Principale » cane » Come nutrire un cane e un gatto malati di cancro: alimenti e integratori oncologici

Come nutrire un cane e un gatto malati di cancro: alimenti e integratori oncologici

La dieta di un cane malato di cancro

Anche gli animali da compagnia che vivono con l'uomo nello stesso ambiente, respirando la stessa aria, possono soffrire di malattie molto simili a quelle dei loro guardiani.

Sebbene di recente ci siano stati grandi progressi nel campo della diagnosi e dei moderni regimi terapeutici per molte malattie, allo stesso tempo l'incidenza di un numero di malattie meno comuni è aumentata in modo significativo.

In passato si diceva spesso che l'animale morisse di vecchiaia, oggi, grazie a diagnosi sempre più perfette, sappiamo esattamente quale sia stata la causa diretta della morte.

Anche la speranza di vita media statistica è aumentata, e con essa il numero di problemi di salute in età avanzata, tra i quali, purtroppo, sono tumori, spesso chiamato semplicemente dai proprietari cancro.

In questo articolo ti introdurrò alle questioni relative al supporto nutrizionale dei pazienti gravemente malati, perché tali sono i malati di cancro.

Imparerai come la dieta oncologica supporta il processo di cura e se può farlo cibo per cani e gatti affetti da cancro preparare a casa.

È vero che non siamo in grado di curare molti tumori, soprattutto quando vengono diagnosticati tardivamente, ma non dimentichiamo che possiamo davvero allungare la vita di un cane o gatto malato, a patto di trattare questa malattia in modo completo.

Pertanto, non dovremmo concentrarci solo sul trattamento con metodi chirurgici, chemioterapia o radioterapia, che è meno disponibile nel nostro paese, ma allo stesso tempo dovremmo occuparci della corretta alimentazione e condizione del nostro paziente.

Da un lato, migliorerà il comfort di ammalarsi e, dall'altro, eviterà il rischio di esaurimento del corpo, ad es cachessia da cancro.

  • Cos'è la cachessia??
    • Perché è estremamente importante e lo menziono?
    • Potrebbe esserci una situazione più sfavorevole?
  • Come nutrire il tuo cane/gatto con il cancro??
  • Dieta oncologica per un cane/gatto malato di cancro
    • Alimentazione con mangime pronto e bilanciato
    • Cibo preparato in casa
    • Quindi cosa servire??
  • Integratori alimentari per cani: come arricchire il cibo per animali malati di cancro?
    • Acidi grassi insaturi
  • Aminoacidi
    • HMB
    • Vitamine
    • microelementi
    • Piante che mostrano proprietà antitumorali
  • Dieta BARF
  • Dieta e cancro
  • Alimenti pronti per animali malati di cancro
  • Ne vale la pena??

Cos'è la cachessia??

La cachessia, nota anche come cachessia, è un complesso multifattoriale di disordini metabolici legati al cancro.

La sua caratteristica è una significativa diminuzione del peso corporeo di un individuo malato.

È un sintomo molto caratteristico di un processo neoplastico in corso ed è spesso un fattore che determina la prognosi, tra cui eutanasia animale domestico malato.

Cos'è la cachessia tumorale??

La sindrome della cachessia neoplastica riduce significativamente il normale funzionamento del paziente.

Influisce negativamente anche sul suo sistema immunitario, aumenta la debolezza e peggiora il tempo di sopravvivenza e la prognosi per il trattamento.

Questo stato sfavorevole di deperimento, secondo varie stime, anche 80% dei malati di cancro (dati della medicina umana) è presente anche nei nostri animali domestici in una percentuale altrettanto grande.

La causa immediata di questo stato di cose è aumento del tasso metabolico e bruciando i tuoi stessi tessuti, e non solo i nutrienti forniti con il cibo.

Come risultato della cachessia, c'è una perdita non solo del tessuto adiposo, ma anche del tessuto muscolare, che influisce negativamente sulla qualità della vita del paziente, compromettendo l'immunità del suo corpo.

Si unisce di più a questo anoressia, cioè, mancanza di appetito, che peggiora ulteriormente la condizione esistente di un cane o gatto malato.

L'organismo che soffre di cancro perde peso perché non mangia normalmente e inoltre utilizza i propri tessuti per il metabolismo, mangiando se stesso. Le conseguenze sono sempre disastrose e molto gravi, quindi dobbiamo fare tutto il possibile per evitare la cachessia.

La cachessia modifica in modo significativo il metabolismo dei carboidrati, provocando un aumento della domanda energetica, che deriva dalla produzione di sostanze antitumorali e dall'uso significativo di energia da parte del progressivo e crescente processo del cancro.

Tipicamente, le cellule tumorali ottengono energia a seguito di processi di glicolisi anaerobica e non sono in grado di ottenerla dall'ossidazione dei grassi.

Il tumore in crescita necessita quindi di enormi quantità di glucosio, che, processato nel processo di glicolisi anaerobica, provoca l'aumento del lattato.

I lattati, a loro volta, possono essere riconvertiti in glucosio nel fegato, ma questo processo richiede energia.

Perché è estremamente importante e lo menziono?

Come conseguenza dell'ottenimento di energia da parte del tumore canceroso, il corpo ne perde quantità molto grandi e quindi, tra l'altro, perde peso, mentre il tumore cresce al meglio.

Si fa vedere spesso anche lui insulino-resistenza e intolleranza al glucosio, pertanto dovremmo, per quanto possibile, cercare di limitarne la somministrazione agli animali.

In generale, abbiamo a che fare con una situazione in cui un tumore a crescita intensiva si sviluppa a seguito del processo neoplastico e il corpo si indebolisce e perde i propri tessuti e la forza per combattere una malattia mortale.

Potrebbe esserci una situazione più sfavorevole?

Per effetto del processo neoplastico in corso, la richiesta di proteine ​​aumenta e, di conseguenza, compare un bilancio azotato negativo.

Le cellule cancerose con caratteristiche di crescita molto intensa e metabolismo rapido devono utilizzare gli amminoacidi per sintetizzare le proprie proteine.

Molto importante è anche la diminuzione della sintesi proteica nei muscoli scheletrici, a favore dell'aumento della loro produzione nel fegato.

È in questo organo che un'enorme quantità di proteine ​​​​antinfiammatorie, ad es citochine, proteine ​​della fase acuta, fattori di necrosi tumorale, che, tuttavia, non sono in grado di inibire il tumore in via di sviluppo e inoltre causano una diminuzione dell'immunità o peggiorano la guarigione delle ferite. Il metabolismo di un animale malato diventa stupido e invece di essere utile nella lotta contro una grave malattia, spesso porta alla morte.

Il processo neoplastico porta anche all'intensificazione del processo lolisi e riduzioni litogenesi fuori uso Grasso perso.

Come risultato di questi processi, c'è un aumento delle concentrazioni plasmatiche:

  • acidi grassi liberi,
  • trigliceridi,
  • acetoacetato,
  • beta-idrossibutirrato.

La conseguenza di questo squilibrio è lo stato immunosoppressione (diminuzione dell'immunità) e tempi di sopravvivenza più brevi.

Quindi possiamo vedere chiaramente che il processo neoplastico non è solo la crescita intensiva delle cellule all'interno di tessuti e organi sani, ma anche cambiamenti metabolici molto gravi che portano al disturbo dell'omeostasi dell'organismo.

Di conseguenza, il tumore provoca l'emaciamento del malato, visibile ad occhio nudo.

Di seguito è riportato un esempio di cane debilitato.

L'organismo devastato di un cane malato di cancro

I cambiamenti metabolici nel corso della malattia neoplastica si verificano prima dei cambiamenti clinici, quindi è estremamente importante avere una dieta appropriata ed equilibrata il più rapidamente possibile.

Ricorda che ogni corpo malato può avere un appetito peggiore e non mangiare la giusta quantità di cibo, e quindi non soddisfare il suo fabbisogno energetico.

Sembra estremamente importante fornirgli cibo gustoso con la giusta consistenza in modo che venga mangiato più volentieri.

Di conseguenza, questi sforzi porteranno al mantenimento di un peso corporeo appropriato, ne preverranno il declino e miglioreranno la qualità complessiva della vita durante la malattia.

Come nutrire il tuo cane/gatto con il cancro??

Cosa dare da mangiare a un animale malato di cancro??

Poiché le cellule tumorali hanno bisogno di grandi quantità di glucosio come fonte di energia, dovremmo rendere loro la vita difficile fornendo al corpo calorie sotto forma di grassi e proteine. Aminoacidi e acidi grassi non sono perché una buona fonte di energia per il cancro.

Pertanto, dovresti scegliere una dieta per il tuo animale domestico con una quantità maggiore di proteine ​​e grassi e una quantità ridotta di carboidrati.

Dovremmo anche ricordare che ridurre l'offerta di zucchero lo ridurrà iperglicemia (livelli di glucosio nel sangue più elevati), che è comune nel cancro a causa della resistenza all'insulina nei tessuti bersaglio.

In genere, per gli animali affetti da cancro, si consiglia un alimento che:

  • 50-60% le calorie derivano dai grassi,
  • 30-50% dalle proteine.

Tale dieta è più appetibile e previene la perdita di grasso corporeo.

Oltre alla percentuale di grassi nella dieta, è importante anche la loro composizione.

Quindi dovremmo aumentare la proporzione della dieta acidi grassi polinsaturi dalla famiglia n-3.

Alcuni amminoacidi possono inibire la crescita del tumore o rendere difficile la metastasi del tumore (ad es. arginina), mentre altri riducono gli effetti collaterali della chemioterapia (ad es. glicina) - quindi è importante anche la composizione delle proteine ​​contenute nel mangime.

Dieta oncologica per un cane/gatto malato di cancro

Dieta oncologica per animali

Quindi, come, se sei proprietario di un cane o gatto affetto da cancro, creargli una dieta adeguata, supportando le cure e garantendo il giusto peso corporeo??

A casa è davvero difficile e richiede una grande conoscenza nel campo della nutrizione animale e della dietetica, analizzare le composizioni degli alimenti e comporre le giuste quantità.

Pertanto, i mangimi commerciali già pronti, di cui ce ne sono molti oggi sul mercato, si rivelano utili.

Alimentazione con mangime pronto e bilanciato

Sul mercato è disponibile una quantità enorme di cibi pronti, di varie aziende, per diverse fasce di età e per specifici stati patologici. Sono anche disponibili alimenti oncologici, destinato agli animali affetti da cancro.

Quindi quale scegliere e cosa suggerire?

Ciò che è molto importante, ordinario Cibo per cani e gatti contengono troppi carboidrati (20-40% l'energia in essi contenuta proviene dagli zuccheri), quindi non devono essere utilizzati in animali affetti da cancro.

Qui è facile, essendo proprietario di un cane o di un gatto, cadere in una trappola e dare il cibo sbagliato, pur rimanendo nell'erronea convinzione che stiamo facendo tutto il possibile per il nostro reparto ammalato.

Quindi controlliamo, prima di tutto, la fonte di energia in tali alimenti, anche se sono dedicati durante il periodo di convalescenza e gli animali li mangiano avidamente. Il punto non è nutrire il tumore, ma il corpo, fornendogli la forza per combattere la malattia.

Cibo preparato in casa

Dieta casalinga per animali malati di cancro

Come ho scritto prima, è estremamente difficile preparare del buon cibo nella propria cucina.

In generale, dovremmo fare affidamento su prodotti a base di carne e Grasso limitante carboidrati, quindi piuttosto rinunciare:

  • Riso,
  • tutti i tipi di prodotti a base di farina,
  • pasta,
  • patate.

Questo può sembrare semplice in teoria, ma ricorda che non possiamo limitare il pasto di un animale solo a grassi e proteine.

Troppi di loro possono provocare anche diarrea o mettere a dura prova gli organi coinvolti nella loro digestione, come ad esempio fegato e pancreas.

Dovremmo arricchire tali alimenti fatti a mano con sostanze dalle comprovate proprietà antitumorali, perché chi non vorrebbe fare tutto per il proprio animale domestico??

Quindi qual è un esempio di dieta per il nostro animale domestico da utilizzare per le persone che vogliono preparare i propri pasti??

Ricorda che un animale gravemente malato, specialmente con un processo canceroso, può avere un appetito molto ridotto e rifiutarsi di mangiare anche cibi gustosi e consigliati, quindi è "meno male" dargli semplicemente ciò che vuole mangiare.

È meglio mangiare qualcosa, anche se in teoria sconsigliato, che non mangiare affatto e perdere peso.

Nel contesto del cancro, vale la pena considerare una dieta che ha sempre più seguaci e si basa su materie prime - carne, ad es BARF.

I fautori di questa dieta seguono la filosofia che un animale nutrito secondo la sua fisiologia ha un'immunità generale molto maggiore e migliore e quindi combatte meglio contro qualsiasi malattia, incluso il cancro.

Quindi cosa servire??

La base di questa dieta rimane carne cruda, che fornisce 60% tutta la dieta, la verdura, sono più vari 15%, additivi grezzi 10% (uova, olio di pesce), frattaglie 10%, e frutta 5%.

Dovrebbero esserci verdure e frutta misto in modo che assomiglino al contenuto dello stomaco degli erbivori che sarebbero le vittime del nostro cane nel loro ambiente naturale.

Dovremmo dare da mangiare al cane spinaci, broccoli, cavolo Se sedano ed evita cipolle e aglio.

Per quanto riguarda i dettagli della composizione di una dieta BARF Vi rimando all'articolo che descrive questo modo di nutrire i cani.

Come nutrire il tuo cane?

Quando si parla di alimentazione casalinga, vale sicuramente la pena puntare su quelle ben digerite e facilmente accessibili carne di pollame, che dovremmo cucinare. Non dovresti inoltre dimenticare l'integrazione di grassi, ad es. olio di pesce, olio di pesce e riducendo i carboidrati comuni - pasta, Riso, patate.

Nel cancro, come ho già scritto, la quantità di carboidrati dovrebbe essere limitata, il che in pratica non significa che siano completamente esclusi dalla dieta.

Possiamo tranquillamente restare anche semole cotte, ricordando che sono meno di venti% dose di cibo.

Naturalmente, una dieta autocomposta dovrebbe essere integrata con minerali, vitamine e integratori alimentari antitumorali.

Infine, vorrei sottolineare ancora una volta che comporre da soli una dieta buona ed equilibrata è estremamente difficile, perché richiede molte conoscenze nel campo della dietetica, soppesando ogni volta i singoli nutrienti.

È laborioso e costoso, quindi l'alimentazione è un metodo molto più consigliato diete pronte e sviluppate.

Ogni tumore dovrebbe essere trattato individualmente, quindi anche l'alimentazione sarà leggermente diversa e adattata a un caso specifico.

Per fornirvi alcune informazioni pratiche di carattere generale, suggerisco:

  1. Servire i pasti secondo il principio poco e spesso, quindi dividi la razione giornaliera in 3-4 applicazioni durante il giorno.
  2. Riscaldare il cibo a temperatura 38-39ºC che influisce sull'appetibilità del cibo e incoraggia l'animale capriccioso e malato a mangiare.
  3. I grassi utilizzati nella dieta migliorano anche l'appetibilità del cibo e forniscono inoltre calorie ed energia difficili da raggiungere per il tumore.
  4. ricordati di abituarsi al sistema digestivo per digerire la quantità di grasso nei pedoni, in modo da non causare diarrea nel cane.
  5. Rimuovere qualsiasi cibo non mangiato dall'animale e dargli fresco.
  6. Nel caso di una dieta BARF, ti suggerisco di seguire le raccomandazioni dettagliate che descrivono i principi di questa dieta.
  7. Inoltre, ricorda che non dobbiamo davvero preoccuparci dell'obesità negli animali con il cancro. Consentire loro di mangiare quanto vogliono, soprattutto durante la malattia, tenendo ovviamente sotto controllo il peso.

Integratori alimentari per cani: come arricchire il cibo per animali malati di cancro?

Acidi grassi insaturi

I successi degli ultimi anni nell'alimentazione degli animali e dell'uomo, in vari stati patologici, restano indispensabili acidi grassi insaturi, dalla famiglia n-3.

Acidi della famiglia n-6 sono assolutamente controindicate qui, in quanto agiscono in modo opposto:

può aumentare il rischio di metastasi e accelerare la crescita del tumore.

Un'azione di risparmio è accreditata acido eicosapentoenoico - EPA e docosaesaenoico - DHA.

Come lo fanno, tuttavia, non è completamente noto, sebbene ci siano diverse teorie, anche molto probabili.

Uno di loro afferma che costruendosi nelle membrane delle cellule tumorali cambiano la loro permeabilità, rendendole più suscettibili agli agenti chemioterapici e alle sostanze prodotte nel corpo.

in aumento e radicali liberi dell'ossigeno distruggono le cellule tumorali. Le migliori fonti di questi acidi sono olio di pesce o olio di lino, che può essere aggiunto a un pasto.

Ci sono anche integratori alimentari per cani già pronti contenenti ca 300 mg di DHA e EPA in una capsula.

Aminoacidi

Quando si compone una dieta per un animale che combatte il cancro, vale la pena considerare di arricchirla con arginina e glutammina. Questi due amminoacidi hanno effetti terapeutici provati, migliorano il sistema immunitario, inibiscono la crescita del tumore o riducono le metastasi.

Maggiori quantità di arginina e glutammina si trovano in:

  • latte e latticini e
  • carne di pollame,
  • pesce,
  • olio di semi di girasole.

HMB

Un'altra sostanza a cui pensare nel contesto del cancro e della cachessia è HMB cioè 3-idrossi-3-metilbutirrato.

Provoca l'inibizione del processo progressivo di diminuzione della massa muscolare, e ricostruisce anche i muscoli.

Ciò che vale la pena sottolineare, ci sono prodotti veterinari contenenti questo ingrediente che si trovano facilmente nei negozi.

Vitamine

Da anni anche alcune vitamine sono molto importanti, soprattutto quelle con proprietà antiossidanti, cioè la vitamina E, e e C.

Come dimostra la ricerca scientifica, il cancro è accompagnato da un aumento dello stress ossidativo e pertanto si consiglia un'integrazione vitaminica per contrastare gli effetti negativi dei radicali liberi dell'ossigeno.

In molti casi di cancro troviamo una diminuzione della concentrazione sierica vitamina C, zinco Se vitamina E e l'elevazione ferro da stiro e rame.

vitamina A

vitamina A e i suoi derivati ​​possono rivelarsi molto utili nel trattamento cancro della pelle, e facendo differenziare le cellule neoplastiche, le rendono più suscettibili al trattamento.

Vitamina C

Vitamina C blocca chimicamente il processo neoplastico inibendo la reazione di nitrosazione e può essere efficace in caso di tumori dell'apparato digerente.

vitamina E

vitamina E essendo uno spazzino di radicali liberi, protegge il corpo dal cancro.

In alcuni casi, può anche ridurre le modifiche esistenti, ad es. un caso di linfoma canino in cui è stata osservata una riduzione dei linfonodi periferici.

Tralascio apposta il dosaggio delle vitamine, perché è caratterizzato da una gamma e diversità molto ampia per ogni tipo di cancro ed è molto individuale.

Ci sono anche alcuni dubbi derivanti dalla somministrazione di vitamine ad animali affetti da cancro.

Si basano sul sospetto che, contrastando il ruolo svolto dai radicali liberi dell'ossigeno, proteggiamo le cellule cancerose dalla distruzione, ad esempio, da. chemioterapia.

Naturalmente, ogni tipo di neoplasia dovrebbe sempre essere trattato individualmente, perché, come dimostra la pratica, è diverso in ogni caso. A volte l'integrazione può "danneggiare" e in altri casi viceversa - aumentare le possibilità di sopravvivenza.

microelementi

Quando si prepara una dieta casalinga, dovremmo ricordare anche i micronutrienti come selenio Se ferro da stiro.

Per quanto riguarda i primi spettacoli effetto antitumorale e il più consigliato è il ferro può aumentare il rischio di sviluppare il cancro e accelerare la crescita del tumore.

È stato dimostrato nella ricerca condotta che composti di selenio inibire la crescita di un tumore della ghiandola mammaria nei cani.

Possono anche prevenire lo sviluppo del cancro alla prostata nei cani limitando il danno al DNA e stimolando l'apoptosi, cioè la distruzione delle cellule tumorali.

È noto che le cellule neoplastiche richiedono una crescita intensiva ioni di ferro sembra quindi logico limitarne l'apporto nella dieta degli animali malati, come si fa nel caso dei tumori umani.

Quindi rinunciamo alla carne scura e ricca di ferro, per esempio Maiale, Manzo Se gioco a favore del pollame, pesce Se agnello.

Piante che mostrano proprietà antitumorali

Mi sembra anche una buona idea introdurre alcune verdure nella dieta degli animali, in quanto hanno proprietà antitumorali. Questi includono, ad esempio:

  • broccoli,
  • spinaci,
  • cavolo,
  • sedano.

Una pianta controversa nel contesto del suo utilizzo in animali con spiccata attività antitumorale sembra essere Aglio.

Oltre al comprovato effetto benefico nel cancro (contiene sostanze tossiche per le cellule tumorali), può causare sintomi di avvelenamento negli animali manifestati dall'emolisi. Ecco perché l'uso dell'aglio negli animali deve essere considerato molto attentamente e consultato con un veterinario.

Personalmente sconsiglio l'utilizzo dell'aglio da solo, e se è piuttosto sotto forma di integratori alimentari già pronti destinati all'uomo o preferibilmente dedicati specificamente agli animali.

Dieta BARF

Di recente, è diventato sempre più popolare dieta cruda chiamato in breve BARF. La dieta BARF è consigliata da molti specialisti in neoplasie.

I fedeli sostenitori di questo metodo di nutrizione aderiscono al principio secondo il quale il ritorno al metodo di alimentazione animale più fisiologicamente simile, basato su ingredienti non trasformati presenti in natura, fornisce un'immunità naturale e aumenta la vitalità del corpo.

Secondo i principi su cui si basa la dieta BARF, tutti i pasti dovrebbero essere crudi.

Da questa dieta escludiamo:

  • cereali,
  • prodotti a base di carboidrati,
  • la maggior parte delle verdure e della frutta,
  • Latticini,
  • miele.

Quindi cosa diamo?

Prevalentemente crudo:

  • carne di pollame,
  • carne di pesce,
  • carne di coniglio,
  • evitiamo le carni rosse (maiale e manzo),
  • lattuga e broccoli,
  • integriamo i pasti con grassi e oli vegetali.

Altro sulla dieta BARF imparerai dall'articolo: "Vantaggi e svantaggi della dieta BARF. Principi di alimentazione del cane e del gatto "

Dieta e cancro

Finora, l'articolo ha descritto la situazione:

cosa dare da mangiare a un animale malato di cancro?

Intanto vale anche la pena ricordare cosa non dare per ridurre il rischio di ammalarsi, ovvero un po' sul rapporto tra dieta e cancro.

Ebbene, in alcuni tumori specifici, è stata scientificamente provata la relazione tra l'alimentazione di determinati alimenti e un'aumentata incidenza della malattia.

Per esempio:

nella dieta delle femmine con cancro mammario i cibi che consegnavano la media dominavano poco più del 40% di energia dai grassi, mentre nelle restanti femmine sane la percentuale di grasso era più alta.

Inoltre, quelli sani sono stati alimentati principalmente con una dieta casalinga.

In altri studi è stato dimostrato impatto negativo della nutrizione della carne, soprattutto manzo e maiale, quindi la cosiddetta "carne rossa" e quindi un rischio maggiore tumori della ghiandola mammaria.

In caso di carcinoma orale a cellule squamose fattore di rischio era alimentazione con cibo umido o lattine.

È stato anche assolutamente dimostrato che il sovrappeso e l'obesità possono aumentare il rischio di alcuni tumori nei cani - da qui l'importante prevenzione e cura per le condizioni adeguate del tuo animale domestico.

Questi sono, ovviamente, solo esempi, poiché non conosciamo appieno tutti i potenziali fattori neoplastici.

La ricerca è ancora in corso.

Devono mostrare e farci capire quanto sia importante nutrire adeguatamente gli animali in ogni fase della loro vita e del loro sviluppo.

Alimenti pronti per animali malati di cancro

Alimento oncologico per il cane

Sul mercato dei prodotti animali abbiamo anche mangimi oncologici già pronti e integratori alimentari consigliati per animali affetti da cancro.

Sono certamente un'alternativa nutrizionale che vale la pena considerare in quanto supportano il processo di guarigione fornendo tutti i nutrienti necessari al corpo che combatte il cancro.

Tuttavia, dobbiamo ricordare che contenere grandi quantità di grassi ed energia deve essere introdotto gradualmente nella dieta dell'animale. Vale la pena ricordare perché un improvviso cambio di dieta può causare disturbi dell'apparato digerente che non sono abituati a digerire maggiori quantità di grassi.

Uno di questi alimenti oncologici è, per esempio Hill's Prescription Diet N/D Panine.

Ci sono anche integratori alimentari che contengono sostanze molto utili nella lotta contro il processo del cancro.

Questo è per esempio Vetfood NTS Immunoactive Anticachectic capsule.

Vale la pena sfruttare queste opportunità perché aumentano le possibilità di migliorare il comfort e prolungare la vita di un animale domestico malato di cancro.

Ne vale la pena??

Ne vale la pena??

Il processo neoplastico negli animali è una malattia cronica molto grave, pericolosa, che spesso porta alla morte.

Per molti proprietari una diagnosi del genere suona come una frase ed è motivo di eutanasia degli animali.

Tuttavia, per tutti coloro che vogliono combattere il cancro, abbiamo l'opportunità di migliorare il comfort di essere malati e aumentare la durata della sopravvivenza degli animali.

Allora perché non approfittarne?

Per mia esperienza conosco molti esempi di malati terminali di cancro di cani e gatti, i cui proprietari non si sono arresi, nonostante la diagnosi sfavorevole.

Grazie a questo, potrebbero godere a lungo della presenza dei loro animali domestici.

Hanno preso la lotta, guadagnando molti mesi di vita e quando hanno detto addio ai loro carichi, hanno potuto tranquillamente dire che avevano fatto tutto il possibile.

Penso che sia in questo approccio agli animali che si rivela la nostra umanità e si scopre che tipo di persone siamo veramente.

Non si tratta di prolungare la vita a tutti i costi, condannando l'animale a sofferenze inutili, ma di garantire il conforto della malattia e aiutare chi non è in grado di liberarsi. La nutrizione specialistica serve a questo scopo, quindi non rinunciamoci, perché porta davvero benefici misurabili.

Hai domande relative all'alimentazione degli animali affetti da cancro?

Vuoi saperne di più sullo sviluppo di una dieta oncologica?

Ora aggiungi un commento sotto l'articolo - risponderò a tutte le tue domande.

Fonti utilizzate >>

Raccomandato
Lascia Il Tuo Commento