Principale » cane » Come comportarsi con un cane impaurito? [COAPE comportamentista Ewa Jaworska

Come comportarsi con un cane impaurito? [COAPE comportamentista Ewa Jaworska

Ho un cane pauroso e adesso?

Come comportarsi con un cane impaurito

Uno dei problemi principali che i comportamentisti affrontano nel loro lavoro è il comportamento dei cani timorosi. I clienti ci riferiscono spesso di lamentarsi del comportamento aggressivo del proprio cane o della costante paura di altri cani, persone o oggetti. Contrariamente alle apparenze, questi comportamenti apparentemente distanti possono avere un terreno comune e derivare dalla paura del cane.

  • Paura e paura
    • Da dove viene l'ansia?
  • I cani ansiosi possono essere aiutati??
  • Come lavorare con un cane impaurito?
    • Una tana tranquilla a casa
    • Il cane decide al contatto
    • Ospiti a casa
    • Nastro giallo in un cane
  • Come rilassare un cane che ha paura?
    • Massaggio rilassante
    • Supplementi
  • Lavorare a passeggio
    • Passare stimoli stressanti mentre si cammina
    • Contatto con i cani
    • Oggetti inquietanti

Paura e paura

Paura e paura

Ma partiamo dall'inizio. Qual è la differenza tra paura e paura?

La paura è spesso temporanea, a seconda della situazione in cui si trova il cane. Il cane reagisce con paura subito dopo essere stato esposto allo stimolo. A sua volta, l'ansia è solitamente una condizione fissa e cronica in cui il cane ha paura, anche se non esiste un fattore diretto che possa scatenare la condizione in un dato momento.

Da dove viene l'ansia?

Certo, ci possono essere molte ragioni. Alcuni cani che sono stati esposti a molto stress in utero (ad esempio, la madre viveva per strada o in un ambiente molto stressante) possono essere più ansiosi di altri.

Al contrario, i cani che vengono da noi da un canile o provengono da pseudo canili e sappiamo poco del loro passato, possono avere esperienze traumatiche che causano anche comportamenti ansiosi.

Anche i cani che sono stati vittime di bullismo o morsi da altri cani o picchiati da gestori irresponsabili possono avere la tendenza a mostrare comportamenti ansiosi.

Può essere simile con i cuccioli semiselvatici che sono cresciuti in una tranquilla campagna o nella foresta, per poi finire in una città frenetica dove sta succedendo molto di più e sono costantemente bombardati da stimoli stressanti. Hanno anche tutto il diritto di avere paura.

Un altro esempio sono i cani con carenze di socializzazione. Se non hanno acquisito determinate abilità sociali all'inizio della vita, non hanno avuto una relazione ben equilibrata con altri cani o persone, in seguito potrebbero avere più problemi ad affrontare cose nuove e sorprendenti.

I cani ansiosi possono essere aiutati??

I cani ansiosi possono essere aiutati??

Molti caregiver sono preoccupati e stressati per la loro i cani hanno paura. Vogliono davvero aiutarli e sostenerli, in modo che i cani si rilassino, si sentano sicuri e inizino a godersi la vita. Non sempre sanno come farlo.

I comportamentisti bravi ed esperti possono fornire un grande supporto e conoscenza ai caregiver smarriti. Questi cani dovrebbero e dovrebbero essere aiutati, perché cane timido, che si apre, scodinzola e comincia a camminare più audacemente attraverso il mondo è uno spettacolo sorprendentemente bello e commovente!

Come lavorare con un cane impaurito?

Come lavorare con un cane impaurito?

Per cominciare, è bene lavorare con l'ansia del tuo cane dandogli un senso di sicurezza e la capacità di domare le sue paure in modo gentile, calmo e graduale. Lavori con attenzione con cani ansiosi, permetti loro di prendere decisioni e mostraci cosa è comodo per loro e cosa no. Quando ascoltiamo il cane, si sentirà più sicuro e inizierà ad aprirsi magnificamente!

Ci sono diverse aree che vale la pena menzionare qui che faranno sentire il tuo cane più sicuro, sia a casa che a passeggio.

Una tana tranquilla a casa

I cani timorosi dovrebbero avere il loro spazio, sicuro e inaccessibile dove possono sempre nascondersi, riposare e rilassarsi. Un posto del genere dovrebbe essere abbastanza appartato da non essere passato da esso tutto il tempo (ad esempio nell'angolo), ma anche preferibilmente uno da cui il cane vede l'appartamento e gli tiene la mano (zampa!) sul polso e sa cosa sta succedendo nell'appartamento.

Se non sappiamo quale sarà il posto migliore per il nostro nuovo cagnolino, a volte basta osservarlo da vicino. Quando il cane appare nella nostra casa, di solito sceglie intuitivamente un posto dove si sdraia naturalmente, o cerca luoghi tranquilli e riparati, e lì possiamo mettere la sua cuccia. Apparentemente si sente al sicuro lì.

Se vogliamo che il cane impari che questo è il suo posto, possiamo dargli i migliori giocattoli per il cane, le congas o le leccornie lì. Possiamo anche insegnargli un semplice comando "posizionare".

Il cane decide al contatto

I cani timorosi non amano essere sorpresi da gesti, oscillare le mani, prendere violentemente le mani, alzarsi da dietro o abbracciarsi. Questo causa loro molto stress, possono ringhiare quando si sentono minacciati e hanno tutto il diritto di farlo.

Pertanto (questo è particolarmente importante quando ci sono bambini in casa) è bene lasciare che il cane venga prima da noi e decida se vuole contattarci. Non costringiamolo e non facciamo nulla contro la sua volontà. Questo gli fornirà una grande pace mentale e il cane non si guarderà intorno spaventato tutto il tempo da dove verrà la minaccia.

Ospiti a casa

I cani timorosi hanno spesso problemi con ospiti, corrieri e nuove persone a casa e possono abbaiare per paura, e talvolta mostrare i denti e attaccare. Abbaiare è spesso un tentativo di allontanare la minaccia, un tentativo di affrontare una situazione. Inoltre, l'abbaiare è anche un meccanismo di auto gratificazione, quindi il cane è sollevato quando abbaia, quindi può diventare rapidamente dipendente da questo meccanismo.

Il nostro compito è far sì che i nostri ospiti:

  1. Hanno cessato di essere "pericolosi".
  2. Hanno associato il cane a qualcosa di carino, quindi sono diventati desiderabili.

Come comportarsi?

Quando arrivano gli ospiti, diamo loro un bocconcino da lanciare al nostro cane. Il punto è che il cane si accoppi bene. Possono accovacciarsi di lato e allungare la mano per far annusare il cane. Bisogna stare attenti a non fare gesti e carezze improvvisi nel conoscersi, perché stressa il cane.

Durante la visita degli ospiti si prega di non allungare la mano verso il cane con violenza, non camminare velocemente verso di lui, non guardarlo intensamente negli occhi, non chinarsi su di esso. Infatti, più lo ignorano e si siedono tranquillamente sul divano, meno stressato diventa il cane. Quando un cane vuole annusare le persone, lasciamo che accada e lo lodiamo per essere un cane buono e coraggioso!

Nastro giallo in un cane

Se andiamo a fare una passeggiata con il cane, teniamo d'occhio anche i confini - se le persone si vogliono avvicinare, diciamo che "il cane si sta addestrando" e non farlo.  In alternativa, possono accovacciarsi a una certa distanza e farsi annusare se il nostro cane decide che vuole avvicinarsi a loro.

Dovrebbe avere la forza trainante per decidere se vuole contattarti o no. Questo aumenterà la sua autostima e lo farà diventare "il padrone della situazione", invece di esservi messo contro la sua volontà e dovrà difendersi dalla paura abbaiando.

Possiamo anche mettere un nastro giallo sul collare/guinzaglio come segno per i passanti che il cane ha paura e non deve essere disturbato. Per fortuna in Polonia stiamo diventando sempre più consapevoli che il nastro giallo significa che il cane non vuole alcun contatto.

Come rilassare un cane che ha paura?

Come rilassare un cane che ha paura?

Nel caso di cani paurosi, vale la pena ridurre la loro tensione proponendo loro attività e attività che li rilassino in modo naturale.

Tali attività includono:

  • annusando,
  • masticare,
  • mordere,
  • leccata,
  • masticare cose.

Quindi assicuriamoci che il cane abbia accesso a giocattoli come:

  • mat olfattivo,
  • congas,
  • rumine,
  • ossa pressate,
  • giocattoli di gomma,
  • scatole di cartone con gusto sepolto perché avesse la soddisfazione di farle a pezzi.

Possiamo anche seppellire i sapori in giro per casa e chiedere al cane di cercarli, oppure possiamo nasconderli nella sua coperta. In questo modo il tuo cane imparerà a concentrarsi su attività specifiche e avrà la soddisfazione di trovare una deliziosa ricompensa.

Massaggio rilassante

Vale anche la pena aprirsi a nuove tecniche. Se il nostro cane ha un problema con il tatto e vogliamo domarlo con calma con la mano e mostrare al cane che il tocco può essere piacevole (forse il cane in precedenza aveva cattive associazioni con il tatto e non si fida di lui), puoi provare un dolce rilassamento massaggio per cani (es. massaggio T-Touch o GaSa).

Un tale massaggio calma il cane, riduce la sua tensione e ti permette di abituarti al tatto, e per i custodi è un ottimo metodo per avvicinarsi al cane.

Supplementi

Per risollevare un po' l'umore del cane e calmarlo, puoi anche prendere in considerazione integratori delicati, come un collare a feromoni, o integratori per cani a base di peptide lattico o triptofano. Si tratta di preparazioni a base principalmente di erbe, quindi la loro azione è molto sottile, ma alcuni cani reagiscono bene ad esse.

Lavorare a passeggio

Lavorare a passeggio

Durante la passeggiata, cerchiamo di seguire alcune semplici regole in modo che il nostro cane sappia che controlliamo la situazione e il pericolo e che possa occuparsi di ficcanasare e "essere un cane felice", e nel frattempo noi faremo il resto!

Passare stimoli stressanti mentre si cammina

Cerchiamo di non andare direttamente alle cose che possono rendere ansioso il nostro cane (persone/cani/carrozzine/auto ecc.) È stressante per il nostro cane.

Se possibile, cerchiamo di evocare il cane ed evitare una grande "minaccia" ad arco, in modo che il nostro cane sappia che abbiamo la situazione sotto controllo e lo supportiamo.

Se non possiamo evitare il rischio dell'arco e sappiamo che il nostro cane si stresserà o morderà per lo stress, è meglio tornare indietro e partire in anticipo. Se possibile riportiamo il cane con un comando, e non tirandolo per il guinzaglio, perché aumenta anche il suo stress, e vogliamo evitarlo.

Contatto con i cani

Molti cani paurosi hanno problemi con altri cani. Quando vedono un altro cane, rimboccano la coda, si ritirano o abbaiano nervosamente per lo stress per scongiurare la minaccia.

Ecco perché è molto importante che noi, in qualità di guardiani, non portiamo a contatti accidentali con cani stranieri, che possono, ad esempio, correre liberi verso il nostro cane. Quando il nostro cane è al guinzaglio corto, non avrà la possibilità di scappare.

Pertanto, soprattutto all'inizio, vale la pena avviare contatti con cani calmi ed equilibrati che non costringano in modo opprimente il nostro cane a contattare. Possiamo fare una passeggiata parallela, in lontananza, in modo che il nostro cane si abitui e capisca che gli altri cani sono divertenti e il contatto con loro non deve essere stressante.

Se vediamo anche che il nostro cane è interessato a qualche strano cane passato, ma non ne ha paura, allora possiamo anche seguire questo cane per un po', in modo che il nostro cane si abitui alla sua presenza.

Oggetti inquietanti

Molti cani hanno paura delle cose che a noi sembrano irrazionali. Sacchi della spazzatura fruscianti, spazzole elettriche, carrozzine o anche grandi sassi da campo possono spaventare il nostro cane ?

Ciò che è importante nel processo di abituare il cane all'oggetto "spaventoso" è la pazienza e non costringere il cane a contattare. È meglio riprodurre il rumore fastidioso della spazzola in sottofondo quando il cane sta giocando o si rilassa in modo che si abitui lentamente al suono a basso volume.

Nel caso di oggetti statici (come una pietra), possiamo essere i primi ad avvicinarci, senza trascinare il cane, possiamo solo incoraggiarlo con una parola o diffondere i sapori in giro in modo che l'oggetto sia piacevole da associare. È importante che il cane cerchi di superare la sua paura da solo e prenda la decisione da solo che vuole conoscere l'oggetto, e noi lo sosterremo accanto a lui, se una pericolosa pietra da campo decidesse di attaccare ?

Riepilogo

La chiave nel lavorare con cani timorosi è l'espansione graduale del loro mondo in modo che volontariamente (e con il nostro supporto) superino le loro paure e si aprano. Perché ciò accada, il cane dovrebbe avere un ambiente stabile, essere in grado di prendere decisioni se vuole essere in contatto e, soprattutto, sentirsi al sicuro.

Come guardiani, dovremmo provare passo dopo passo (far uscire il cane dal guscio della paura è un processo!) sostenere il nostro cane, vale anche la pena prepararsi a questo processo in modo sostanziale, grazie a un incontro con un comportamentista che aiuterà a diagnosticare la fonte dell'ansia e ci dirà come lavorare con un cane specifico.

Buona fortuna e ricorda che i cani timorosi ci saranno estremamente grati se li aiutiamo e in cambio ci ripagheranno con il vero amore canino! Potrebbe esserci un pagamento più bello?? ?

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento