale la pena cercare un aiutante.
  • Il gatto è malato, subito dopo l'intervento, dopo la vaccinazione, oppure il gatto è in calore.
  • Femmina incinta o gattina molto giovane

Se una delle condizioni precedenti si applica a te, controlla le alternative disponibili:

  • In caso di infestazione da pulci, utilizzare un altro preparato antipulci disponibile (ad es. nella forma di perfetto), e rimuovere i parassiti morti dai capelli pettinandoli con un pettine fine o una spazzola.
  • In alcuni casi, puoi provare a pulire lo sporco usando salviette per bambini umide, inodore e ipoallergeniche.
  • Ci sono i cosiddetti. shampoo a secco per gatti. Una proposta piuttosto interessante per gli avversari del bagno tradizionale. Durante la spazzolatura, lo shampoo viene versato delicatamente sul pelo del gatto. Gli ingredienti dello shampoo legano il sebo in eccesso sulla superficie della polvere, che viene rimossa dai capelli durante la spazzolatura. Il rovescio della medaglia potrebbe essere l'odore intenso di alcuni prodotti e il fatto che il secondo stato di "attenzione" che i gatti non possono tollerare è la polvere

    .

  • Se per qualche motivo non puoi o non vuoi fare il bagno al tuo gatto da solo, e secondo te ne ha davvero bisogno, rivolgiti ai servizi di toelettatori professionisti.
  • Alcune cliniche veterinarie forniscono anche servizi come il bagno, l'asciugatura, la pulizia delle orecchie e il taglio degli artigli.

Cosa non fare quando gocciola un gatto

Non far sapere al tuo gatto che tra poco farà il bagno ?

Ho detto prima che queste creature percepiscono il pericolo e useranno ogni opportunità per approfittare del pomeriggio soleggiato in modo diverso.

Non fare la doccia con il tuo gatto, non importa quanto ti sia sembrato allettante.

Non fare la doccia con il tuo gatto

Una bella idea, uno spazio chiuso, nessuna via di fuga

altro che approfittare.

Ti metto in guardia da tanta incoscienza.

Non appena accendi la doccia, il tuo animale domestico ti utilizzerà come scala per salire il più in alto possibile in pochissimo tempo.

Dal momento che non hai pioli su cui la bestia può arrampicarsi, fai pace con qualche piccolo foro di artigli in più nel tuo corpo.

Cerca di non fare il bagno al tuo gatto da solo.

Potresti pensare di essere più grande e più forte e sicuramente lo gestirai.

In una situazione pericolosa per la vita (ed è così che la vede il gatto), le tue dolci fusa attivano forza e velocità, che sono contro le leggi della fisica.

Avrai bisogno di un paio di mani in più per tenere il tuo amico, altrimenti potresti non mantenere la pelle nella sua forma originale.

Non urlare, arrabbiarti e non giurare.

Questo certamente non aiuterà e causerà persino una paura e un'aggressività ancora maggiori nell'animale.

Riepilogo

Abbiamo affrontato insieme le complessità del bagno del gatto.

Ho spiegato quanto dovrebbe essere difficile, quando prenderlo in considerazione e quando fermarsi.

Ho risposto alla domanda se il gatto ha davvero bisogno di un bagno.

O forse la domanda dovrebbe essere piuttosto inquadrata: hai bisogno di fare il bagno al tuo gatto??

Se è così, in questo articolo hai trovato consigli su come farlo in modo rapido, efficace e, soprattutto, il meno stressante per il tuo animale domestico.

Se invece non vedi la necessità di un bagno nel tuo reparto, puoi sicuramente farglielo fare.

Credimi, sia tu che il gattino avete sicuramente un'idea migliore per passare il vostro tempo libero ?

E infine, una richiesta:

Se hai dei modi carini per dare al tuo gattino un bagno senza stress, pubblica un commento sotto l'articolo.

I detentori di animali domestici spesso escogitano ottimi metodi per gestire i loro carichi mentre svolgono attività impopolari.

Inserisci nel commento com'è per te, come affronti il ​​bagnetto, o magari ti sono capitate alcune situazioni divertenti mentre lavavi il tuo gatto?

Vi incoraggio a condividere le vostre esperienze con i lettori.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento